Smart city

Le conifere sono gli alberi più efficaci per contrastare l’inquinamento acustico

Uno studio ha scoperto che le conifere, in particolare il larice, riescono ad assorbire il rumore meglio delle latifoglie, grazie alla propria corteccia.

L’inquinamento acustico è così radicato e onnipresente nelle nostre città che sembriamo non farci quasi più caso. Eppure ha un notevole impatto sia sulla nostra salute, l’Oms ritiene che un’esposizione prolungata ad elevati livelli di rumore possa aumentare la pressione sanguigna ed essere causa di infarto, che sulla fauna.

Leggi anche: Inquinamento acustico: si può ridurre, ecco come

Le piante sono preziose e naturali alleate per contrastare questo fenomeno, legato soprattutto al traffico veicolare e alle attività industriali. La vegetazione riduce infatti l’inquinamento acustico attenuando il suono e riducendone l’intensità. Foglie, rami, tronchi e arbusti assorbono e deviano l’energia sonora, donando un po’ di sollievo alle nostre orecchie e al nostro sistema nervoso. Non tutti gli alberi, però, sono ugualmente efficaci per questo compito.

Una donna attraversa la strada a New York, Usa
Secondo l’Oms in tutto il mondo sono quasi sei milioni (il 10 per cento della popolazione) i cittadini esposti al rumore prodotto dal traffico stradale a livelli giornalieri inaccettabili © Eduardo Munoz Alvarez/Getty Images

Nessuno riduce i rumori come il larice

L’albero migliore, in questo senso, è risultato essere il larice, albero originario dell’Europa centrale e appartenente al genere di conifere Larix. È quanto rivelato dallo studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’University college di Londra (Ucl), pubblicato sulla rivista Applied Acoustics.

Leggi anche

I ricercatori hanno sottoposto a test di assorbimento acustico in laboratorio tredici specie di alberi che presentavano cortecce con caratteristiche differenti, e il larice è risultato essere l’albero più efficace quando si tratta di assorbire il rumore.

Piccole pigne di larice in fase di sviluppo
Jian Kang, tra gli autori dello studio, ha affermato che l’età dell’albero, la ruvidità della corteccia e il suo spessore si sono rivelati i fattori più importanti nella capacità di ridurre il suono © Ingimage

Il segreto delle conifere

Gli scienziati britannici hanno analizzato campioni di tronco di alcune specie di alberi frequentemente presenti nelle città, come ciliegi, pini, faggi, salici, pioppi e ontani, selezionati in base a determinati criteri, tra cui lo spessore della corteccia, l’età dell’albero e il diametro del tronco.

Leggi anche: Gli alberi che possono cambiare il volto (e l’aria) delle nostre città

I ricercatori hanno scoperto che le conifere, e in particolare il larice, sono in grado di assorbire meglio il suono rispetto alle latifoglie. “I fattori di influenza sulla riduzione del rumore da corteccia d’albero sono lo spessore della corteccia, l’età dell’albero e la rugosità della corteccia”, ha spiegato alla Bbc Jian Kang, coautore dello studio.

Ramo di larice che si staglia sul cielo azzurro
Gli alberi potrebbero essere usati come “silenziatori” naturali per limitare l’impatto del rumore del traffico nelle città © Ingimage

Progettare le città con consapevolezza

Gli alberi in città, oltre a contribuire all’indispensabile abbattimento delle sostanze inquinanti, a rinfrescarci e a rallegrarci con la loro bellezza, sono dunque necessari per combattere il logorante inquinamento acustico. Sappiamo che alcune specie sono più efficienti di altre, i risultati della ricerca potrebbero pertanto aiutare gli urbanisti a utilizzare gli alberi con maggior consapevolezza in fase di progettazione urbana.

Leggi anche: Non solo Boschi Verticali, le città foresta sono la nuova frontiera della forestazione urbana

“La selezione di specie con cortecce leggermente più assorbenti può ridurre efficacemente l’inquinamento acustico e mitigare gli effetti negativi del traffico e del rumore generato dalle attività industriali – ha affermato Kang -. Dato che le cortecce delle conifere assorbono il suono leggermente meglio di quelle degli alberi a foglia larga, le conifere potrebbero essere più utilizzate nella realizzazione di spazi verdi urbani”.

Articoli correlati