Incendi in Australia. Estensione, gravità e conseguenze di un dramma ambientale

La lista di vittime umane e animali degli incendi in Australia continua a crescere, il fumo è arrivato perfino in Sudamerica e, forse, una specie si è già estinta.

Ultimo aggiornamento: 16 gennaio – l’articolo è stato corretto in seguito alla rettifica da parte delle forze dell’ordine australiane sul numero di piromani arrestati (180)

Piro cumulinembi che oscurano il sole, una luce arancione che ammanta di irrealtà l’ambiente circostante, carcasse carbonizzate di koala e canguri, intere cittadine rase al suolo. Se non è l’apocalisse, poco ci manca. L’Australia, da oltre quattro mesi, brucia come un cerino, uccidendo persone e migliaia di animali, carbonizzando antiche foreste e vomitando nell’atmosfera milioni di tonnellate di CO2.

Leggi anche: Crisi climatica: 8 record inquietanti dal decennio che abbiamo appena vissuto

La situazione non sembra destinata a migliorare nel breve periodo, anzi, la stagione degli incendi è ancora lunga e si prevede che le temperature, che hanno già fatto registrare il massimo storico, continueranno ad aumentare alimentando ulteriormente le fiamme, che potrebbero potenzialmente bruciare fino a 15 milioni di ettari.

Area boschiva vicino Sidney in fiamme
Le fiamme hanno bruciato oltre il 10 per cento della superficie coperta dai parchi nazionali del Nuovo Galles del Sud, tra cui il 20 per cento dell’area occupata dalle Blue Mountains © Darrian Traynor/Getty Images

Una stagione di incendi da record in Australia

Gli incendi che divampano dallo scorso settembre, provocati perlopiù da fulmini, hanno bruciato circa nove milioni di ettari di territorio, oltre due volte la superficie dell’intero Belgio, il quadruplo della Lombardia. “In sole quattro annate negli ultimi 50 anni la superficie bruciata nel Nuovo Galles del Sud ha superato un milione di ettari, e oggi ha quasi raggiunto il doppio della seconda annata più drammatica (il 1974 con 3,5 milioni di ettari percorsi)”, ha spiegato Giorgio Vacchiano, ricercatore in gestione e pianificazione forestale dell’università Statale di Milano.

Le fiamme hanno distrutto vaste aree boschive che circondano Sydney, tra cui parchi nazionali e aree protette, come le Blue Mountains, che ospitano specie animali e vegetali particolarmente protette.

Pompieri in azione nello stato australiano del Nuovo Galles del Sud
Vigili del fuoco che lottano contro il forte vento nel tentativo di proteggere le case dagli incendi nei pressi della città di Nowra, nello stato australiano del Nuovo Galles del Sud © SAEED KHAN/AFP via Getty Images

Il fumo degli incendi, che ha percorso migliaia di chilometri arrivando fino alla Nuova Zelanda, dove la cenere ha ingiallito i ghiacciai (accelerandone così la fusione), e perfino in Sudamerica, ha reso irrespirabile l’aria di molte città australiane. A Canberra, grande città dell’entroterra, la scorsa settimana è stata registrata la peggiore qualità dell’aria al mondo, mentre a Sydney, offuscata da una nube di polveri sottili, si è verificato un aumento del 10 per cento dei ricoveri ospedalieri.

Leggi anche: Australia, l’ondata di caldo anomalo batte ogni record

Quante persone sono morte negli incendi

Dall’inizio degli incendi le fiamme hanno causato 28 vittime accertate, tra cui tre pompieri volontari, mentre al momento risultano quattro dispersi negli stati del Nuovo Galles del Sud e di Victoria. Oltre 1.500 abitazioni sono state distrutte, 900 nel solo Nuovo Galles del Sud, lo stato più gravemente colpito dagli incendi, nel quale continuano a divampare circa 50 roghi.

Leggi anche: L’Australia brucia, decine di incendi in due stati. Dichiarata l’emergenza

La città di Balmoral, situata a sudovest di Sydney, è stata quasi completamente distrutta da un incendio. Migliaia di persone sono state evacuate e i militari sono stati inviati per portare cibo, acqua e carburante nelle città più colpite e rimaste isolate.

