Milano, ambiente, clima e qualità

Il Comune di Milano attua un ampio ventaglio di strategie: dall’ecopass alle nuove linee metropolitane, dalle piste ciclabili al car-sharing…

Ascolta
il trailer della giornata dedicata

Milano è tra le prime metropoli al mondo a dotarsi di un
moderno sistema di regolazione del traffico, per incentivare i
mezzi pubblici e incoraggiare la mobilità alternativa,
sostenibile, e una migliore fruizione degli spazi. Ma è solo
uno dei tasselli di una più ampia strategia che prevede 2
nuove linee metropolitane, flotta ecologica Atm e nuove policy sui
biglietti, car sharing, bike sharing, isole pedonali, controlli sul
riscaldamento e nuove fonti energetiche. A partire dal 16 febbraio
2008, ricorrenza del Protocollo di Kyoto, Milano sceglie di
comunicare e di condividere queste strategie con tutti i
cittadini.

  • 11 febbraio. La sfida del clima e della qualità
    della vita: Milano sotto i riflettori dell’Onu a New
    York.

    La
    notizia: Letizia Moratti all’Onu

    La
    notizia: a Milano e a New York il premio Fiorello La Guardia
     

    Si è tenuto a New York al Palazzo di Vetro il forum
    “Addressing Climate Change – le Nazioni Unite e il mondo al
    lavoro”. Due panel interattivi di discussione sotto l’egida
    dell’Onu si sono confrontati sulle migliori esperienze al mondo
    nella sfida del clima.
    Il Sindaco di Milano Letizia Moratti ha svolto un intervento che ha
    toccato i principali temi dello sviluppo sostenibile e della
    cooperazione internazionale, di fronte a 192 delegati da tutto il
    mondo: “E’ il momento di agire e Milano è pronta a mettere a
    disposizione di tutte le città le proprie conoscenze, la
    propria capacità, cultura e creatività per dare vita
    a un progetto di cui tutti abbiamo bisogno”.
    Letizia Moratti e Michael Bloomberg, rispettivamente sindaco di
    Milano e di New York, hanno ricevuto il premio istituito dalla
    Fondazione Fiorello La Guardia.

  • 2003, Londra. 2006, Stoccolma e Lione. Oggi,
    Milano.
    Milano è tra le prime metropoli del mondo a dotarsi di un
    moderno sistema di regolazione del traffico, per incentivare i
    mezzi pubblici e incoraggiare la mobilità
    sostenibile.
    La
    Notizia: Milano tra le prime al mondo

    Il cambiamento climatico coinvolge tutti. Stati, aziende, persone.
    E città. Il Comune di Milano sta attuando nuove strategie
    per l’ambiente e la qualità della vita.
    Oltre all’ecopass ― nuovo strumento per regolare il traffico
    in centro città, ridurre l’inquinamento e incentivare la
    mobilità sostenibile ― i nuovi obiettivi prevedono
    nuovi mezzi pubblici, 2 nuove linee metropolitane e 50 km di piste
    ciclabili, nuove iniziative di bike sharing…
    Gli impegni di Milano per il clima, per l’ambiente, sono stati il
    tema del discorso tenuto (in apertura dei lavori del dibattito
    organizzato dall’Assemblea Generale dell’Onu) dal sindaco di Milano
    Letizia Moratti.

  • Ambiente. Clima. Qualità della vita. Queste, le
    nuove parole d’ordine del Comune di Milano.

    L’ecopass è solo una delle “tessere” che il Comune di Milano
    sta componendo per la mobilità sostenibile, con cui Milano
    si proietta tra le città più avanzate al mondo per il
    controllo del traffico, la qualità della vita, la riduzione
    delle emissioni e la salvaguardia del clima.
    Ma cos’è oggi la “mobilità sostenibile”? La parola
    all’esperto, Alessandro Marchetti Tricamo, E-mobility.L’esperto:
    cos’è la mobilità sostenibile
  • Le nuove iniziative del Comune di MilanoBike Sharing
    Nel mese di maggio 2008 partirà anche il bike sharing:
    saranno messe a disposizione 5.000 biciclette a noleggio in 250
    stazioni.Car sharing

    “Pago solo l ‘uso dell’auto”. Una valida alternativa all’auto in
    proprietà è il car-sharing, il servizio che consente
    di pagare l’auto solo per il tempo di utilizzo. Il Comune di Milano
    è impegnato a promuovere e migliorare questo servizio
    attraverso le due società milanesi di car-sharing: la
    società comunale Guidami (tel 848.833.000 – [email protected]) e Milano
    Carsharing, creata da Legambiente (tel 02.45475777 [email protected]). Il
    car-sharing contribuisce a ridurre il numero di auto in
    circolazione e consente di risparmiare evitando le spese di
    gestione e manutenzione di un ‘auto di proprietà e
    consentendo di parcheggiare gratuitamente nelle strisce blu. Milano
    è attualmente la città italiana con il numero
    maggiore di vetture in car-sharing: 132 auto disponibili presso 61
    autorimesse; le vetture sono a bassa emissione, quindi esentate
    dall’Ecopass.

    Flotta ecologica ATM

    Il Comune ha fissato l’acquisto con fondi statali di 90 minibus che
    entreranno in servizio tra pochi mesi, mentre nei prossimi tre anni
    ATM acquisterà 700 nuovi autobus e ad alimentazione ibrida,
    elettrica-diesel. Già oggi il 72 % delle percorrenze
    è effettuata con mezzi a trazione elettrica e l’età
    media della flotta degli autobus è di 5,3 anni, la
    più bassa in Italia, e tra le più basse in
    Europa.

    Nuove isole pedonali

    Per migliorare la vivibilità della città e offrire
    più spazio ai pedoni saranno estese le isole pedonali e le
    zone a traffico limitato. È stata istituita una nuova isola
    ambientale sui Navigli, in vista di un progetto complessivo di
    riqualificazione e pedonalizzazione dell ‘area, ed è gia
    stato presentato il piano di pedonalizzazione dell ‘area del
    quadrilatero della moda.

    Riscaldamento: controlli e nuove fonti energetiche

    Calore pulito significa un cielo più limpido. Gli interventi
    per ridurre le emissioni nell ‘atmosfera non riguardano infatti
    solo il traffico, ma anche le fonti fisse d ‘inquinamento, che
    gravano sul bilancio ambientale della città soprattutto nei
    mesi invernali. Accanto a una strategia per la mobilità
    sostenibile, il Comune ha redatto un Piano Energetico e Ambientale
    per aumentare l ‘efficienza energetica, razionalizzare gli usi dell
    ‘energia e ridurre le emissioni inquinanti. Il teleriscaldamento,
    il ricorso alle energie rinnovabili e un puntuale controllo delle
    caldaie sono tra le azioni più importanti di questo
    piano.

Articoli correlati