L’inquinamento da plastica ha ucciso oltre mezzo milione di granchi eremita

Gli animali, che vivevano in isole remote nell’oceano Indiano e nel Pacifico, sono morti intrappolati nei detriti di plastica.

I granchi eremita, o paguri eremita, nome comune che comprende diverse specie di crostacei decapodi, difendono la parte molle del loro corpo utilizzando conchiglie e gusci vuoti di gasteropodi. Una volta trovata una conchiglia adatta la rendono confortevole secernendo sostanze chimiche erosive, che permettono di creare uno spazio interno ampio e liscio, e la lasciano solo quando sono cresciuti e sono costretti a cercare conchiglie più grandi. Questa tecnica rappresenta un’eccellente strategia di difesa contro i predatori, ma non può nulla contro un nemico terribile e inanimato, che sta uccidendo creature marine di ogni tipo, la plastica.

Granchio eremita in una spiaggia cubana
I rifiuti di plastica che galleggiano negli oceani e si riversano sulle spiagge minacciano la sopravvivenza di oltre 800 specie animali ai quali bisogna probabilmente aggiungere i granchi eremita © John Moore/Getty Images

Una moria di paguri

508mila granchi eremita sono infatti stati trovati morti a causa dei rifiuti di plastica nell’arcipelago delle Isole Cocos, nell’oceano Indiano, tra l’Australia e lo Sri Lanka, mentre 61mila sono stati rinvenuti sull’isola di Henderson nel sud del Pacifico. Gli animali sarebbero morti intrappolati nei detriti di plastica e gli studiosi, alla luce del dilagante inquinamento che affligge mari e oceani di tutto il pianeta, temono il declino delle specie di paguri.

Leggi anche

Come la plastica uccide i granchi eremita

I ricercatori dell’Istituto di studi marini e antartici (Imas) dell’università della Tasmania, del museo di Storia naturale di Londra e dell’organizzazione Two Hands project, hanno scoperto che, nei siti esaminati, da uno a due granchi per metro quadrato di spiaggia vengono uccisi dai rifiuti. Gli scienziati hanno esaminato quattro isole dell’arcipelago delle Cocos e l’isola di Henderson alla ricerca di contenitori di plastica aperti, in grado di intrappolare gli invertebrati, e contando il numero di granchi bloccati in ciascuno.

Bottiglietta di plastica sulla costa di South Troon, in Scozia.
Ogni anno negli oceani del pianeta si riversano otto milioni di tonnellate di plastica, alcuni rifiuti possono impiegare decenni a decomporsi, mentre altri si sbriciolano in minuscoli frammenti © Jeff J Mitchell/Getty Images

L’olfatto dei paguri non aiuta

I contenitori si sono rivelati dunque trappole mortali per i paguri, e il problema è acuito da una loro particolare caratteristica. Uno studio pubblicato lo scorso febbraio ha infatti dimostrato che i granchi eremita sono in grado di fiutare con grande abilità l’odore dei propri conspecifici morti, per potersi appropriare delle loro conchiglie, ormai sfitte. Nel caso degli animali deceduti nei rifiuti di plastica, questo dà il via a un circolo vizioso e i paguri finiscono tutti intrappolati nello stesso punto. I ricercatori hanno trovato un contenitore con dentro ben 526 granchi morti.

Litorale della isola West, nell'arcipelago delle Cocos
I ricercatori dell’università della Tasmania hanno scoperto che le isole Cocos sono sommerse da circa 238 tonnellate di rifiuti © David Stanley/Flickr

L’importanza dei granchi eremita

Il declino dei granchi eremita potrebbe avere un grave impatto sugli ecosistemi circostanti. Questi piccole creature svolgono infatti preziosi servizi ecosistemici, ad esempio disperdono i semi e aerano e fertilizzano il suolo. L’effettivo rischio che i granchi eremita corrono a causa della plastica non è ancora chiaro, ma i risultati dei ricercatori hanno evidenziato l’urgente necessità di un’indagine sul tasso di mortalità di questi paguri in tutto il mondo.

Scopri LifeGate PlasticLess, un mare di idee contro un oceano di plastica

Articoli correlati