I premi Nobel non saranno più finanziati coi proventi dei combustibili fossili

Andando incontro alle richieste degli ambientalisti, la Fondazione Nobel taglia ogni legame finanziario con i combustibili fossili.

Quando Alfred Nobel istituì il premio che porta il suo nome, si impegnò a stanziare ogni anno un riconoscimento in denaro per tutte quelle persone che “hanno apportato il maggiore beneficio all’umanità”. In un momento storico in cui l’umanità è minacciata dai cambiamenti climatici, dovuti anche e soprattutto alle emissioni di gas serra di origine antropica, stona il fatto che questi soldi derivino in parte dai combustibili fossili. Una distorsione contro la quale gli attivisti si battono da tempo e che ora, finalmente, la Fondazione Nobel ha risolto.

Nobel
Consegna dei Nobel © Pascal Le Segretain/Getty Images

I legami tra premi Nobel e combustibili fossili

Stando agli ultimi dati finanziari disponibili, la Fondazione Nobel gestisce in tutto 5,1 miliardi di corone svedesi (506 milioni di euro); escludendo le sue proprietà, il capitale che viene investito in azioni o fondi ammonta a 4,8 miliardi di corone svedesi (478 milioni di euro). Già nel 2018 era stata pubblicata una policy volta a includere la sostenibilità tra i criteri per la selezione degli investimenti, escludendo il carbone; senza però impegnarsi per una scadenza precisa. Da qui il dissenso della ong 350.org, fautrice della campagna Divest Nobel. “Il premio Nobel mira a portare sviluppo nel mondo, ma nonostante ciò contribuisce indirettamente a riportarlo indietro. Ciò che vuole la Fondazione non va di pari passo con ciò che fa”, lamenta l’attivista Teresa Soler.

La Fondazione Nobel taglia i ponti con carbone e petrolio

Richieste che, finalmente, sono state accolte. Stando a quanto riporta la testata francese Novethic, martedì 20 luglio la Fondazione Nobel ha annunciato la vendita di tutte le partecipazioni nel settore petrolifero. Stiamo parlando di quasi 350 milioni di corone (circa 35 milioni di euro). I settori delle armi e del tabacco erano già stati abbandonati in precedenza. La conferma è arrivata dal nuovo direttore esecutivo Vidar Helgesen, intervistato dall’emittente televisiva Sr. “Quando si hanno capitali da investire, le persone si aspettano che vengano investiti con giudizio”, ha dichiarato.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati