Corsie per ricaricare i veicoli elettrici via wireless. Al via i primi test in Gran Bretagna

Continua la ricerca per sviluppare una rete di ricarica intelligente e puntare ad una mobilità a basse emissioni. In Gran Bretagna parte la sperimentazione.

Più di 600 milioni di euro di finanziamenti in cinque anni per realizzare i primi tratti autostradali con corsie a ricarica rapida e senza fili. È quanto fa sapere il Governo inglese dopo uno studio di fattibilità realizzato da Highways England (la compagnia inglese che gestisce e mantiene le arterie stradali nel  Regno Unito).

corsie autostrada ricarica auto elettriche
Il governo britannico ha puntato sulla mobilità elettrica investendo circa 60 milioni di euro

“L’opportunità di ricaricare i veicoli a basse emissioni durante la marcia offre possibilità affascinanti”, ha dichiarato in una nota il Ministro dei trasporti Andrew Jones. “Il Governo ha già messo a disposizione 500 milioni di sterline (685 milioni di euro) per i prossimi cinque anni per mantenere all’avanguardia il Regno Unito su questa tecnologia, che ci aiuterà a creare posti di lavoro e una crescita nel settore. Stiamo cercando di sviluppare soluzioni per rendere accessibili i veicoli a basse emissioni sia alle famiglie che ai lavoratori”.

Leggi anche: Cos’è un’auto elettrica e come funziona

Le nuove corsie autostradali non sono ancora un fatto concreto

Dopo essersi impegnata ad installare una colonnina di ricarica ogni 30 chilometri sulla rete gestita dalla compagnia, ora in Gran Bretagna punta a creare delle corsie dedicate alle auto elettriche e alla loro ricarica senza fili. I primi test inizieranno entro la fine dell’anno per ricreare le condizioni autostradali e capirne così la fattibilità. Se i risultati saranno favorevoli, inizierà il progetto “su strada”.

corsie elettriche autostrada funzionamento
Struttura della rete elettrica che rifornirà di energia le corsie via wireless

“La tecnologia sta avanzando ad un ritmo sempre crescente e siamo impegnati a sostenere la crescita dei veicoli a basse emissioni nelle nostre strade e autostrade”, ha spiegato Mike Wilson a capo di Highways England. “Le prove della tecnologia wireless ci aiuterà a creare una rete stradale più sostenibile e ad aprire nuove opportunità per le imprese che trasportano merci in tutto il Paese”.

Dopo “l’ondata di punti di ricarica” annunciata pochi mesi fa, che coinvolgerà stazioni ferroviarie, ospedali, supermercati, il Regno Unito continua la sua corsa verso la mobilità elettrica e sostenibile.

Articoli correlati