Uomo davanti ai resti bruciati della sua proprietà, in Australia
Il 18 dicembre le temperature massime in Australia si sono attestate su una media di 41,9 gradi centigradi, con picchi di quasi 48 gradi © Darrian Traynor/Getty Images

Una catastrofe per la biodiversità australiana e globale

Pochi giorni fa un ecologo dell’università di Sidney aveva provato a stimare il numero di animali morti negli incendi, basandosi sul calcolo della perdita di habitat. Secondo la stima sarebbero morti circa 487,5 milioni di animali, tra uccelli, rettili e mammiferi. Questo numero catastrofico potrebbe essere ampiamente sottostimato, secondo il Wwf Australia sarebbero infatti morti, direttamente o indirettamente, oltre un miliardo di animali.

Questi dati sono particolarmente gravi considerata la peculiarità della fauna australiana, composta da creature uniche al mondo, evolutesi separatamente dal resto del pianeta nella loro isola-continente, l’87 per cento delle specie è infatti endemico. Le vittime animali più note degli incendi sono i koala (Phascolarctos cinereus), le cui popolazioni avrebbero subito un drastico, e forse irreversibile, declino.

Leggi anche

Anche specie meno note e iconiche, ma non meno preziose, potrebbero essere cancellate per sempre dalla faccia della Terra dagli incendi. Come l’Anthochaera phrygia, uccello classificato in pericolo critico dalla Lista rossa della Iucn (Unione mondiale per la conservazione della natura) di cui sopravvivono in natura appena tra i 250 e i 400 esemplari. Circa l’80 per cento delle coppie nidificanti vive, o forse meglio scrivere viveva, nelle Blue Mountains, tra le foreste più colpite dalle fiamme. O come la Assa darlingtoni, minuscola rana dalle sofisticate cure parentali che popola le antiche foreste pluviali del Gondwana e che necessita di particolari condizioni di umidità per sopravvivere, o il pino di Wollemi (Wollemia nobilis).

Koala ferito in un centro di recupero
Un koala ferito dalle fiamme al Kangaroo island wildlife park, sull’Isola dei canguri © Lisa Maree Williams/Getty Images

Il bush australiano e le specie che lo popolano, ha però precisato Vacchiano, si sono evolute per coesistere con le fiamme. “Si tratta di una vegetazione che è nata per bruciare: il clima dell’Australia centrale è stato molto arido negli ultimi 100 milioni di anni, e gli incendi causati dai fulmini sono stati così frequenti da costringere le piante a evolversi per superarli nel migliore dei modi: lasciarsi bruciare! Il fuoco infatti, se da un lato distrugge la vegetazione esistente, dall’altro apre nuovi spazi perché le piante si possano riprodurre e rinnovare. Tuttavia, questa volta le condizioni di siccità sono così estreme che sono in fiamme anche ecosistemi forestali tradizionalmente più umidi e raramente interessati dal fuoco. Anche gli animali conoscono il pericolo e sanno rispondere, molti animali non troveranno più condizioni idonee, molti altri invece ne troveranno addirittura di migliori”.

La prima specie (forse) estinta per gli incendi in Australia

Oltre un terzo dell’Isola dei canguri, situata al largo dell’Australia meridionale, è costituita da riserve naturali per tutelare la sua fauna. Pochi giorni fa anche l’isola è stata colpita da violenti incendi che hanno ucciso due persone e migliaia di animali. Secondo le autorità nelle fiamme sarebbero morti circa 25mila koala. Metà della popolazione dell’isola, che prima di questa tragedia era considerata una sorta di polizza di assicurazione per la sopravvivenza di questi marsupiali, poiché i koala dell’isola erano gli unici non affetti dalla clamidia (Chlamydophila pecorum), infezione batterica simile all’hiv.  

Sull’isola viveva anche un piccolo marsupiale endemico chiamato Sminthopsis aitkeni. Questo piccolo mammifero, simile ad un topo, potrebbe essere la prima specie estinta a causa degli incendi in Australia. Questa rara sottospecie abita infatti solo in un’area all’estremità occidentale dell’isola, completamente distrutta dalle fiamme. Secondo quanto riferito dalla ong Kangaroo island land for wildlife, l’intero habitat della specie, che conta solo 300 individui, è stato bruciato. L’obiettivo dei ricercatori, non appena le fiamme si saranno placate, è quello di cercare eventuali superstiti e allevarli in cattività per evitarne la definitiva estinzione.

