I concessionari della rete Volvo insieme a LifeGate PlasticLess per la salvaguardia dei mari

Inizia la lotta alla plastica nei mari da parte dei concessionari della rete Volvo: su esempio della casa madre, posizioneranno nuovi dispositivi Seabin di LifeGate PlasticLess® in tanti porti italiani. Seguiamo le loro storie.

Quando la “mamma” dà il buon esempio, è più facile anche per i “figli” compiere buone azioni. Una regola che vale proprio per tutti, anche per molti concessionari della rete Volvo, che seguendo l’input dato dalla casa madre già negli ultimi mesi del 2018, hanno aderito da quest’anno al progetto LifeGate PlasticLess® per la lotta alle plastiche nel mare.

I concessionari della rete Volvo per la salvaguardia dei mari

Il nuovo progetto che vede impegnati i concessionari della rete Volvo rappresenta il naturale proseguimento dell’impegno dimostrato da Volvo Cars negli ultimi mesi. Dallo scorso mese di settembre, l’azienda ha infatti finanziato il posizionamento di tre Seabin, i dispositivi scelti da LifeGate PlasticLess® per la rimozione dei rifiuti plastici in mare in tre differenti porti: Marina di Varazze, Marina di Cattolica e Venezia Certosa Marina.

 

Ciascun dispositivo installato è in grado di raccogliere fino a mezza tonnellata di plastica all’anno, 1,5 chilogrammi al giorno, comprese le microplastiche da 2 millimetri e le microfibre da 0,3 mm. Il dispositivo Seabin ha inoltre da poco vinto il premio Costa Smeralda nella sezione “innovazione blu”, rivolta a progetti, prodotti, servizi e brevetti “capaci di apportare benefici significativi alla conservazione dell’ambiente marino per le generazioni future”.

“Siamo felici di consolidare la nostra collaborazione con Volvo Car Italia che prosegue nell’impegno rivolto alla sostenibilità e negli obiettivi del progettoLifeGate PlasticLess®, la prima sfida italiana volta alla pulizia dei mari dai rifiuti plastici”, ha affermato Enea Roveda, CEO di LifeGate “Quest’anno siamo orgogliosi di condividere la nostra missione anche con i concessionari, chiamati a svolgere un ruolo attivo di salvaguardia del territorio e di sensibilizzazione a livello locale”.

LifeGate Plasticless, Volvo
Da sinistra: Michele Crisci, Presidente e amministratore delegato Volvo Car Italia; Marco Ciavatta, titolare della concessionaria Volvo Mothor di Rimini; Antonio Marinelli, Primo maresciallo – Taer, Comandante del Porto di Riccione; Renata Tosi, Sindaco di Riccione.

Segui lo storytelling

24 giugno 2019, La Spezia

Porto Lotti, nel Golfo della Spezia, si trova a poche miglia dalle meravigliose Cinque Terre, patrimonio Unesco. L’estate di LifeGate PlasticLess® si apre proprio qui, sulla costa ligure, con l’inaugurazione di un nuovo dispositivo Sebin per la raccolta dei rifiuti galleggianti in mare installato grazie all’impegno dei concessionari Volvo.

“L’Amministrazione Comunale di La Spezia è da sempre sensibile alle problematiche ambientali. Pone quindi particolare attenzione all’obiettivo di ridurre la presenza di rifiuti plastici nel mare che possono avere conseguenze sulla salute umana oltre a quella degli ecosistemi”, ha dichiarato Anna Maria Sorrentino, assessore alla Pianificazione territoriale/Urbanistica, Edilizia territoriale, Demanio, Portualità.

“A tal fine sta portando avanti con la Capitaneria di Porto e l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale una collaborazione per individuare azioni volte ad una innovativa modalità di gestione dei rifiuti di materie plastiche. Questa Amministrazione ritiene lodevole il progetto LifeGate PlasticLess®, da oggi presente anche a Porto Lotti con un dispositivo Seabin, grazie alla collaborazione con Volvo Car Italia e i suoi concessionari, come azione concreta di riduzione della plastica dai mari”.

LifeGate PlasticLess
Il nuovo Seabin è stato installato a Porto Lotti, La Spezia. © Paola Roncareggi

20 giugno 2019, Gaeta

L’impegno dei Volvo per liberare i porti italiani dalla plastica continua. Il nuovo Seabin, dispositivo scelto da LifeGate PlasticLess® per catturare rifiuti plastici galleggianti, è stato posizionato nella splendida cornice del Porto Antico di Gaeta (LT), presso l’approdo turistico Santamaria della famiglia Vagnani.

“Gaeta è una meta turistica tutto l’anno e salvaguardare il nostro mare ed il paesaggio circostante, significa garantire un futuro migliore alle future generazioni. In questi anni, in sinergia con le Istituzioni preposte del territorio e non solo, abbiamo adottato tutte quelle misure per salvaguardare l’ambiente e soprattutto la risorsa mare,” spiega il Sindaco Cosmo Mitrano. “Il progetto LifeGate PlasticLess® per la lotta alle plastiche nei mari italiani è un’iniziativa lodevole. È necessario, infine, un percorso di crescita culturale finalizzato ad aumentare la consapevolezza che dobbiamo tutelare e salvaguardare l’ambiente anche attraverso una mobilità sostenibile per arrivare ad un trasporto, sia pubblico che privato, che non produca emissioni nocive ed inquinanti”.

