I piemontesi aprono la porta di casa al popolo di Terra Madre

Mille posti letto messi a disposizione dai cittadini per ospitare i delegati di Terra Madre Salone del Gusto. L’affetto dei piemontesi per il grande evento di Slow Food si rinnova anche quest’anno attraverso l’accoglienza e la condivisione.

L’appello dello scorso marzo di Carlo Petrini, Presidente di Slow Food, non è caduto nel vuoto: le famiglie piemontesi hanno offerto mille posti letto nelle proprie case per ospitare i delegati dell’edizione 2016 di Terra Madre Salone del gusto. 150 a Torino e 850 nelle province limitrofe.

“Tempo fa, in un momento terribile per l’ospitalità in Europa, ho chiesto ai torinesi e ai piemontesi un grande favore. Ho chiesto loro di rinnovare e di superare il grande impegno con cui hanno sempre accolto i delegati di tutto il mondo durante gli eventi organizzati da Slow Food. Oggi, a pochi mesi di distanza, in un momento in cui si ergono muri invece di costruire ponti, e in una situazione in cui dominano ancora la diffidenza e l’odio verso lo straniero e verso l’estraneo, come sottolineato dai tragici fatti di queste ore, ecco che io sento di poter dire che sì, come si suol dire, ‘la paura fa 90’. Ma la gentilezza, l’accoglienza, la condivisione, fanno 1.000”, racconta lo stesso Petrini.

 

terra madre
Sono 150 i posti letto messi a disposizione dai cittadini a Torino e 850 quelli nelle province limitrofe © Slow Food

 

Durante i cinque giorni di evento, agricoltori, pastori, pescatori, produttori, cuochi ed educatori provenienti da ogni parte del mondo, condivideranno con i loro ospiti piccoli gesti quotidiani, usi e tradizioni, scambiando saperi e tessendo amicizie. Della rete di accoglienza messa in moto da Slow Food fanno parte anche associazioni di categoria come Coldiretti, che ospita fin dalla prima edizione di Terra Madre nel 2004, e che quest’anno ha dato disponibilità per accogliere circa 300 delegati; anche la Confederazione italiana agricoltori, per la prima volta quest’anno metterà a disposizione 200 posti letto.

 

terra madre accoglienza
Terra Madre Salone del Gusto festeggia il suo ventesimo compleanno con un nuovo nome e una nuova location © Slow Food

 

“Si tratta di un risultato enorme, che testimonia ancora una volta l’affetto dei torinesi e dei piemontesi verso Terra Madre Salone del Gusto e verso la grande rete delle Comunità del cibo, una grande famiglia fatta di storie, di volti e di mani che, in 170 Paesi in tutto il mondo, lavorano e combattono per garantire cibo buono, pulito e giusto non soltanto a noi, ma soprattutto ai nostri figli. Una famiglia di cui tutti facciamo parte, perché il diritto al piacere del cibo vero è un diritto che ci rende tutti fratelli, e fa di tutti noi i protagonisti di un cambiamento necessario”, ha precisato Petrini.

 

Dal 22 al 26 settembre, i delegati di Terra Madre presenteranno e racconteranno al pubblico la biodiversità della loro terra nel Parco del Valentino e nell’area dedicata ai Presìdi Internazionali Slow Food.

Articoli correlati