#ONS17: energia sostenibile è l’espressione più conosciuta dagli italiani

Energie rinnovabili e risparmio energetico al centro dell’attenzione degli italiani. Lo rileva il terzo Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile.

Il tema dell’energia si rivela l’ambito più sentito per i cittadini che hanno ben in mente come le rinnovabili non siano solo un’occasione per migliorare l’ambiente ma un asse strategico per far crescere l’economia, il lavoro e l’innovazione nel nostro Paese. È quanto emerge dall’Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile 2017 che scatta ogni anno una fotografia su quanto sono sostenibili gli italiani nella loro vita quotidiana, dall’energia all’alimentazione. L’indagine promossa da LifeGate è stata presentata giovedì scorso, 30 marzo.

Un Osservatorio nazionale sulla sostenibilità

Frutto della collaborazione avviata nel 2015 tra LifeGate e l’Istituto di ricerca Eumetra Monterosa, l’Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile è diventato un appuntamento permanente per conoscere le opinioni degli italiani sulla sostenibilità. La terza edizione del rapporto – realizzato con il patrocinio della Commissione Europea e il sostegno di Best Western, Ricola, Unipol Gruppo, Vaillant e Lavazza – ha approfondito il livello di conoscenza dei termini con cui si fa riferimento allo stile di vita sostenibile, indagando anche gli atteggiamenti e i comportamenti di consumo e di acquisto degli italiani. Un focus specifico è stato dedicato al turismo sostenibile, cogliendo la sollecitazione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite che ha dichiarato il 2017 Anno internazionale del turismo sostenibile.

rinnovabili ONL17
Gli italiani sono sempre più propensi a investire in fonti rinnovabili. #ONL17 ©Scott Eisen/Getty Images

Investire nelle rinnovabili è per gli italiani prioritario

L’indagine dell’Osservatorio ha esplorato i termini – e quindi anche i temi – che gli italiani associano a uno stile di vita sostenibile. “Energia sostenibile” è l’ambito più conosciuto e quello su cui si ritiene più importante investire. Il 90 per cento degli intervistati considera l’investimento nelle fonti di energia rinnovabile tanto più importante dove le fonti più tradizionali come carbone e petrolio soddisfano la maggior parte del fabbisogno energetico dei cittadini. Il tema energetico è l’unico su cui la consapevolezza degli italiani risulta in crescita rispetto alle rilevazioni degli anni scorsi. Indice questo di quanto il tema sia percepito come prioritario quando si parla di sostenibilità.

ons 2017
Dati del terzo Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile 2017

Rilanciare l’economia e spingere l’innovazione attraverso le tecnologie pulite

Come spesso accade per i temi legati alla sostenibilità, i motivi alla base dell’attenzione al tema energetico non vanno ricondotti esclusivamente alla salvaguardia dell’ambiente e alla prevenzione degli effetti dell’inquinamento e dei cambiamenti climatici, pur ritenendoli importanti. Le rinnovabili sono considerate un’opportunità da cogliere per rilanciare l’economia, creando nuove imprese e nuovi posti di lavoro, un volano per spingere l’innovazione e rendere il nostro Paese più autonomo dal petrolio. Un consenso quasi unanime che mette d’accordo il 93 per cento dei cittadini intervistati che dimostrano una chiara consapevolezza della strada che il Paese dovrebbe imboccare per tornare a crescere e consegnare nelle mani delle generazioni future un pianeta più pulito e più salutare.

Per l’efficienza siamo disposti a spendere di più

L’investimento nelle rinnovabili va declinato anche in termini di efficienza e di riqualificazione energetica. Secondo gli intervistati, le città potrebbero diventare più sostenibili non solo sostituendo i sistemi di illuminazione pubblici esistenti con sistemi a led di ultima generazione che permettono di risparmiare energia (78 per cento degli italiani), ma investendo anche sugli edifici. Riqualificazione energetica e adozione di sistemi per l’utilizzo delle energie rinnovabili dovrebbero essere le priorità per il 62 per cento degli italiani per avere una città più sostenibile.

Dentro casa gli italiani sono disposti anche a spendere di più per sostituire l’illuminazione tradizionale con quella a led, per dotarsi di elettrodomestici a basso consumo e per affidarsi a quelle utility che garantiscono una fornitura di energia elettrica ricavata da fonti rinnovabili. Comportamenti verso cui gli italiani stanno diventando anno dopo anno sempre più attenti. In particolare, nel corso degli ultimi tre anni, è più che raddoppiata la percentuale di coloro che sono disposti a sostenere costi maggiori per dotarsi di lampadine a led (dal 37 per cento rilevato nel 2015 all’80 per cento del 2017) ed elettrodomestici meno energivori (dal 34 al 76 per cento). Scelte di acquisto responsabile che stanno conquistando sempre più italiani, spinti da un senso di responsabilità nei confronti dei propri figli e di chi verrà dopo.

powered by Behind Energy
Articoli correlati