Come Geico ha ridotto l’impatto dell’industria automobilistica

L’azienda italiana ha ridotto di un terzo l’utilizzo di energia grazie a ricerca e sviluppo decennali. Ora gli impianti per la verniciatura delle scocche delle automobili sono più sostenibili.

È un settore forse sconosciuto ai più, quello in cui opera Geico, azienda italiana che oggi opera in 26 Paesi e impiega più di 5 mila dipendenti. Quello che è certo è che la verniciatura delle scocche delle automobili è un processo che impiega molta energia e ha impatti ambientali notevoli.

 

Geico
La cella ottagonale che riduce del 22 per cento i consumi energetici.

Per questo motivo il gruppo, oggi in partnership con la giapponese Taikisha, ha puntato negli anni nella ricerca e nello sviluppo di una tecnologia che fosse in grado di abbattere i consumi energetici del processo. Ed è così passata da una media di 900 kWh al secondo del 2005 a 320 kWh di oggi.

Il progetto J-Hive di Geico

La nuova tecnologia utilizza un’innovativa cella per la verniciatura, in grado di impiegare un solo robot sia all’interno che all’esterno della scocca e, grazie alla forma ottagonale, di ridurre lo spazio occupato dalla cabina, diminuendo di conseguenza l’aria presente al suo interno. In questo modo l’azienda è riuscita ad abbattere i consumi energetici del 22 per cento. Un brevetto di Geico che si è aggiudicato l’Innovation Award 2015, un prestigioso premio conferito agli impianti più innovativi a livello mondiale.

 

L’obiettivo dichiarato dal presidente del gruppo, Ali Reza Arabnia è quello: “di raggiungere una crescita e un’innovazione totalmente sostenibile, nel pieno rispetto dell’ambiente. Il nostro scopo è quello di riuscire a creare un impianto in grado di risparmiare il 70 per cento dei consumi e di colmare il restante 30 per cento utilizzando energia rinnovabile”.

geico
Il robot impiegato nella verniciatura.

L’impegno sociale a Scampia

Ma la sostenibilità di un grande gruppo si misura anche con progetti sul territorio. Grazie alla collaborazione con Treedom, azienda che promuovere la realizzazione di progetti agroforestali in paesi in via di sviluppo e non, Geico ha supportato la cooperativa sociale Resistenza Anticamorra, nella municipalità di Scampia Chiaiano. Qui un terreno di 14 ettari confiscato alla camorra è stato messo a disposizione di circa 40 giovani, che così potranno trovare la possibilità di un impiego.

Articoli correlati