Iran, spari al mausoleo di Khomeini e nel Parlamento. Almeno dodici morti

Due attacchi simultanei hanno colpito Teheran, in Iran. Le informazioni appaiono per ora confuse, ma si parla di morti e feriti.

14:00 – Secondo le autorità iraniane i morti provocati dal doppio attentato sarebbero dodici in totale.

Aggiornamento ore 10:32 – Secondo i media di stato iraniani i morti sarebbero due, tra i quali una donna kamikaze che si sarebbe fatta esplodere all’esterno del mausoleo, mentre un complice apriva il fuoco dentro al sito che ospita la tomba di Khomeini.


Un uomo armato ha aperto il fuoco  nella mattinata di mercoledì 7 giugno all’interno del mausoleo del fondatore della Repubblica islamica dell’Iran, Rouhollah Khomeini. Secondo le informazioni fornite dalle emittenti di Stato di Teheran, ci sarebbero numerosi feriti e almeno un morto. C’è chi parla anche di un kamikaze in azione.

Attacco al cuore simbolico e politico dell’Iran

Le agenzie di stampa Irib e Fars riferiscono che l’attentatore ha fatto irruzione nel sito sparando all’impazzata contro numerose persone. Al contempo, le stesse fonti parlano di una sparatoria anche all’interno del Parlamento, a qualche chilometro di distanza: alcune fonti parlano di un solo individuo armato, altre (compreso un parlamentare) di tre persone che avrebbero partecipato all’attacco.

Le informazioni, in ogni caso, appaiono al momento confuse, sia in merito alle dinamiche che alla matrice.

Immagine di apertura: l’interno del mausoleo di Khomeini in Iran ©GTVM92/Wikimedia Commons

Articoli correlati