Il governo della Francia rinuncia all’obiettivo glifosato-zero

Il presidente della Francia Emmanuel Macron aveva promesso nel 2017 che il glifosato sarebbe stato vietato entro tre anni.

“Ho chiesto al governo di adottare le misure necessarie affinché l’uso del glifosato venga vietato non appena saranno trovate delle alternative, e al più tardi entro tre anni”. Era il 27 novembre 2017 e il presidente della Francia Emmanuel Macron annunciava così, su Twitter, la volontà di mettere di fatto al bando la sostanza alla base del pesticida Roundup, fabbricato dalla Monsanto e dal 2015 presente nella lista dei composti “probabilmente cancerogeni” dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc).

Il ministro dell’Agricoltura: con l’obiettivo “zero glifosato” smetteremmo di produrre cibo

Non ci riusciremo – ha ammesso il 26 giugno il ministro dell’Agricoltura Didier Guillaume -, occorre dire la verità. Affermare che vieteremo il glifosato equivale a prendere in giro le persone. Rinunciare a tale sostanza significherebbe imbarcarsi in qualcosa di drammatico, perché con l’obiettivo ‘zero glifosato’ smetteremmo di produrre cibo”.

Il membro del governo guidato dal conservatore Edouard Philippe ha così risposto agli interrogativi in merito che gli erano stati posti dal leader dei Verdi francesi, l’eurodeputato Yanick Jadot, in un’intervista all’emittente France Info.

Già nel 2018 il presidente Emmanuel Macron evocava possibili eccezioni

La promessa non mantenuta di Macron fu lanciata all’indomani di una battaglia persa a Bruxelles. L’Europa aveva infatti appena rinnovato l’autorizzazione alla commercializzazione del glifosato per altri cinque anni, nonostante l’opposizione proprio della Francia.

macron francia
Il presidente francese Emmanuel Macron © Sean Gallup /Getty Images

In seguito, il presidente della Francia aveva ribadito la propria posizione. Il 25 gennaio 2018 aveva affermato di voler “accelerare la transizione per abbandonare il glifosato”. Un mese dopo, però, il leader centrista aveva cominciato ad evocare possibili eccezioni. Spiegando che “il 10-20 per cento degli agricoltori” non avrebbe ancora a disposizione un’alternativa a tale pesticida. E precisando che a loro “non si chiederà di smettere di utilizzarlo entro tre anni”.

glifosato francia
Una manifestazione contro il glifosato © Remy Gabalda/Afp/Getty Images

Le vendite di glifosato calate solo dell’8 per cento in tre anni in Francia

Nel maggio dello stesso anno, poi, un deputato del partito di Macron, Matthieu Orphelin, aveva tentato di dare alla promessa connotati normativi, con un emendamento alla legge Agricoltura e alimentazione. Ma la maggioranza di governo non approvò la proposta. Sette mesi dopo, nel gennaio del 2019, lo stesso Macron dichiarerà: “È impossibile dire che non ci sarà più glifosato in tre anni”.

Come se non bastasse, le vendite del pesticida sono risultate solo in leggero calo nel corso dell’ultimo triennio. Dopo un 2018 di vendite record, si è registrata infatti una sostenuta contrazione lo scorso anno, ma sui 36 mesi l’abbassamento è stato dell’8 per cento. Anche in questo senso, la promessa di Macron appare oggi come una mera illusione.

Articoli correlati