Uganda. Museveni viene rieletto per la sesta volta tra denunce di violenze e irregolarità

Il presidente in carica Museveni è stato dichiarato vincitore delle elezioni in Uganda dalla commissione elettorale, ma non mancano le denunce di irregolarità.

Il 16 gennaio il presidente in carica dell’Uganda, Yoweri Kaguta Museveni, è stato dichiarato vincitore delle elezioni presidenziali dalla commissione elettorale del Paese con disappunto dell’opposizione, composta per lo più dai giovani elettori. Le elezioni, tenutesi il 14 gennaio dopo due mesi di campagna elettorale, sono state le seste che il 76enne ha vinto dal 1986, quando ha preso il potere dopo una guerriglia durata cinque anni.

Nella capitale ugandese Kampala il 14 gennaio si sono tenute le elezioni
Nella capitale ugandese Kampala il 14 gennaio si sono tenute le elezioni © Luke Dray/Getty Images

I risultati delle elezioni in Uganda

Secondo i risultati diffusi dalla commissione elettorale, Museveni ha vinto con 5.851.037 voti, pari al 58,64 per cento del totale. Robert Kyagulanyi, conosciuto come Bobi Wine, pop star e nuovo volto in politica, si è rivelato il principale sfidante del presidente in carica. Ha ricevuto 3.475.298 voti, pari al 34,83 per cento.

Il National Resistance Movement (Nrm), il partito al governo, mantiene quindi la maggioranza parlamentare con oltre 300 parlamentari eletti, contro i 60 del partito di Wine, il National unity platform (Nup).

Membri della commissione elettorale ugandese che camminano verso la tenda dove sono stati annunciati i risultati delle elezioni
Membri della commissione elettorale ugandese che camminano verso la tenda dove sono stati annunciati i risultati delle elezioni © Godfrey Olukya

I protagonisti di questa corsa presidenziale erano undici, tra i quali compariva solo una donna. Con il suo giovane partito (fondato solo quattro mesi fa), Wine ha attirato il sostegno di molte persone, per lo più giovani e abitanti dell’Uganda centrale, area d’origine del candidato. È proprio in Uganda centrale che Wine è uscito vittorioso con oltre il 60 per cento dei voti, contro il 37 per cento a favore di Museveni che ha incolpato la Chiesa cattolica per il risultato deludente nella zona. “Alcuni leader religiosi hanno detto alla gente di non votare per me”, ha affermato.

Il capo responsabile della sua campagna locale, Geoffrey Kiwanda, ha sollevato critiche simili: “Padre Anthony Musala sul pulpito ha detto ai fedeli che chi vota per Museveni fa peccato. Molti altri preti e vescovi cattolici hanno fatto una campagna apertamente contro Museveni. Se questi leader cattolici vogliono entrare in politica, dovrebbero togliersi i vestiti clericali ed entrare apertamente in politica”.

Elezioni libere ed eque?

“Io e la mia famiglia ci congratuliamo con gli ugandesi per aver votato per me ancora una volta”, ha dichiarato Museveni. “Queste sono state le elezioni più trasparenti e libere dal 1960, quando l’Uganda ottenne l’indipendenza” (dal Regno Unito, ndr.).

Sostenitori dell'attuale presidente Yoweri Museveni, dichiarato vincitore delle elezioni dalla commissione elettorale
Sostenitori dell’attuale presidente Yoweri Museveni, dichiarato vincitore delle elezioni dalla commissione elettorale © Luke Dray/Getty Images

Gli osservatori elettorali della Comunità dell’Africa orientale e dell’Unione africana concordano sul fatto che il processo non abbia presentato irregolarità. “Queste elezioni nel complesso sono state libere, eque e trasparenti”, ha affermato Samuel Azu’lu, leader del comitato di esperti dell’Unione africana. “Ci sono stati casi isolati di guasti tecnici alle macchine di verifica biometrica degli elettori, ma il problema è stato aggirato utilizzando metodi manuali”, ha aggiunto il capo del comitato di osservatori della Comunità dell’Africa orientale, Domitien Ndayizeye.

Tuttavia, molti osservatori ugandesi e di altri paesi dicono il contrario. Il giorno prima delle elezioni, il governo ha spento internet, impedendo di fatti l’accesso a piattaforme di social media come Facebook, Twitter e WhatsApp. Il servizio è stato ripristinato il 18 gennaio. I due principali candidati dell’opposizione, Wine e il candidato del partito Forum for Democratic Republic of Change (Fdc) Patrick Oboi Amuriat, affermano anche di aver subìto le violenze delle forze di sicurezza di Museveni, che li hanno colpiti per aver violato le restrizioni anti-Covid-19 durante le loro campagne.

