È veloce e silenziosa la prima barca svedese 100 per cento elettrica

La prima barca svedese 100 per cento elettrica mette insieme tecnologia e qualità artigianale per viaggiare in mare senza rinunciare né alla velocità né al silenzio. X shore ha la sostenibilità come sua missione.

La sostenibilità è il fil rouge che guida le attività professionali e personali di Konrad Bergstöm, imprenditore svedese visionario, ex proprietario del marchio Marshall, leader nella produzione di casse acustiche, amplificatori e cuffie. Oggi è fondatore di X shore, che produce barche 100 per cento elettriche, veloci come le tradizionali barche a motore e silenziose e non inquinanti come le barche a vela.

Konrad Bergström imprenditore svedese x-shore barca elettrica
Konrad Bergström, l’imprenditore svedese di X shore a bordo della barca 100 per cento elettrica © Johanna Gunnberg

L’imprenditore con uno stile di vita sostenibile

Cresciuto in Svezia con la famiglia in una casa sul mare, in un luogo dove le persone hanno vissuto in armonia con l’ambiente per secoli, il capitano di marina Bergström crede nei principi della vita sostenibile che applica alle attività quotidiane e professionali. Oltre al mare, ama fare ginnastica in mezzo al verde, mangiare cibo sano e locale, produrre cibo per la sua famiglia nel suo giardino in centro a Stoccolma dove ha circa cinquanta specie di piante diverse. “Con uno sguardo verso il futuro, non credo che si possa pensare a un’azienda di qualsiasi tipo che non sia sostenibile,” afferma nella sua veste di imprenditore.

Sa che per raggiungere un obiettivo bisogna crederci profondamente e lavorare duramente. Lui lo fa oggi con una squadra di collaboratori, ingegneri, entusiasti e appassionati per migliorare costantemente le prestazioni delle sue barche elettriche sperimentali attraverso la tecnologia, per arrivare ad abbatterne il prezzo e renderlo accessibile nel prossimo futuro. Il suo sogno, che sta diventando realtà, è quello di realizzare una barca che abbini velocità e silenzio. Tecnologia e saper fare artigianale, un mix per innovare e poter sperimentare nuove sensazioni.

X-Shore barca elettrica dettaglio design scalini
Il sofisticato dettaglio funzionale del design degli scalini di accesso alla barca sviluppata da X shore © Johanna Gunnberg

La barca elettrica e il potere del silenzio

Per la presentazione della barca 100 per cento elettrica a Palma di Maiorca nel maggio scorso e poi al Salone nautico di Venezia in giugno, X shore ha scelto infatti come claim The power of silence, “il potere del silenzio”. “L’esperienza di una barca elettrica è indescrivibile. Oggi è una questione di costo della tecnologia, ma la nostra ambizione è di arrivare a un prezzo basso. Allo stato attuale delle cose la sostenibilità in certi prodotti è un lusso, ma domani non lo sarà. Pensiamo ad esempio a come potrebbe cambiare, in termini di minor inquinamento, una città come Venezia se i vaporetti e i taxi fossero elettrici”.

Bergström non perde occasione per promuovere la sostenibilità a tutti i livelli. Lo accompagna, infatti, nelle presentazioni della barca la famosa chef svedese Frida Ronge, paladina della cucina vegetariana sostenibile con influssi di quella giapponese.

Leggi anche:

X-Shore barca elettrica dettaglio design scalini
Dettaglio della barca 100 per cento elettrica di X shore totalmente rivestita all’interno in sughero © Johanna Gunnberg

La storia della barca di X shore

L’avventura sperimentale è iniziata nel 1996 ma la tecnica per la propulsione elettrica era ancora agli albori. Solo nel 2012 ha cominciato a prendere forma, e nel 2016 è stato realizzato il primo prototipo funzionante, mentre la produzione è stata lanciata all’inizio di quest’anno. Con nuove tecnologie e ricerca innovativa, design intelligente e materiali sostenibili, X shore abbraccia la lunga tradizione dell’artigianato marittimo, scartando al contempo la dipendenza dai combustibili fossili.

Essere su una barca elettrica significa essere liberi di esplorare senza il rumore e i fumi di un motore a combustibile fossile. Liberi di connettersi con l’ambiente circostante, vivere il mondo intorno a sé e viaggiare senza danneggiare l’ambiente.

Design e funzionalità

La barca di X shore può ospitare da otto a dodici persone per gite giornaliere e può essere configurata con una varietà di posti a sedere a scelta del committente che può inoltre personalizzare lo scafo scegliendo materiali e dettagli diversi. Dal punto di vista tecnico costruttivo, queste sono le sue caratteristiche salienti:

  • L’elica appositamente progettata, combinata con un albero dritto, fornisce una maggiore potenza conservando energia e ottenendo una stabilizzazione superiore.
  • Il design brevettato dello scafo funge da semi-aliscafo, che alza parzialmente lo scafo fuori dall’acqua con l’aumentare della velocità. Ciò riduce la resistenza e il consumo di energia, producendo una maggiore velocità.
  • Le creste creano sacche d’aria nella sezione sommersa dello scafo, diminuendo ulteriormente la resistenza.
  • Le batterie al litio sono leggere e potenti. Il sistema di progettazione modulare delle batterie consente di adattarsi ai futuri prossimi miglioramenti tecnologici che ridurranno l’impatto e l’ingombro delle batterie.
  • Il motore in combinazione con il cambio magnetico è privo di attrito e silenzioso, azzerando le vibrazioni e offrendo la massima energia.
  • La cabina di pilotaggio è progettata per un uso e un controllo intuitivi, con una posizione elevata per una vista a 360 gradi del mare aperto.
  • La barca è dotata di propulsori anteriori e posteriori per una maggiore agilità e libertà di movimento, il software di base della barca garantisce il viaggio e la gestione della batteria più fluidi.

I principi del design scandinavo – essenzialità, funzionalità, attenzione ai dettagli d’uso, linee pulite e minimaliste – hanno guidato il progetto della barca che ha uno stile completamente diverso da quello delle barche di lusso. I materiali utilizzati garantiscono un basso impatto ambientale. L’interno è tutto rivestito in sughero e i colori, sabbia e verde bosco chiaro, sono stati scelti per integrarsi con l‘ambiente naturale con il minor impatto visivo.

Articoli correlati
Economia circolare. Così l’auto diventa più virtuosa

Fabbriche e processi produttivi sempre più efficienti, rivestimenti ricavati dalla plastica. Persino una smart island dove l’auto elettrica è parte del sistema energetico locale. L’auto nell’economia circolare secondo Renault.