Cooperazione internazionale

Hong Kong, dall’ombrello giallo alla bandiera bianca

I tre fondatori del movimento di protesta nato a Hong Kong due mesi fa per chiedere libere elezioni hanno deciso di consegnarsi alla giustizia.

Hong Kong. Dopo una notte di scontri, tra gli attivisti del movimento Occupy central e la polizia della città cinese, il 2 dicembre i tre fondatori, Benny Tai Yiu-ting, Chu Yiu-ming e Chan Kin-man, hanno dichiarato di voler porre fine alle proteste cominciate a fine settembre, note anche come Umbrella revolution, per consegnarsi alle autorità di Hong Kong.

 

I manifestanti del movimento Occupy central© Chris McGrath/Getty Images

La notte del 30 novembre. Durante la notte di protesta nel quartiere di Mong Kok, i manifestanti hanno cercato di circondare il palazzo del governo locale portando gli agenti di polizia a intervenire usando manganelli e spray urticante. Almeno 40 persone sono state arrestate, mentre i feriti sono stati centinaia sia tra le fila degli attivisti che tra i poliziotti.

 

Perché ritirarsi. I tre fondatori hanno detto che la decisione è stata presa per garantire la sicurezza dei manifestanti, soprattutto studenti, e per tener fede all’intento originale della protesta basata su valori quali l’amore e la pace. Gli studenti, però, sono contrari e preferiscono portare avanti la protesta tanto che uno dei leader studenteschi, Joshua Wong, il primo dicembre ha cominciato lo sciopero della fame.

 

La polizia respinge i manifestanti© Chris McGrath/Getty Images

Due mesi dopoLe proteste erano cominciate il 27 settembre per chiedere lo svolgimento di elezioni libere e democratiche nella ex colonia britannica nel 2017, tornata cinese nel 1997. Stando a oggi, i candidati governatori di Hong Kong verrebbero “filtrati” preventivamente da un comitato elettorale sotto il controllo del governo centrale di Pechino minando così la libertà di voto.

Articoli correlati
Un terremoto nel terremoto

Emergency continua a offrire supporto psicologico e assistenza infermieristica alla popolazione del centro Italia colpita dal sisma nel 2016, dove oggi il restare a casa diventa qualcosa di estremamente complesso.