Chi è John Podesta, il nuovo rappresentante degli Stati Uniti per il clima

Ex consigliere di Bill Clinton e Barack Obama, John Podesta è stato capo della campagna elettorale di Hillary Clinton. È un uomo di fiducia di Joe Biden.

Il “volto” degli Stati Uniti ai grandi appuntamenti internazionali sul clima non sarà più quello di John Kerry. Quest’ultimo ricopriva infatti il ruolo di “Inviato speciale” sulle questioni climatiche per conto del presidente Joe Biden dal 20 gennaio 2021 (dopo essere stato per anni segretario di stato americano nel corso del mandato di Barack Obama). A sostituirlo sarà John Podesta, uomo di fiducia di Biden, del quale da tempo è consigliere sui temi ambientali, anche se assumerà formalmente il ruolo di “senior advisor”.

Podesta, 75 anni, ha ricoperto numerosi incarichi delicati negli Stati Uniti

La decisione è stata annunciata nella giornata di mercoledì 31 gennaio dalla Casa Bianca. Obiettivo non dichiarato è anche quello di sfruttare il cambio della guardia in vista delle elezioni presidenziali che si terranno nel prossimo mese di novembre. Podesta, infatti, è stato il responsabile della campagna elettorale di Hillary Clinton nel 2016.

Nato a Chicago il 15 gennaio 1949, il 75enne è membro del partito democratico. È stato capo di gabinetto della Casa Bianca tra il 1998 e il 2001, all’epoca della presidenza di Bill Clinton. Quindi ha fondato il Center for American progress, think tank con sede a Washington. E in seguito, nel gennaio del 2014, è stato nominato consigliere del presidente Obama.

L'inviato speciale degli Stati Uniti per il clima alla Cop26, John Kerry
L’inviato speciale degli Stati Uniti per il clima alla Cop26, John Kerry © Jeff J Mitchell/Getty Images

Il suo nome finì sulle prime pagine dei giornali si tutto il mondo nel mese di ottobre del 2016: all’epoca il suo account personale Gmail venne piratato e le sue email vennero pubblicate, assieme agli allegati, da Wikileaks. Ciò ad appena un mese dalle elezioni, perse da Hillary Clinton: numerose speculazioni montarono attorno ai messaggi di posta elettronica di Podesta, e il tutto finì per alimentare teorie cospirazioniste con accuse anche gravissime – ma mai provate – a danno dell’esponente democratico.

“Podesta è un sostenitore di una politica più coraggiosa sul clima”

Jeff Zients, attuale capo di gabinetto della Casa Bianca, ha presentato il nuovo responsabile della diplomazia climatica come “un convinto sostenitore di una politica più coraggiosa contro il riscaldamento globale”. E ha aggiunto che, su questo, “il mondo saprà che Podesta il ha la fiducia del presidente degli Stati Uniti”.

Sarà in capo a lui anche il monitoraggio del grande programma di investimenti sulla transizione energetica approvato nell’agosto del 2022 e battezzato Inflation reduction art. In un’intervista concessa al New Yorker nella scorsa estate, Podesta ha dichiarato: “Occorre operare una trasformazione dell’economia mondiale di dimensioni mai viste finora. E bisogna farlo in trent’anni”.

Alla Cop29 di Baku il primo appuntamento cruciale

Occorrerà inoltre fornire nuovo impulso alle Conferenze mondiali sul clima delle Nazioni Unite, a partire dal 29esima in programma a Baku, in Azerbaigian, nel prossimo novembre. Un appuntamento, quello della Cop29, dal quale dipenderanno le sorti del Pianeta.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati