Beppe Grillo alza bandiera bianca

Notte di Capodanno 2001, “discorso all’umanità” di Beppe Grillo: i temi ambientali in secondo piano, informazione italiana distorta e guerra in primo piano.

Discorso all’umanità amaro, sferzante, e stavolta poco ‘verde’.
Notte del 31 dicembre 2001. Beppe Grillo parla. Ed alza bandiera
bianca.

Un Beppe Grillo “contrariato” (nel vero senso della parola: era
a testa in giu’ rispetto allo studio di registrazione!) ha
pronunciato, come di consueto, il suo ‘discorso all’umanità subito
dopo il noioso e scontato discorso del Presidente Ciampi. Lo show,
durato circa mezz’ora, e’ stato diffuso da Tele+.

I temi trattati: dopo un’apertura sulla ricerca della verità e
le distorsioni dell’informazione italiana, i retroscena
internazionali della guerra, e qualche stoccata a Bush jr.; le
mosse del primo ministro italiano; Gino Strada ed Emergency.
Qualche accenno alla globalizzazione.

Un po’ meno ‘ecologico’ rispetto al “discorso all’umanita'”
dell’anno passato. Allora Beppe Grillo aveva parlato dell’effetto
serra, delle emissioni di anidride carbonica e gas serra, della
politica ambientale internazionale, delle piante transgeniche e
degli interessi delle multinazionali. Quest’anno no, non c’era
spazio.

In effetti tutti i temi della difesa ambientale e del pianeta
sono stati spazzati via dal maledetto attentato dell’11 settembre,
e dalla guerra e dal terrorismo. Anche Beppe Grillo non ha potuto
fare altro che stringere in un abbraccio ideale Gino Strada,
fondatore di Emergency, e sventolare per lui una bandiera
bianca.

Non in segno di resa, pero’. In segno di rifiuto dei soldi dei
governi che da un lato bombardano e dall’altro vorrebbero
finanziare gli ospedali da campo; in rifiuto delle ideologie; in
rifiuto della logica ‘o con l’America, o contro’; in rifiuto
dell’idea ‘o con noi, o contro di noi’.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
La strage dei bambini a Gaza nella foto vincitrice del World press photo 2024

Si chiamava Saly, aveva cinque anni. Nello scatto vincitore del World press photo 2024, il concorso di fotogiornalismo più importante al mondo, non si vede un centimetro del suo corpo senza vita. E non si vede nemmeno il volto della zia, Ines Abu Maamar, che lo stringe forte a sé. Mohammad Salem, fotografo dell’agenzia Reuters,