Le fughe di metano nel settore energetico sono aumentate del 32% nel 2020

A indicare il preoccupante aumento delle emissioni di metano, relativo all’anno in corso, è un rapporto basato su osservazioni satellitari.

Dall’inizio dell’anno, le fughe di metano dai siti di sfruttamento delle fonti fossili sono aumentate del 32 per cento rispetto al 2019. Un valore assolutamente inquietante, se si tiene conto del fatto che il gas produce nell’atmosfera un effetto serra decine di volte superiore rispetto a quello della CO2. A rivelare i dati è un’analisi della società specializzata Kayrros, che si è basata su osservazioni satellitari in grado di individuare le grandi fonti di emissioni.

emissioni di metano
Le emissioni di metano viste dal satellite @ Kayrros.com

“Un simile incremento delle emissioni di metano è incompatibile con l’Accordo di Parigi”

“Aumenti di questo genere nelle fughe di metano – ha commentato il presidente Antoine Rostand, secondo quanto riportato dal quotidiano francese Novethic – sono particolarmente preoccupanti e risultano in contraddizione con la direzione indicata dall’Accordo di Parigi. Nonostante le tante discussioni sul clima da parte degli attori del settore dell’energia, le emissioni di tale gas continuano ad aumentare fortemente. Nel 2019, grazie alla nostra tecnologia abbiamo individuato fughe di metano per 10 milioni di tonnellate. Il che equivale ad oltre 800 milioni di tonnellate di CO2 emesse su un periodo di 20 anni”.

Dal punto di vista geografico, Kayrros precisa che la maggior parte delle fughe risulta concentrata in Algeria, Russia, Turkmenistan, Stati Uniti, Iran, Iraq e altre nazioni particolarmente attive nella produzione di gas e petrolio. Ma come spiegare un aumento del 32 per cento solo nel 2020? Secondo l’analisi, il problema potrebbe risiedere nelle pratiche operative adottate dalle aziende attive nel settore delle fonti fossili. Pratiche che sarebbero state modificate, quest’anno, in ragione della pandemia di coronavirus.

Nazioni Unite e Commissione europea lanciano una partnership per promuovere la trasparenza

Il calo dei ricavi delle compagnie rischia, dunque, di far sì che esse siano meno attente agli sforzi per limitare le emissioni di metano, al fine di risparmiare. Inoltre, un nodo ulteriore è rappresentato dalle compagnie petrolifere e del gas degli Stati Uniti. Quelle che falliscono, infatti, non sempre chiudono i pozzi prima di partire ma, semplicemente, li abbandonano. Così essi continuano a rilasciare gas nell’atmosfera.

Per questo è stata lanciata la Oil and Gas Methane Partnership, iniziativa sostenuta dalle Nazioni Unite e dalla Commissione europea, della quale fanno parte alcune decine di compagnie. Queste ultime, proprio a metà novembre si sono impegnate ad essere più trasparenti in materia di emissioni di metano. Ma dall’analisi dei dati è evidente che lo sforzo non potrà fermarsi qui.

Articoli correlati