Australian shepherd, l’affettuoso cane da pastore ideale per gli sportivi

L’australian shepherd è un cane da pastore molto famoso in America. Da noi, invece, è diventato il fedele compagno di chi ama gli sport cinofili e la vita all’aria aperta in compagnia del proprio amico a quattro zampe.

L’australian shepherd non nasce in Australia, come il suo nome potrebbe erroneamente far credere, ma negli Stati Uniti, dove gli antenati di questo cane da pastore arrivarono tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento con i coloni che si insediarono nel Nuovo Mondo e iniziarono ad allevarli. Ed è proprio in Arizona che nel 1957 venne fondato l’Asca (Australian shepherd club of America). Al 1976, invece, risale il primo standard di razza.

Leggi anche:

Australian shepherd
L’australian shepherd è un cane socievole e molto amichevole con le persone e i suoi simili © Pixabay

Australian shepherd, un perfetto cane sportivo

L’australian shepherd sembra essere derivato da un incrocio di razze da pastore e tra i suoi antenati, infatti, figurano molti cani adibiti alla vigilanza e alla protezione di mandrie e greggi. “Si tratta di un cane da lavoro, di media/grande dimensione che veniva utilizzato per radunare mandrie di bovini o greggi di capre e pecore. La razza, quindi, è dotata di energia e caparbietà per svolgere al meglio un lavoro spesso duro e pericoloso”, spiega l’educatore cinofilo Bruno Ferrari.

Ideale per chi vuole vivere e stare all’aria aperta con il proprio compagno a quattro zampe, l’australian shepherd è un cane docile e affettuoso, amante dei bambini e della vita in famiglia, della quale si prende cura come originariamente faceva con le sue greggi. È detto anche il “cane che sorride” per una sua particolare attitudine ad alzare le labbra mostrando i denti in quello che non deve essere confuso con un ringhio.

“L’australian shepherd è un atleta polivalente, adatto alle varie attività sportive come l’obedience classica e la rally obedience, ma ottimo in agility (anche se meno di un border collie per la differenza di stazza). È un grande atleta anche per quando riguarda il dog human fitness e il canicross”. La razza è comunque perfetta per aiutare l’uomo in vari contesti. L’australian shepherd è noto, infatti, anche come cane antidroga, come cane-guida per ciechi e da salvataggio.

Australian shepherd
L’australian shepherd ha un mantello lungo e ondulato che si declina in varie colorazioni. Particolari, in alcuni soggetti, gli occhi azzurri © Pixabay

I colori del mantello e la salute

L’australian shepherd ha mantello lungo e ondulato. La razza si declina in vari colori: il nero e il tricolor black, il marrone e il tricolor red, il blue merle e il red merle. Il bianco è ammesso su collo (collare intero o parziale), petto, arti, parti inferiori del muso, lista sulla testa e può estendersi, a partire dalla regione inferiore, per dieci centimetri, misurando da una linea orizzontale che passa dal gomito. Il bianco sulla testa non deve predominare, e gli occhi devono essere completamente circondati da colore e pigmento.

“Sono cani che possono avere salute delicata ed è bene, all’acquisto, considerare le linee di sangue da cui proviene il cucciolo che si sceglierà per compagno”, spiega Bruno Ferrari. L’australian shepherd può soffrire di malattie ereditarie come la displasia dell’anca, le oculopatie (in particolare la cataratta), l’epilessia (che insorge generalmente dopo i tre anni di età). Attenzione anche alle anestesie. Prima di un qualsiasi intervento chirurgico che preveda una sedazione i cani di questa razza andrebbero sottoposti al test Mdr1 per verificare la potenziale intolleranza ad alcuni farmaci usati allo scopo.

Articoli correlati