Nel cuore del Chapas: San Juan Chamula

Messico, precisamente Chapas. Che sia terra di protesta e guerriglia lo s’intuisce in breve tempo: i posti di blocco sono di gran lunga numerosi

Per avere un’idea di cosa voglia dire oggi religione e politica qui
in Chapas, basta fare un salto a San Juan Chamula, piccola
realtà rurale a dieci Km da S. Cristobal. Si sale su uno di
quei pulmini gravidi di gente, si sobbalza sullo sterrato
rossobruno e si scende dinanzi a un cartello che così
recita: “vietato fotografare: all’interno della Chiesa; i riti
religiosi; le autorità; le guardie. Pena la prigione”. E qui
prigione vuol dire essere messi in celle scavate nel terreno,
guardati a vista dalle guardie che ti scrutano dalle grate sotto i
loro piedi. Meglio riporre macchina e rullini, dunque.

Al mercato non esistono bancali, tutto viene steso su teli o, alla
meno peggio, su cassette della frutta. Oltre a carne e verdura, il
prodotto che va per la maggiore è un pupazzetto del
Subcomandante Marcos. Di nero vestito, incappucciato e con ben
saldo in mano un mitra di pezza.
Per strada i capi religiosi schivano guardie armate di mitra veri,
e al loro cospetto tolgono rispettosi il berretto.

In Chiesa si può sbirciare se si dà la mancia al
guardiano, ma in fretta, tra breve arriva la processione, e lo
straniero non è ammesso. Così una rapida occhiata:
paglia tutta in terra, pupazzi lungo i muri, pancacce di legno e
numerose croci dalle più svariate forme. Solo una di questa
è la croce cristiana. Non ci è permesso d’indugiare
oltre, la processione s’annuncia a suon di pifferi, fisarmoniche e
tamburi. In marcia un centinaio: cappelli con nastri colorati che
scendono dalla tesa circolare, lunghe tuniche bianche, gilet
rosso-blu-viola. Cantano in antico incas, una melodia ritmica,
serrata. Tutti ondeggiavano melliflui con ritmo lento e cadenzato,
come assorti.

Appena entrati, i portoni della chiesa si chiudono velocemente alle
loro spalle. Meglio non tentare di seguirli. Sottoterra, in Messico
non deve essere divertente…

Martino Costa

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Sudafrica, meraviglia australe tra oceano e savane

Alla scoperta di uno dei Paesi più ricchi di flora e fauna al mondo, dove passare dall’avvistamento di pinguini e balene nelle baie all’osservazione dei grandi erbivori e carnivori africani nelle savane.

Articolo sponsorizzato