Plasticless
Barbara Donati,  Volvo iCar, all’inaugurazione del nuovo dispositivo Seabin di LifeGate a Gaeta. © Superbello

7 giugno 2019, Milano

Per Volvo Car Italia l’adesione al progetto LifeGate PLasticLess® non è solo installazione di dispositivi Seabin, ma anche (o soprattutto) sensibilizzazione e divulgazione sul tema dell’inquinamento da plastica. Ecco perché, lo scorso 7 giugno, la casa automobilistica ha organizzato un evento per parlare del tema presso il Volvo Studio di via Melchiorre Gioia a Milano.

Ha aperto la serata il sindaco di Milano, Beppe Sala, che ha ribadito l’impegno e la voglia della città nell’affrontare le difficili sfide ambientali del secolo. Tra gli ospiti, non potevano mancare Michele Crisci, Presidente e amministratore delegato Volvo Car Italia, Chiara Angeli, direttore vendite e marketing Volvo Car Italia, vari concessionari che si sono impegnati per la posa dei dispositivi nei loro comuni, Enea Roveda, Amministratore delegato di LifeGate, Simone Molteni, direttore scientifico di LifeGate ed Emilio Mancuso, biologo marino ISM.

“Volvo ritiene che Sostenibilità e Rispetto per l’Ambiente siano doveri imprescindibili per ciascuno di noi”, dichiara Michele Crisci. “Ma non solo a parole, bensì anche nei fatti. Per questo abbiamo deciso di ribadire e rafforzare il nostro impegno per limitare la diffusione delle plastiche nei nostri mari, quelli che tanto amiamo e che per questo dobbiamo proteggere. Quanto stiamo facendo è la dimostrazione di come l’approccio di Volvo ai temi della sostenibilità sia ad ampio raggio. Non si tratta solo di costruire auto che inquinano il meno possibile, grazie ad esempio all’elettrificazione. La sfida per un’azienda moderna che voglia contribuire concretamente a un futuro sostenibile si gioca su più fronti e coinvolge ogni aspetto che possa compromettere l’equilibrio del sistema di cui facciamo parte. La responsabilità è di tutti e a questa non ci si può sottrarre.”

Volvo
L’evento al Volvo Studio del 7 giugno. © Volvo Car Italia

28 maggio, Polignano a Mare

Stavolta è il comune di Polignano a Mare (BA) ad accettare la sfida per la riduzione della plastica nelle proprie acque. Grazie al sostegno di Volvo Car Italia e delle concessionarie Volvo, lo scorso 28 maggio è stato installato nello splendido porto di turistico Cala Ponte Marina un nuovo dispositivo Seabin nel porto cittadino. L’evento di presentazione, organizzato nella concessionaria Volvo Autotrend di Bari, è stato l’occasione per parlare del problema della plastica in mare e delle soluzioni concrete per rimuoverla.

“Per Polignano questo evento è un motivo di ulteriore orgoglio per la città che unisce sinergicamente la bellezza di un territorio con la sensibilità legata alla ricerca e all’innovazione finalizzata alla crescita del benessere collettivo”, ha affermato il sindaco di Polignano Domenico Vitto. “Ringrazio Volvo Car Italia per l’attenzione che anche in questa occasione ha mostrato verso una regione come la Puglia e una città come Polignano a Mare. Non si riscontra spesso una attenzione e un grande livello di tutela del territorio come in questo caso ha fatto Volvo”.

LifeGate PlasticLess
Da destra: Fiorenzo Lupieri, general manager Cala Ponte Marina; Sergio Spaccavento, titolare concessionaria Volvo Autotrend di Bari; Matteo Orsolini, Comandante Guardia Costiera di Monopoli; Roberto Sposini, giornalista LifeGate; Domenico Vitto, Sindaco di Polignano a Mare; Michele Crisci, presidente e amministratore delegato Volvo Car Italia; Chiara Angeli, direttore vendite e marketing Volvo Car Italia. © Superbello

23 maggio, Pescara

L’impegno di Volvo e dei suoi concessionari continua senza sosta. Oggi è stato infatti installato un nuovo dispositivo nel Porto Turistico Marina di Pescara, già insignito della Bandiera Blu 2019. La posa in acqua del dispositivo è stata l’occasione per parlare del problema della plastica in mare, proponendo soluzioni concrete e favorendo un dibattito tra pubblico e privato sulle tematiche connesse alla salvaguardia del pianeta.

“La vocazione eco-friendly del Marina di Pescara si rafforza ulteriormente, a pochi giorni dalla conferma della Bandiera Blu anche per il 2019/20” conferma Luca di Tecco, Presidente del CdA Marina di Pescara. “Abbiamo fortemente voluto questo accordo con LifeGate perché siamo convinti che il mondo possa cambiare partendo dalle piccole cose, e il Seabin appena entrato in funzione nel nostro marina fa parte di quei piccoli gesti che però lanciano grandi messaggi e lasciano tracce profonde”.

