Dolci a corte: itinerario goloso fra i grandi musei fiorentini

Dalle ciambelle alle cialde, alle frittelle, ai trionfi zuccherati, ai sorbetti, alla cioccolata e così via.. Tutti i dolci della la cultura fiorentina.

Un’occasione per scoprire la storia e la cultura dei dolci nella
corte della Firenze Medicea.
Dalle ciambelle alle cialde, alle frittelle, ai trionfi zuccherati,
ai sorbetti, alla cioccolata e così via..sono immagini
riportate e raccontate nel libro che, accompagnate da annotazioni
di antiche ricette o di curiose citazioni letterarie, ci aiutano a
capire la civiltà e la cultura di un’epoca. È a
questo proposito che l’autrice, Giovanna Giusti Galardi, nella
premessa al suo libro cita il famoso sociologo Lévy-Srauss
che nel 1986 osservava come la cucina di una società, la sua
ritualità alimentare, i suoi rapporti con il cibo
costituiscano un linguaggio nel quale questa società traduce
inconsciamente la propria struttura o addirittura rivela, sempre
senza saperlo, le proprie contraddizioni. Simbologie esplicite o
criptiche dei dolci alimenti, messaggi visivi e apparati lussuosi:
il fattore alimentare passa in secondo piano lasciando lo spazio al
desiderio di “apparire” di dimostrare il prestigio di corte. Un
atto sociale, politico e non solo; l’iconografia dolciaria porta
alla ribalta il bello non solo da mangiare ma soprattutto da
guardare, un accoppiamento di piacere estetico e alimentare. Il
potere di seduzione dell’arte allora come oggi passando attraverso
dipinti, oggetti e documenti d’archivio.

Estratto dal libro:
Giulebbe (dolce sciroppo grandemente apprezzato, sembra evocare una
sorta di paese della cuccagna) di cedrato e agro.
Píglía un cedrato e faccíaseglí un boco
per dí sopra e sí caví o vero sí
votí e enpíasí dí zucchero fíno
e mettasí dentro un bícchíere lungo
accío íl cedrato abbía campo dí scolare
nel fondo dal bícchíere e mettasí ín un
armadío o altro al umído, che passera íl
gíulebbo odoroso a maravíglía, e se ví
sí vole mettere polvere mustíata sara in arbitrio,
puossi ancora mettervi spremuto il suo agro, e perché passi
con più facilita si puole dar dua punture nel fondo del
cedrato con qualche ago o punteruolo puossí ancora legare il
cedrato con alcuni fílí e tenerlo sospeso per
metterví sotto íl recípíente che
ríceve íl gíulebbe.
(Segreti di Girolamo Mei credenziere di papa Alessandro VII. Libro
dell’arte del cuoco. BNCF, Ms.II.II. 426, c. 109r).

 

Articoli correlati
Curarsi con i cibi che si hanno in casa: rimedi e ricette in un manuale

Curarsi con i cibi che mangiamo è il punto di partenza per la nostra salute. “Gli alimenti possono essere la base e il sostegno di ogni terapia anche perché, al contrario di molti farmaci, vengono riconosciuti immediatamente dal nostro organismo“. Inizia così il libro Manuale pratico di rimedi naturali scritto dalla naturopata Angelica Agosta e