Il cerotto per coralli, un’invenzione tutta italiana per guarire le barriere coralline dalle infezioni

Per curare le patologie che affliggono i coralli, un gruppo di ricercatori italiani ha ideato un cerotto molto speciale, che si prospetta come rivoluzionario.

Anche i coralli possono ferirsi. Ma presto potrebbero avere anche loro a disposizione una delle soluzioni più semplici a cui spesso ricorriamo in caso di piccole abrasioni: l’applicazione di un cerotto.

I cerotti per coralli sono stati messi a punto dall’Istituto italiano di tecnologia (Iit), in collaborazione con il centro di ricerca marina dell’università di Milano-Bicocca situato alle Maldive. Si tratta di cerotti molto speciali, biocompatibili e biodegradabili, che si applicano sulle parti lesionate del corallo e rilasciano gradualmente princìpi attivi di vario tipo, come antibatterici, antiprotozoari e antifungini, ognuno dei quali capace di curare una specifica patologia.

I coralli, animali acquatici appartenenti alla classe degli Antozoi, sono spesso soggetti a infezioni batteriche, virali o fungine per colpa dei danni causati dalle attività umane, dall’inquinamento e dall’aumento della temperatura oceanica, responsabile del fenomeno conosciuto come sbiancamento. Unitamente al calore, gli oceani assorbono anche anidride carbonica: una concentrazione troppo elevata del gas provoca l’acidificazione delle acque, insieme all’indebolimento dell’esoscheletro dei coralli.

Perché il cerotto per coralli rappresenta una svolta nella cura di questi organismi

Le barriere coralline, costituite dalla sedimentazione degli scheletri calcarei dei coralli, rappresentano ecosistemi preziosissimi che offrono riparo e protezione a migliaia di specie di pesci, crostacei, molluschi ed echinodermi (come stelle marine, ricci e cetrioli di mare). Proteggerle, pertanto, è fondamentale. Per questo i ricercatori dell’Iit hanno pensato ad una soluzione semplice ma efficace, come può essere un cerotto in grado di rilasciare sostanze farmaceutiche.

Leggi anche:

“Questo lavoro rappresenta un’assoluta novità nello studio e nel trattamento delle malattie dei coralli”, spiega Simone Montano, ricercatore della Bicocca. “Oggi, per limitare l’impatto di queste patologie, la tecnica che viene più comunemente utilizzata è la totale o parziale rimozione della colonia, con conseguente ulteriore danno alle comunità coralline. Grazie a questo studio, i coralli malati potrebbero essere curati direttamente in loco, permettendo una conservazione più efficace di uno degli ecosistemi naturali più meravigliosi del nostro pianeta”.

Cerotti per coralli
Il trattamento consiste nell’applicazione di un primo cerotto che rilascia farmaci direttamente nella ferita del corallo evitando che questi ultimi vengano dispersi nell’ambiente, per poi successivamente sigillare la parte danneggiata dell’organismo con un secondo cerotto in modo da fermare il potenziale ingresso di ulteriori agenti patogeni © Istituto italiano di tecnologia

Com’è andato l’esperimento

L’effetto terapeutico del cerotto è stato testato su coralli appartenenti alla specie Acropora muricata, tipica dei mari tropicali e inserita dalla Iucn (Unione internazionale per la conservazione della natura) fra le specie a rischio di estinzione. L’esperimento è durato dieci giorni in ambiente di laboratorio e quattro mesi in mare. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Scientific reports e sono davvero promettenti, perciò la speranza è che i cerotti possano presto venire prodotti su larga scala, così da curare i coralli di tutto il mondo.

Foto in anteprima © Emily Irving-Swift/Afp via Getty Images
Articoli correlati
Frotte di robot per le barriere coralline

Capita spesso, guardando la natura, di volerla imitare: i suoi colori, le sue forme, la sua precisissima organizzazione sono dei veri e propri modelli. Non solo nella vita quotidiana, ma anche per la ricerca che aiuta l’ambiente.