Fotovoltaico. Le piccole e medie imprese possono noleggiarlo

Zero spese di installazione e di manutenzione dell’impianto. Energia rinnovabile per autoconsumo e deduzioni fiscali. Ora il solare lo si può noleggiare.

Nuova iniziativa del gruppo Conergy, che permette alle piccole e medie imprese di noleggiare un impianto fotovoltaico e iniziare da subito a usare energia rinnovabile. Si chiama Noleggio Energia ed è disponibile per tutte le aziende che abbiano un tetto a disposizione per l’installazione dell’impianto.

 

151221188

 © Getty Images

Al resto pensa Conergy, azienda che da più di due decadi lavora nel campo del fotovoltaico. Una nuova formula pensata per chi vuole iniziare da subito a utilizzare energia rinnovabile risparmiando sulla bolletta. Infatti il gruppo, una volta stipulato il contratto di noleggio, si impegna ad installare l’impianto e farsi carico di tutta la gestione tecnica e amministrativa. A quel punto tutta l’energia prodotta è del cliente che la utilizza in base alle esigenze, quindi in autoconsumo o immettendola in rete con lo scambio sul posto.

 

Quali sono i vantaggi? Come spiega l’azienda, “con l’impiego di un impianto a noleggio, il quadro normativo riconosce l’azienda come auto-produttore di energia elettrica da un sistema riconosciuto ‘efficiente’ e quindi con zero tasse, zero accise e consente di beneficiare della facilitazione offerta dallo scambio sul posto. I canoni sono interamente deducibili per competenza ed anche ai fini Ires e Irap”.

 

151869016

 © Getty Images

L’energia elettrica inoltre avrà sempre lo stesso costo durante tutto il periodo di noleggio. Risparmio che aumenterà nel momento in cui si scelga di prolungare il noleggio o di riscattare l’impianto. Infatti, scaduto il contratto, sarà possibile prolungarlo, riscattare o addirittura restituire l’impianto.

 

L’impianto fotovoltaico viene accuratamente dimensionato per massimizzare l’autoconsumo”, spiega Giuseppe Sofia, amministratore delegato di Conergy. “Inoltre anche l’energia non auto consumata verrà valorizzata tramite il meccanismo di cessione in rete dello «scambio sul posto”.

 

103344403

 © Getty Images

Una proposta che arriva in un momento cruciale per il mercato del fotovoltaico, come ricordato durante Solarexpo 2015: “Dopo la fine degli incentivi del conto energia il solare ha attraversato in Italia, così come in tutta Europa, una fase difficile di ristrutturazione industriale. Ma ora il settore, dimagrito e guidato dagli operatori più professionali e determinati, è pronto a ripartire”.  L’obiettivo: “Riportare la potenza fotovoltaica installata annualmente in Italia a 1 GW all’anno, cioè a 1 milione di kilowatt di picco o, se vogliamo, a circa 100mila impianti installati ogni anno”.

Articoli correlati