Diritti umani

Lgbt, le violenze in Francia sono cresciute del 36 per cento in un anno

Inquietante aumento, in Francia, di aggressioni – verbali e fisiche – contro persone Lgbt, secondo i dati ufficiali del ministero dell’Interno di Parigi.

Nel corso del 2019, le aggressioni a carattere omofobo contro persone Lgbt sono aumentate fortemente in Francia. Secondo un bilancio reso noto sabato dal ministero dell’Interno, lo scorso anno le forze dell’ordine transalpine hanno recensito 1870 casi in tutto, contro i 1380 del 2018. Si tratta, ha spiegato lo stesso ministero, di una crescita del 36 per cento.

Le Ong: non tutti denunciano le violenze anti-Lgbt. Le cifre reali sono ancora più alto

L’aumento dell’odio nei confronti di omosessuali, gay e transgender è confermato d’altra parte da un altro dato: quello relativo alle denunce che sono state depositate nel corso del tempo. Anch’esse, infatti, sono cresciute fortemente (del 33 per cento) rispetto all’anno precedente.

Stonewall New York
2012, manifestazione per i diritti Lgbtq a New York davanti all Stonewall inn © Michael Nagle/Getty Images

“Si tratta – ha aggiunto il ministero – di cifre che testimoniano come l’omofobia e la transfobia presentino un profondo radicamento nella società”. E “si inquadrano in un contesto più ampio di aumento degli atti di odio e degli estremismi identitari”. Senza dimenticare che, secondo le organizzazioni non governative che si occupano di diritti Lgbt, i dati ufficiali sarebbero nettamente inferiori rispetto a quelli reali. Ciò in quanto molte aggressioni non emergono: chi le subisce ha paura di ritorsioni in caso di denuncia formale presso le autorità e dunque preferisce lasciare i fatti nell’ombra.

Analizzando nel dettagli le cifre fornite dal ministero francese, si scopre che nel 33 per cento dei casi le aggressioni sono state verbali – sotto forma di ingiurie. Le violenze fisiche o sessuali sono invece pari al 28 per cento dei casi. Per quanto riguarda invece le vittime, nel 75 per cento dei casi si tratta di uomini, e nel 62 per cento di persone giovani, di meno di 35 anni.

Leggi anche: È vietato anche solo affermare di non voler assumere persone non etero, secondo la Corte di giustizia europea

Il confinamento per il coronavirus ha incrementato le violenze

In molti casi, tra l’altro, si tratta di aggressioni che hanno luogo in famiglia. Si teme per questo che il confinamento imposto nel 2020, nel periodo più duro della crisi del coronavirus, possa aver esasperato il fenomeno. Per questo il governo di Parigi aveva previsto uno stanziamento di 300mila euro per consentire alle persone Lgbt più in difficoltà di potersi pagare delle notti in albergo.

Una situazione che, secondo le associazioni, sarebbe peggiorata anche in Italia. In occasione della Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, che si è celebrata il 17 maggio, Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center, ha indicato che nel nostro paese sarebbero oltre 50 ogni giorno le persone che subiscono discriminazione e violenza. E anche da noi il fenomeno risulta peggiorato nel corso del confinamento. Senza dimenticare che, secondo un sondaggio effettuato nelle scuole del Lazio, oltre il 34 per cento degli studenti pensa che l’omosessualità sia sbagliata e il 10 per cento che si tratti di una malattia.

Articoli correlati