Idrakronos fa più di 700 chilometri e vince la Shell Eco Marathon

Risultati entusiasmanti nella gara per auto a bassi consumi. Gli studenti italiani vincono le categorie a idrogeno e batterie.

C’è una generazione che sta preparando la strada alla mobilità sostenibile di domani. Ed è cresciuta negli istituti e nelle università italiane. È quella che ha partecipato all’edizione europea della Shell Eco Marathon, gara automobilistica di prototipi alimentati da carburanti alternativi e non. Vince chi consuma meno.

idrakronos
Un’immagine del circuito Queen Elizabeth Olympic Park. Foto via Sem 2016.

E a vincere nella categoria “Hydrogen”, ovvero auto a fuel cell a idrogeno, è stata la Idrakronos, veicolo realizzato dal team H2polito. 60 ragazzi provenienti da diversi corsi di laurea del Politecnico di Torino, hanno realizzato un prototipo in fibra di carbonio e alimentato con una cella combustibile a idrogeno capace di percorrere 737 km con un solo metro cubo di combustibile: poco meno della distanza che va da Milano a Napoli.

Idrakronos, un’eccellenza della scuola italiana

La gara, svoltasi a Londra all’interno del Queen Elizabeth Olympic Park su un tracciato ricco di curve e pendenze, hanno messo alla prova i veicoli mossi da quanche centinaio di Watt e capaci di raggiungere punte massime di 25-35 km/h. “Il risultato che abbiamo ottenuto quest’anno è il frutto di un grandissimo lavoro di squadra, che non coinvolge solamente gli studenti del Team H2polito ma anche tutti i giovani ingegneri del mio gruppo di ricerca Iehv”, ha dichiarato Massimiliana Carello, consulente di facoltà della squadra. “Idrakronos è il risultato di una perfetta integrazione di dinamica veicolo, aerodinamica, uso di materiali compositi strutturali, controllo elettronico e della fuel cell, sistema di telemetria”.

Il prototipo è arrivato primo su 20 squadre partecipanti nella categoria, su un totale di 200 team provenienti da 9 Paesi europei. Una vera gara internazionale, dove non vince chi arriva primo, ma chi punta su sostenibilità e basse emissioni.

Il secondo posto nella categoria “Electric”

Non solo idrogeno. Gli studenti hanno raggiunto ottimi risultati anche nella categoria “elettrica” a batterie. Il Team Zero C dell’Itis Leonardo da Vinci di Carpi, con Escorpio Evo 2, ha raggiunto il secondo posto percorrendo 736.1 km/kWh rispetto ai 600.8 km/kWh della scorsa edizione. Sul podio anche il team Faenzanaftaracing dell’Itip L. Bucci di Faenza e l’Unibas Racing team dell’Università degli studi della Basilicata, entrambi al 3° posto rispettivamente nella categoria “prototipi” alimentati a diesel.

“Anche quest’anno l’Italia si è distinta non solo per gli ottimi risultati raggiunti dalle squadre durante la competizione, ma anche per la passione e l’impegno profusi in ogni fase della gara”, ha concluso Valeria Contino, responsabile relazioni esterne di Shell Italia. “Gli studenti, provenienti da tutto il territorio nazionale, hanno combinato creatività e capacità di problem-solving grazie all’uso e all’applicazione di tecnologie avanzate, raggiungendo sempre più elevati standard di efficienza energetica”.

Articoli correlati
Opel Manta, la coupé anni ’70 rinasce elettrica

Opel annuncia il ritorno di Manta, la coupé anni ’70 che rinasce grazie a un progetto unico. Obiettivo? Guardare avanti celebrando il passato, dandogli nuova linfa grazie all’elettrico.

Articolo sponsorizzato