A Mantova per il Festivaletteratura

Torna dal 9 al 13 settembre il consueto appuntamento a Mantova con il Festivaletteratura, la rassegna letteraria forse più famosa in Italia. Ecco gli appuntamenti che consigliamo.

Lo aspettano in molti a settembre, è il Festivaletteratura di Mantova che dal 1997 coinvolge autori, lettori ed editori attorno al grande mondo delle parole scritte. Un evento che, nato dall’iniziativa spontanea di semplici appassionati, è cresciuto ogni anno di più, diventando ormai il Festival legato alla letteratura più famoso e atteso d’Italia.

 

Mantova in quei giorni cambia volto e da piccola città rinascimentale ricca di fascino e storia, diviene teatro e setting naturale per numerosissimi incontri, dibattiti, letture, concerti. L’atmosfera è stimolante e il programma è molto nutrito. Tra le centinaia di appuntamenti, ne abbiamo scelti alcuni che ci sembrano imperdibili, per eccezionalità o stravaganza. Vediamoli insieme.

 

Festivaletteratura Mantova

 

Durante tutti i giorni del Festival, quindi da mercoledì 9 a domenica 13 settembre nella centrale e meravigliosa Piazza Erbe è stato allestito un infopoint sul cambiamento climatico. Nel 2014 infatti è uscito il quinto rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), che documenta in maniera dettagliata gli effetti del cambiamento climatico per l’ambiente e per l’uomo, elabora scenari futuri e suggerisce possibili strategie di mitigazione. Il rapporto è un’opera di letteratura scientifica accessibile a tutti e al Festivaletteratura alcuni dei giovani estensori del rapporto avranno il compito di illustrare i dati in esso pubblicati, suggerendo una bibliografia ragionata e aiutando le persone a orientarsi sul sito IPCC e su altre risorse presenti in rete. Un’iniziativa interessante e di grande utilità che dimostra attenzione per l’attualità e l’ambiente.

 

Giovedì 10 a Piazza Castello da non perdere il dialogo tra Raffaele Cantone presidente dell’ANAC (Autorità nazionale anticorruzione) e autore de Il male italiano e il giornalista Giovanni Bianconi sul tema della corruzione nel nostro paese.

Alla Basilica Palatina di Santa Barbara invece si discuterà sulla desertificazione, il fenomeno di impoverimento del suolo e scomparsa di vegetazione spontanea in aumento ovunque che ha come diretta conseguenza la spinta a migrazioni di massa, fatto clou di questi giorni. A parlarne,  Monique Barbut, Segretaria Esecutiva della UNCCD, la Convenzione delle Nazioni Unite contro la Desertificazione e l’esperto di cambiamenti climatici Grammenos Mastrojeni (L’arca di Noè).

 

Festivaletteratura Mantova

 

Venerdì 11 a Palazzo Ducale un bell’incontro per chi ama camminare e considera quest’atto profondo e tutt’altro che meccanico e banale: David Le Breton, antropologo e sociologo francese che, proprio passeggiando, afferma di trovare la voglia di scrivere e un ordine al caos interiore, diversi anni dopo “Il mondo a piedi”, torna a raccontare la bellezza dell’andare a spasso con “Camminare”, e del perché sia necessario perdersi su sentieri e sterrati. L’autore parla al Festival con Davide Longo, scrittore e grande amante del trekking.

 

Sabato 12 al Parcobaleno uno degli appuntamenti dedicati ai più piccoli (sono tanti in tutte le giornate del festival): L’orto da asporto, un laboratorio di orticultura per bambini dai 4 ai 9 anni; la cosa davvero carina è che i partecipanti realizzeranno un mini-orto con i manici da portarsi tranquillamente a casa.

 

Domenica 13, ultimo giorno del festival, nell’Aula magna dell’Università, si parla di alimentazione, non dimenticando che questo è l’anno di Expo Milano 2015: a “Di che cosa parliamo quando parliamo di cibo naturale?” si ragionerà sulle esigenze di contadini e consumatori, di politica ed economia, legislazione e ricerca. E anche di un’informazione corretta e comprensibile che spesso manca sul tema.

 

 

Articoli correlati