In auto col cane, informazioni e consigli per un viaggio sicuro

Portare in auto il proprio cane è un’esperienza comune. Ma ci sono regole e attenzioni particolari che è bene tenere presenti prima di mettersi in viaggio.

Andare in auto col cane è ormai diventato un obbligo. Che si vada dal veterinario, si esca a far compere o si raggiunga il luogo di vacanza o la casa di amici, è necessario però conoscere le regole per il trasporto dei cani in automobile. Ma la confusione sull’argomento “trasporto cani in auto” è molta e, per fare chiarezza, è necessario partire da quanto espone la legge in merito.

Testualmente il codice recita: “È consentito il trasporto di soli animali domestici, anche in numero superiore, purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida, appositamente diviso da rete o altro analogo mezzo idoneo che, se installati in via permanente, devono essere autorizzati dal competente ufficio provinciale della direzione generale della motorizzazione civile”. Se non si ottempera a queste regole il rischio è quello di ritrovarsi con una sanzione che può costare da un minimo di 78 euro ad un massimo di 311, senza contare la decurtazione dei punti sulla patente.

Leggi anche: Il galateo del cane in vacanza

cane in auto
Far viaggiare in auto il cane nel bagagliaio può essere una buona soluzione, a patto che sia protetto doverosamente © Ingimage

Auto e trasporto cani, i consigli dell’esperto

Trasportare animali in auto è quindi consentito, ma ci sono degli accorgimenti da seguire per il bene dell’animale, di chi è alla guida del veicolo e delle persone trasportate, oltre che degli altri automobilisti ovviamente. “Se abbiamo un solo cane non siamo obbligati ad avere un trasportino o una rete divisoria.  Il nostro amico a quattro zampe – se è da solo – può stare ovunque a patto che non sia d’intralcio alla guida e alla visibilità del guidatore”, spiega Bruno Ferrari, educatore cinofilo. “In caso di controllo, però, sarà compito dell’agente decidere se era in una posizione sicura o meno, quindi il mio consiglio è quello di adottare le apposite cinture di sicurezza da applicare alla pettorina del cane in modo da sistemarlo sui sedili posteriori e viaggiare sicuri, senza incappare in multe o in situazioni pericolose”.

Buona norma sarebbe quella di non tenere il cagnolino di famiglia – se di piccole dimensioni – sulle ginocchia, magari di quelle della persona seduta a fianco di chi guida. Potrebbe muoversi, divincolarsi o cercare di scappare e causare danni. “La soluzione delle cinture di sicurezza per cani da applicare sui sedili e fissare alla pettorina possono essere vantaggiose”, continua Ferrari. “Si può anche optare per la sistemazione nel bagagliaio, a patto che vengano rispettate le norme di sicurezza e di comfort per l’animale. Una rete da applicare tra il bagagliaio e i sedili posteriori, perciò, può essere una buona soluzione per impedire al cane di passare e provocare distrazioni o problemi al guidatore”.

Un ottimo espediente per i viaggi con cani al seguito è rappresentato dal kennel, o trasportino. Possiamo fissarlo al sedile posteriore con le cinture di sicurezza o metterlo nel portabagagli. Se il trasportino che usiamo è in plastica ed è di buona qualità, fornisce una protezione maggiore al nostro amico a quattro zampe e, magari, lo fa stare anche più tranquillo e sereno durante i viaggi lunghi.

cane in auto
Attenzione ai viaggi in auto dei cani brachicefali, soprattutto se fa caldo © Pixabay

Quando i cani sono più di uno

Se abbiamo più di un cane in auto, in base al codice stradale dobbiamo tenerli in un’apposita gabbia o collocati nel vano posteriore con una rete divisoria. Come accennato prima, se la rete e le gabbie sono posizionate in modo permanente, devono essere omologate e autorizzate dall’ufficio provinciale della direzione generale della motorizzazione civile. In base alla tipologia dell’autovettura e alla sua ampiezza, la scelta più sicura è quella di posizionare le gabbie nel vano posteriore. Trasportare cani in auto lasciandoli nel portabagagli va bene, ma avendo più libertà di movimento, in caso di tornanti o frenate brusche i piccoli viaggiatori possono farsi male. La soluzione dei kennel, magari da posizionare uno a fianco all’altro, è senza dubbio la migliore sia per i nostri amici a quattro zampe sia per chi guida e viaggia con loro.

Leggi anche:

In auto durante i lunghi viaggi

Fatte le premesse legislative e di sicurezza generale, è bene tenere presente alcuni accorgimenti quando si viaggia, soprattutto se ci si sposta per raggiungere i luoghi di vacanza e si deve pronosticare un viaggio lungo, magari con alte temperature estive. “Il caldo, come ormai risaputo, è un grande nemico dei cani”, aggiunge Bruno Ferrari. “Non solo non dobbiamo lasciarli chiusi al caldo, ma durante il viaggio è bene accendere l’aria condizionata e rinfrescare l’auto prima di farli salire. Scegliere di spostarsi in orari freschi è un’ottima idea. In commercio si trovano speciali tappetini refrigeranti che sono molto utili nei viaggi. Importanti anche le soste. Se il viaggio è lungo sarebbe cosa buona e giusta programmare fermate ogni paio d’ore per consentire al cane di sgranchire le articolazioni e fare i suoi bisogni fondamentali”.

Ma il caldo si combatte anche con l’idratazione, quindi è bene dotarsi di ciotole da viaggio. “Ci sono in commercio quelle che si richiudono su se stesse e occupano poco spazio in modo da poterle tenere sempre in auto, e fare bere spesso il cane  durante le varie soste”, continua Bruno Ferrari. Alcuni cani soffrono l’auto come noi umani quindi riempire lo stomaco prima di un viaggio per alcuni soggetti non è proprio l’ideale. Il consiglio del veterinario curante sarà importante sotto questo profilo. Per i cani che soffrono l’auto ci possono essere ottimi rimedi naturali o omeopatici che risolvono spesso la situazione. In generale, comunque, viaggiare a stomaco leggero può essere un vantaggio. Un’ultima cosa importante da sottolineare quando si parla di cani e viaggi in auto è la paura che spesso può colpire i nostri amici quando devono viaggiare nell’abitacolo di una macchina. Abituare il cane per tempo agli spostamenti, magari solo per brevi tragitti, sarà importante per fare in modo che il viaggio in automobile venga associato a esperienze piacevoli e poco stressanti.

Articoli correlati