Omeopatia

Ippocastano, proprietà terapeutiche dell’albero milleusi

Le parti di ippocastano usate in fitoterapia sono la corteccia dei rami, che si raccoglie in primavera, e i frutti che maturano in settembre-ottobre.

di Sonia Tarantola

Originario dell’Asia Minore e dei Balcani, l’ippocastano fu importato in Europa, dapprima nel XVI secolo a Vienna e poi nel 1615 a Parigi, poi si è esteso in colture nei viali, nei giardini e nelle piazze di molti paesi.

Ippocastano, rimedio naturale e omeopatico

La corteccia di ippocastano è usata come tonico per combattere la fragilità capillare. Gli estratti di ippocastano, infatti, aumentano il tono delle pareti venose per i fattori della vitamina P presenti nella pianta: sono largamente usati nella terapia di varici ed emorroidi. E non solo, anche contro le gambe pesanti, la cellulite e la couperose.

ippocastano rimedio naturale omeopatico
La corteccia di ippocastano è usata come tonico per combattere la fragilità capillare. Gli estratti sono usati nella terapia di varici ed emorroidi, contro le gambe pesanti, la cellulite e la couperose.

Decotti e cataplasmi di ippocastano

Si può preparare un decotto leggero con 10 grammi di semi, la scorza o meglio ancora entrambe e mescolare gli uni all’altra. Questa bevanda, anche se amara, è efficace contro le varici, le emorroidi e le flebiti.

Per uso esterno si preferisce preparare un forte decotto di 50 grammi di frutti o di corteccia in 1 litro d’acqua per bagni locali.

Con la farina delle castagne si possono fare cataplasmi efficaci contro le vene varicose, i geloni e le flebiti. Con le castagne torrefatte si può preparare un caffè che, unito al latte, è consigliato agli anemici e agli individui di debole costituzione.

Sconsigliato nell’insufficienza renale. Ad alte dosi, può causare nausea, vomito, gastralgie.

Articoli correlati
Effetto placebo, l’omeopatia applicata alle piante lo smentisce

Ricerche in laboratorio hanno dimostrato che i vegetali, immuni dall’effetto placebo, se trattati con medicinali omeopatici reagiscono diventando più resistenti e più ricchi di sostanze nutraceutiche. Ce ne parla Lucietta Betti, già ricercatore confermato e docente di patologia vegetale e micologia.