L’America si mobilita per salvare la foresta del Tongass, il polmone verde dell’Alaska

L’amministrazione di Donald Trump dà il via libera alla costruzione di strade e al disboscamento anche nella foresta del Tongass, in Alaska.

Con una superficie di oltre 68mila chilometri quadrati, è la più grande foresta nazionale degli Stati Uniti. I suoi ghiacciai risalgono addirittura al Pleistocene. È l’habitat di orsi bruni, aquile calve, lupi, lontre, cinque diverse specie di salmoni e innumerevoli altri animali. Stando ad alcune stime, da sola assorbe circa l’8 per cento di tutta la CO2 che viene sequestrata dalle foreste di 48 stati americani. Eppure, nemmeno il suo indiscutibile valore potrebbe essere sufficiente per salvare la foresta del Tongass, in Alaska.

Trump dà il via al disboscamento nella foresta del Tongass

Dal 2001 la foresta del Tongass è tutelata dalla cosiddetta “roadless rule”, che proibisce la costruzione e la manutenzione di strade, coì come la raccolta di legname. Una tutela per l’ambiente ma anche per i contribuenti, poiché evita uno sperpero di denaro pubblico per infrastrutture ciclopiche immerse in territori isolati. Lo precisa Ken Rait della ong Pew charitable trust, che vent’anni fa ha partecipato alla definizione della normativa, intervistato dal quotidiano britannico Guardian.

Già nell’estate del 2019, dopo un rapido confronto con il governatore dell’Alaska Mike Dunleavy, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva dato mandato alla sua amministrazione di eliminare queste forme di protezione. Ne è derivata una lunga analisi tecnica pubblicata a fine settembre 2020 dal Servizio forestale del dipartimento dell’Agricoltura, che delinea sei possibili scenari per il futuro della foresta del Tongass. Quello ritenuto migliore? Esonerare in toto la foresta dalle misure di tutela.

ghiacciaio, alaska
Il ghiacciaio di Herbert, nella foresta del Tongass © Matt Artz/Unsplash

Cittadini e ambientalisti non ci stanno

Il parere si è tradotto in una legge emanata dal dipartimento dell’Agricoltura, entrata in vigore giovedì 29 ottobre. Immediata la levata di scudi da parte di cittadini e associazioni ambientaliste. “Oggi l’amministrazione volta le spalle a decenni di progressi verso un futuro sostenibile per la foresta di Tongass. Lo sviluppo insostenibile metterà a repentaglio un habitat fondamentale per gli animali selvatici e per le rotte dei salmoni, che sono le basi per l’ecologia, la cultura e l’economia della zona sudorientale dell’Alaska”, mette nero su bianco Steve Cohn, che dirige le attività in Alaska dell’organizzazione ambientalista The Nature Conservancy.

Di fronte a questa e altre severe critiche, il comitato per l’Energia e le risorse naturali del Senato statunitense, presieduto dalla repubblicana Lisa Murkowski, getta acqua sul fuoco. Con una serie di tweet, precisa che soltanto una minima parte della foresta del Tongass è ritenuta idonea per la produzione di legname. Anche i progetti di costruzione di nuove strade sono molto limitati – continua – e restano vietate le attività che inquinano i fiumi e ruscelli. Ma, a giudicare dai commenti indignati che rimbalzano tra carta stampata e social media, sono in molti a non accontentarsi di queste rassicurazioni. E ormai è entrato nel vivo il conto alla rovescia per le elezioni presidenziali del 3 novembre.

Articoli correlati