Clima, raddoppiate le catastrofi naturali negli ultimi 20 anni

Un rapporto delle Nazioni Unite ha sottolineato il forte aumento delle catastrofi naturali negli ultimi due decenni, molte delle quali legate al clima.

I fenomeni meteorologici estremi e le catastrofi naturali sono aumentati fortemente nel corso degli ultimi venti anni. E la tendenza continua, confermando in pieno le previsioni degli scienziati. Da anni, infatti, questi ultimi hanno spiegato che tra le conseguenze del riscaldamento globale c’è proprio l’aumento della frequenza e dell’intensità di siccità, uragani, inondazioni.

Le catastrofi naturali hanno provocato 1,23 milioni di vittime

I dati su scala mondiale sono stati indicati da un rapporto pubblicato il 12 ottobre dalle Nazioni Unite, alla vigilia della Giornata internazionale per la riduzione dei rischi di catastrofi. Secondo il quale la maggior parte degli eventi più drammatici, tra il 2000 e il 2019, si è concentrata in Cina e Stati Uniti, con rispettivamente 577 e 467 casi. Seguono l’India (321), le Filippine (304) e l’Indonesia (278).

Inondazioni causate dai cambiamenti climatici
I cambiamenti climatici aumentano il degrado del suolo con siccità e inondazioni © Marco Dormino / UN

In tutto, sono state recensite 7.348 catastrofi di ampia portata, che hanno provocato 1,23 milioni di morti. Ma le persone colpite a vario titolo sono state infinitamente di più: ben 4,2 miliardi in tutto il mondo. E i danni generati dagli eventi estremi sono giganteschi: ben 2.970 miliardi di dollari in termini di perdite economiche. A conferma della necessità di lavorare fortemente non solo sulla mitigazione dei cambiamenti climatici ma anche sull’adattamento, soprattutto nelle nazioni più esposte.

“Le ondate di caldo saranno il principale problema”

Le Nazioni Unite hanno specificato che le catastrofi certamente legate al clima sono passate dalle 3.656 del periodo 1980-1999 alle 6.681 degli ultimi due decenni. In particolare, il numero di inondazioni di grande entità è più che raddoppiato, raggiungendo i 3.254 episodi. “L’uomo sta dimostrando di distruggere deliberatamente. È la sola conclusione alla quale si può giungere analizzando gli ultimi vent’anni”, ha commentato la Rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per la riduzione dei rischi di catastrofi, Mami Mizutori.

“Un numero sempre più alto di persone – ha aggiunto – subisce gli effetti della crisi climatica”. Di qui l’appello lanciato ai governi affinché investano nella costruzione di sistemi di allerta. La dirigente ha anche specificato che “le ondate di caldo eccezionali rappresenteranno il principale problema nel corso dei prossimi dieci anni, in particolare nei paesi poveri”.

Articoli correlati