Ma il governo australiano nega il riscaldamento globale

In un allarmante circolo vizioso gli incendi boschivi, favoriti dalle inusuali condizioni meteorologiche provocate dai cambiamenti climatici, stanno esacerbando la già grave crisi climatica in atto. Le fiamme avrebbero infatti provocato l’emissione di oltre 300 milioni di tonnellate di CO2, equivalente a quasi tutte le emissioni annuali di gas serra prodotte dall’intera Australia. Ciononostante il governo australiano continua a negare un collegamento tra i cambiamenti climatici e gli incendi boschivi che stanno devastando il Paese, e non sembra affatto intenzionato a migliorare la propria insufficiente politica climatica.

Leggi anche: Australia, gli incendi boschivi hanno provocato l’emissione di 250 milioni di tonnellate di CO2

L’Australia, ha ricordato la pagina Facebook CrowdForest, “spende circa mille dollari all’anno per abitante di sussidi all’industria del carbone, esporta carbone per due volte le emissioni che produce internamente e segue degli impegni per la decarbonizzazione compatibili con un aumento della temperatura globale di 3 gradi”. Il primo ministro australiano, il conservatore Scott Morrison, è volato alle Hawaii per le vacanze nel bel mezzo della crisi e ha dichiarato che il suo governo non rafforzerà le politiche per combattere i cambiamenti climatici.

Pompieri cercano di domare le fiamme nelle foreste vicino Sydeny
Le reali conseguenze ecologiche degli incendi non sono ancora note e saranno approfondite quando le fiamme cesseranno di ardere © Sam Mooy/Getty Images

Il fumo raggiunge il Sudamerica

Per comprendere, almeno in parte, la vastità degli incendi australiani basti pensare che il fumo dei roghi ha percorso oltre 12mila chilometri. La nuvola di fumo è infatti stata avvistata in Cile e Argentina, secondo quanto riferito dai servizi meteorologici dei due paesi lo scorso 6 gennaio. Il fumo, secondo l’istituto meteorologico Metsul, potrebbe raggiungere il Rio Grande do Sul, lo stato più meridionale del Brasile.

Non solo fatalità dietro agli incendi

Come se non bastassero il clima straordinariamente caldo e la siccità che si protrae in alcune aree del Paese da quasi tre anni, dietro agli incendi ci sarebbe anche la mano dell’uomo, anche se in misura minore di quanto non fosse trapelato inizialmente. Il dato di 183 persone arrestate per aver appiccato incendi dolosi è infatti stato smentito dalla polizia australiana. Questo numero non è relativo agli arresti ma alle azioni di polizia effettuate nei confronti di sospetti piromani e non è relativo solamente a questa stagione di incendi, ma a tutto il 2019.

Bandiera australiana sventola sul cielo reso rosso dagli incendi
Il 2019 è stato in Australia l’anno più caldo e più secco mai registrato dal 1900 a oggi, questo ha favorito lo scoppio e la propagazione degli incendi © Darrian Traynor/Getty Images

La polizia di Victoria ha inoltre precisato che non ci sono prove che suggeriscano che i devastanti incendi boschivi che hanno colpito lo stato siano di origine dolosa. I dati gonfiati circa il numero di piromani arrestati sarebbero stati utilizzati per minare il legame tra gli incendi particolarmente estesi e devastanti e i cambiamenti climatici. Il quotidiano britannico Guardian ha riportato che, secondo una ricerca preliminare dell’università del Queensland, bot e troll sarebbero coinvolti in una campagna di diffusione della disinformazione riguardante gli incendi dolosi su Twitter. Sebbene quello degli incendi dolosi sia un grave problema in Australia, tutte le istituzioni scientifiche sono concordi nel riconoscere il ruolo del riscaldamento globale di origine antropica in questa inusuale e terribile stagione degli incendi.

Articoli correlati