Dolci a corte: itinerario goloso fra i grandi musei fiorentini

Un’occasione per scoprire la storia e la cultura dei dolci nella corte della Firenze Medicea. Dalle ciambelle alle cialde, alle frittelle, ai trionfi zuccherati, ai sorbetti, alla cioccolata e così via..sono immagini riportate e raccontate nel libro che, accompagnate da annotazioni di antiche ricette o di curiose citazioni letterarie, ci aiutano a capire la civiltà

Un’occasione per scoprire la storia e la cultura dei dolci nella
corte della Firenze Medicea.
Dalle ciambelle alle cialde, alle frittelle, ai trionfi zuccherati,
ai sorbetti, alla cioccolata e così via..sono immagini
riportate e raccontate nel libro che, accompagnate da annotazioni
di antiche ricette o di curiose citazioni letterarie, ci aiutano a
capire la civiltà e la cultura di un’epoca. È a
questo proposito che l’autrice, Giovanna Giusti Galardi, nella
premessa al suo libro cita il famoso sociologo Lévy-Srauss
che nel 1986 osservava come la cucina di una società, la sua
ritualità alimentare, i suoi rapporti con il cibo
costituiscano un linguaggio nel quale questa società traduce
inconsciamente la propria struttura o addirittura rivela, sempre
senza saperlo, le proprie contraddizioni. Simbologie esplicite o
criptiche dei dolci alimenti, messaggi visivi e apparati lussuosi:
il fattore alimentare passa in secondo piano lasciando lo spazio al
desiderio di “apparire” di dimostrare il prestigio di corte. Un
atto sociale, politico e non solo; l’iconografia dolciaria porta
alla ribalta il bello non solo da mangiare ma soprattutto da
guardare, un accoppiamento di piacere estetico e alimentare. Il
potere di seduzione dell’arte allora come oggi passando attraverso
dipinti, oggetti e documenti d’archivio.

Estratto dal libro:
Giulebbe (dolce sciroppo grandemente apprezzato, sembra evocare una
sorta di paese della cuccagna) di cedrato e agro.
Píglía un cedrato e faccíaseglí un boco
per dí sopra e sí caví o vero sí
votí e enpíasí dí zucchero fíno
e mettasí dentro un bícchíere lungo
accío íl cedrato abbía campo dí scolare
nel fondo dal bícchíere e mettasí ín un
armadío o altro al umído, che passera íl
gíulebbo odoroso a maravíglía, e se ví
sí vole mettere polvere mustíata sara in arbitrio,
puossi ancora mettervi spremuto il suo agro, e perché passi
con più facilita si puole dar dua punture nel fondo del
cedrato con qualche ago o punteruolo puossí ancora legare il
cedrato con alcuni fílí e tenerlo sospeso per
metterví sotto íl recípíente che
ríceve íl gíulebbe.
(Segreti di Girolamo Mei credenziere di papa Alessandro VII. Libro
dell’arte del cuoco. BNCF, Ms.II.II. 426, c. 109r).

 

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Un piacere selvaggio, torniamo alla frutta e verdura delle nostre radici

Le specie di frutta e verdura che compriamo tutti i giorni nei negozi, mercati e supermercati rappresentano una fetta minuscola delle varietà selvatiche presenti in natura. Se da un lato la loro coltivazione selettiva e controllata ha permesso all’umanità di prosperare, nel libro Un piacere selvaggio – La giusta alimentazione per una saluta di ferro l’autrice Jo Robinson getta nuova

Kitchen social club, l’arma contro il cibo industriale è il saper fare contadino

25 storie di eccellenze e di resistenza in campo agro-alimentare, dalle arance allo zafferano. In Kitchen social club il dj, artista e attivista del cibo Don Pasta esplora l’Italia in tutta la sua lunghezza per raccontare esempi virtuosi di cuochi, contadini, pescatori, reti solidali, consumatori, osterie e spazi occupati che, attraverso attività di produzione agricola e trasformazione del cibo,

Curarsi con i cibi che si hanno in casa: rimedi e ricette in un manuale

Curarsi con i cibi che mangiamo è il punto di partenza per la nostra salute. “Gli alimenti possono essere la base e il sostegno di ogni terapia anche perché, al contrario di molti farmaci, vengono riconosciuti immediatamente dal nostro organismo“. Inizia così il libro Manuale pratico di rimedi naturali scritto dalla naturopata Angelica Agosta e

DNE. La dieta della nicchia ecologica

Ogni nicchia ecologica è definita in relazione al modo di vivere di una specie o di una popolazione in un determinato ecosistema. Ogni animale dovrebbe agire secondo la propria nicchia ecologica, rispettando i contorni che la natura ha stabilito perché i suoi modi di nutrirsi, comportarsi, socializzare siano efficaci e gli permettano di vivere al

Verdure golose

Il libro per rendere gustose le verdure, per prepararle nel migliore dei modi. Colori e profumi tra piatti e posate. Troviamo più di 110 ricette in questo bel libro, scritto dalla giornalista e food stylist Delphine de Montalier e illustrato dalle evocative fotografie di Charlotte Lascève. Fotografie e ricette che ci fanno subito venire voglia

Il cuoco segreto dei papi. Bartolomeo Scappi e la Confraternita

La cucina nel Cinquecento. Com?era? Cosa si mangiava? E come? Preparatevi per fare un salto nella storia con questo bel libro. Qui si parla infatti di colui che era il ?cuoco segreto dei papi?, Bartolomeo Scappi, maestro dell?arte della cucina e autore di uno dei più celebri trattati di cucina del sedicesimo secolo. Era lui

Vinosofia. Una dichiarazione d’amore in 38 bicchieri

Vino. Rosso, bianco, rosato. Più o meno intenso. Vino che si assapora lentamente, che piano piano ci dice qualcosa. Come queste storie, che sorseggiamo in 38 ideali bicchieri. Ci sono racconti narrati in terza persona, ma c’è anche chi si racconta in queste storie dove il vino è il protagonista d’eccezione. Vengono alla ribalta e