LifeGate PlasticLess
Da destra a sinistra: Luca Di Tecco, Presidente CdA Marina di Pescara; Corrado Franchini, Responsabile Vendite Volvo Car Italia; Carmine Salce, Vice Presidente Camera di Commercio Chieti Pescara; Daniele Pavoni, contitolare della concessionaria Volvo Pavoni di Pescara; Marco Alessandrini, Sindaco di Pescara; Paola Marchegiani, Assessore al Decoro Urbano del Comune di Pescara; Gianni Pavoni, contitolare della concessionaria Volvo Pavoni di Pescara © Superbello

15 maggio, Capri

Continua la posa di dispositivi Seabin scelti da LifeGate PlasticLess® grazie all’impegno di Volvo Car Italia. Lo scorso 15 maggio ne è stato installato uno presso il Porto turistico di Capri, anche grazie al sostegno dello stesso Comune.

“Siamo particolarmente contenti di aver aderito al progetto LifeGate PlasticLess®, in quanto si allinea con i programmi dell’Amministrazione Comunale sulla tutela dell’ambiente e sulla salvaguardia del mare dall’inquinamento – ha dichiara il sindaco di Capri, Giovanni De Martino – Capri non poteva sottrarsi a partecipare all’iniziativa, che speriamo venga imitata soprattutto da altri territori di particolare rilevanza ambientale”.

Volvo, Seabin
Massimo Rondoni, Marketing operations manager Volvo Car Italia. © Rosalba Russo

6 maggio, Riccione

Obiettivo dell’iniziativa è coinvolgere il maggior numero di concessionari per finanziare il posizionamento di nuovi dispositivi nel maggior numero di porti italiani. Il tutto, con la collaborazione delle amministrazioni comunali più sensibili al tema della salvaguardia dei mari.

Il primo Seabin è stato posizionato lunedì 6 maggio nel Porto turistico di Riccione, grazie al sostegno del concessionario Volvo Mothor di Rimini e del comune romagnolo.

All’inaugurazione hanno partecipato il sindaco di Riccione Renata Tosi, il biologo Emilio Mancuso e il Presidente di Volvo Car Italia Michele Crisci.

“Il nostro company purpose è ben definito: Freedom to move in a personal, sustainable and safe way” afferma Chiara Angeli, Direttore sales & marketing Volvo Car Italia. “La sostenibilità, ancora una volta è ribadita elemento fondamentale della filosofia di Volvo ed è condivisa da tutti gli elementi della filiera, dalla Casa madre alle filiali nazionali fino ai concessionari della rete Volvo. Per questo motivo, proprio insieme ad alcuni concessionari abbiamo deciso di contribuire concretamente al progetto di pulizia dei mari, rafforzando il nostro impegno nell’iniziativa LifeGate PlasticLess®. È uno dei modi con i quali Volvo contribuisce a migliorare la qualità della vita nell’ambiente che ci circonda, nel territorio nel quale viviamo e operiamo, coerentemente con l’attenzione alle persone che è propria del nostro brand.”

LifeGate PlasticLess, Volvo
Michele Crisci, Presidente e amministratore delegato di Volvo Car Italia, durante la posa del dispositivo Seabin di LifeGate PlasticLess.

Un impegno concreto per la lotta alla plastica

Questa nuova attività della rete Volvo si inserisce in un quadro più ampio di iniziative svolte da Volvo Cars in Italia per la lotta alla diffusione della plastica. Nel 2018, per esempio, l’azienda ha infatti annunciato di voler eliminare tutte le plastiche monouso (per un totale di 140 tonnellate di articoli in plastica) da uffici, mense ed eventi, sostituendoli con materiali alternativi. Mentre entro il 2025, Volvo prevede di utilizzare il 25 per cento di materiale riciclato per la realizzazione delle proprie auto.

Volvo Cars, un Dna verde

L’impegno per l’ambiente, del resto, è da tempo nel Dna di Volvo Cars. Dal 2017, l’azienda ha infatti iniziato un percorso di riduzione dell’impatto ambientale dei propri prodotti e delle attività, diventando la prima casa automobilistica ad annunciare un programma di elettrificazione di tutti i nuovi veicoli lanciati dopo il 2019, con l’obiettivo di arrivare entro il 2025 a un fatturato globale costituito fino al 50 per cento da vetture totalmente elettriche.

Altro obiettivo a cui punta Volvo Cars e una produzione senza effetti sull’ambiente entro il 2025. Proprio su questa scia, dallo scorso gennaio lo stabilimento dedicato alla produzione di motori di Skövde, in Svezia, è diventato il primo del gruppo senza conseguenze sul clima.

Articoli correlati
Economia circolare, l’Europa accelera

La Commissione europea ha annunciato l’adozione di una strategia per ridurre rifiuti e uso di materie prime grazie all’economia circolare. Tra gli obiettivi: imballi più semplici, fatti con un solo materiale, e riutilizzabili