“I risultati annunciati non coincidono con i nostri dati”, ha dichiarato Wine.  “Sono falsi. Ci sono state molte truffe in queste elezioni”.

Sostenitori del candidato dell'opposizione Bobi Wine, arrivato secondo alle elezioni e posto sotto arresti domiciliari dopo il voto
Sostenitori del candidato dell’opposizione Bobi Wine, arrivato secondo alle elezioni e posto sotto arresti domiciliari dopo il voto © di Luke Dray/Getty Images

“Sono stato tormentato, picchiato e arrestato molte volte dalla polizia. Non ho mai avuto la libertà di fare campagna liberamente. Le elezioni non sono state libere e giuste”, sostiene Amuriat, arrivato terzo con meno di 500mila voti.

Uno dei sostenitori di Wine, il 25enne Simon Mbalaga ha affermato: “Ci hanno imbrogliato. Bobi Wine ha vinto le elezioni perché era molto popolare. Non possiamo accettare risultati così inventati. Siamo pronti a morire per Bobi. Stiamo aspettando che lui ci istruisca sul da farsi”.

D’altra parte, la settantenne Winnie Namuddu, sostenitrice di Museveni, afferma: “Museveni non può essere sconfitto facilmente da un giovane che sta iniziando a fare politica solo ora. Adesso gridano al broglio, ma Museveni ha vinto onestamente. Lo amiamo perché ci porta sicurezza”.

Non c’è stato nessun osservatore elettorale statunitense in Uganda

Alcune organizzazioni che avrebbero dovuto supervisionare le elezioni non sono state autorizzate, un fatto che ha alimentato il sospetto che ci siano stati brogli elettorali. Tra queste organizzazioni ci sono gli osservatori degli Stati Uniti: delle 75 persone presentate dall’ambasciata statunitense in Uganda, solo quindici sono state autorizzate, il che ha portato gli Usa a ritirarsi dal ruolo.

“Con solo quindici autorizzazioni non è stato possibile per noi osservare in modo significativo la condotta dei centri elettorali in tutto il paese”, ha commentato l’ambasciatrice statunitense Natalie Brown. Il portavoce della commissione elettorale Paul Bukenya ha risposto a questa affermazione ricordando che quindici persone sono state autorizzate. “Nulla ci obbliga ad autorizzare tutte le persone presentate”, ha aggiunto.

Due morti negli scontri post-elettorali

Sabato 16 gennaio due persone sono state uccise a colpi d’arma da fuoco mentre le forze dell’ordine soffocavano le proteste contro l’esito delle elezioni nella città orientale di Masaka, secondo l’Uganda People’s Defense Force (Updf). La portavoce generale di brigata Flavia Byekwaso ha detto in un’intervista che altre venti persone sono rimaste ferite e sono state portate in ospedale. “Hanno cercato di provocare il caos sostenendo che Bobi Wine avesse subito dei torti durante le elezioni. Finora 17 persone sono state dimesse dall’ospedale di Masaka mentre tre sono ancora in cura”.

Il portavoce della polizia Fred Enanga ha detto in una conferenza stampa nella capitale Kampala che durante la campagna elettorale sono state arrestate 223 persone per varie violazioni legate alle violenze elettorali.

Bobi Wine agli arresti domiciliari

Il 17 gennaio Wine è stato messo agli arresti domiciliari. Enanga ha giustificato la decisione della polizia di circondare la casa del leader dell’opposizione sostenendo di aver ricevuto informazioni riguardo al fatto che stesse “organizzando rivolte contro i risultati. Abbiamo il dovere di proteggere tutti gli ugandesi”.

Questo non è il primo incontro di Wine con le forze dell’ordine ugandesi. Durante la campagna elettorale il candidato dell’opposizione era stato arrestato per aver infranto le linee guida anti Covid-19 in una manifestazione nel distretto orientale di Luuka. 58 persone sono state uccise durante le rivolte del 18 e 19 novembre 2020. Le manifestazioni erano state organizzate dai suoi sostenitori  e le forze di sicurezza avevano reagito con il pugno di ferro.

Nella regione centrale dell’Uganda l’atmosfera è di nuovo tesa a causa del pesante dispiegamento di polizia ed esercito. Le strade sono pattugliate giorno e notte da ufficiali e soldati pronti a sedare sul nascere ogni protesta.

Tradotto da

Articoli correlati
;