Biologico

Cannelloni con robiola e topinambur

Le paste ripiene come i cannelloni nascono come piatti poveri e diventano successivamente con il cambiare dei tempi piatti di portata delle festività.

indice_sostenibilita_03

Ingredienti:

12 cannelloni
300g di topinambur
1 uovo
150g di robiola
50g di pecorino
1 cucchiaio di bacche di pepe rosa
1 mazzetto di prezzemolo
½ cipolla
½ Noce moscata
Olio extravergine di oliva q.b.
Sale q.b.

Tempo di preparazione: 1 ora e 50 min circa

cannelloni

 

Preparazione:

In una pentola scaldare due cucchiai d’olio e lasciare appassire la cipolla tagliata a fettine sottili. Unire i topinambur a pezzetti, fare insaporire alcuni minuti, aggiungere un po’ di acqua e portare a bollore. Cuocere a fuoco basso, coperto, per mezz’ora. Frullare il tutto fino a ottenere una crema omogenea. Spezzettare il pepe rosa aggiungere all’impasto e regolare di sale. Separare in due ciotole la crema e lasciare raffreddare per qualche istante. In una delle due ciotole unire la robiola, il pecorino grattugiato, il prezzemolo tritato, l’uovo sbattuto, e infine grattare la noce moscata. Mescolare bene e procedere con la farcitura dei cannelloni. Mettere i cannelloni in una teglia con un po’ di olio e ricoprire con la restante crema. Lasciare cuocere a 180° C per circa mezz’ora.

topinambur_interna

Notizie e consigli:

Le paste ripiene nascono come piatti poveri e diventano successivamente con il cambiare del tempi piatti di portata delle festività. Possono essere farcite con verdure, formaggi, carni e pesci. Accompagnare ai cannelloni con robiola e topinambur con un Marzemino del trentino doc, un vino rosso dal profumo avvolgente, balsamico, inconfondibile, da servire a 16°C.

Articoli correlati
Biologico, il momento decisivo è adesso

Le associazioni del biologico chiedono all’Italia di stare al passo con le strategie europee per una transizione agroecologica. Il commento della presidente di Federbio, Maria Grazia Mammuccini.

Le api e l’olio, torna il concorso che protegge le api

La coltivazione bio degli oliveti favorisce la sopravvivenza delle api, custodi della biodiversità a tavola. Un circolo virtuoso a cui potete partecipare anche voi con l’extravergine Bios Monini e LifeGate, grazie al progetto Le api e l’olio, che torna alla terza edizione.

sponsorizzato da Monini