Cosmesi naturale

Oli vegetali nella cosmesi, tutto quello che c’è da sapere più qualche curiosità

Gli oli vegetali sono veri e propri toccasana per la pelle di viso e corpo, per i capelli e anche per l’organismo, quando possono essere assunti come integratori.

Gli oli vegetali sono veri e propri toccasana per la pelle di viso e corpo, per i capelli e anche per l’organismo, quando possono essere assunti come integratori. Vi diciamo tutto sulle loro proprietà.

Gli oli vegetali

Argan

È ottenuto dalla lavorazione dei noccioli dei frutti dell’albero omonimo (il cui nome botanico è Argania spinosa),  pianta che ha il suo habitat naturale nelle zone semi-desertiche del sud del Marocco, in particolare nella zona del Sous, il solo luogo al mondo dove nasce spontaneamente. Questa zona è stata anche dichiarata Patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco nel 1988. L’olio di argan è molto apprezzato per le sue proprietà antiage, cicatrizzanti, riparatrici, protettive ed elasticizzanti, grazie alla sua ricchezza in antiossidanti, come la vitamina E, acidi grassi, flavonoidi. Un metodo valido per intuire quanto sia di qualità è il prezzo: non è di certo tra i più economici e già un flacone da 30 ml può essere una discreta spesa.

Leggi anche: Olio puro bio Argà di Nature’s, l’abbiamo provato per voi

Infine, un dato positivo legato alla coltivazione dell’argan: ha dato un impulso tale all’economia del sud del Marocco, al punto da incentivare l’attività di coltivazione degli alberi e di estrazione dell’olio, lavoro che tra l’altro coinvolge esclusivamente le donne, che hanno trasformato in un’impresa vera quella che era una semplice pratica tramandata nei secoli dalle popolazioni berbere.

Il frutto dell'argan è simile alla mandorla
Il frutto dell’argan è simile alla mandorla

Jojoba

Estratto dai semi di una pianta che cresce nel deserto, piuttosto denso, è in realtà una cera, ma la sua consistenza lo colloca spesso tra gli oli. Ha una fragranza leggera ed esotica, è altamente dermoaffine, il che significa che la pelle lo assorbe velocemente senza che resti alcun residuo oleoso. Molto elasticizzante, nutriente, ricco di vitamina E, ha proprietà paragonabili all’olio di mandorle dolci, ma è meno economico ed è meglio per chi ha la pelle tendenzialmente grassa o impura, infatti ha una composizione chimica sorprendentemente affine al sebo. Infine, è ottimo sui capelli. Curiosità: l’olio di jojoba puro non ha scadenza.

Cocco

A temperatura ambiente si presenta solido e bianco, ma basta immergere il flacone in acqua calda per riportarlo alla consistenza liquida e trasparente. Inconfondibile il suo profumo, che ne rende l’utilizzo particolarmente piacevole, è molto idratante ma lascia tracce oleose, il che lo rende perfetto per chi ha la pelle particolarmente secca. Si usa anche come impacco: la sera, per i piedi, e soprattutto per i talloni. Dopo averlo applicato e massaggiato, se ne aggiunge altro e poi si indossano dei calzini di cotone bianco, per proteggere i piedi e favorire l’assorbimento. Come impacco pre-shampoo, è da lasciare in posa almeno mezz’ora sui capelli asciutti. Risulteranno morbidi e molto lucidi. L’olio di cocco si conserva molto a lungo.

Dal cocco si estrae un olio profumatissimo
Dal cocco si estrae un olio profumatissimo

Avocado

Si ricava dalla polpa dell’avocado, nome scientifico Persea americana perché originario di una zona tra il Messico e l’America Centrale, ed è ottenuto per spremitura a freddo dei suoi frutti. Il suo colore varia dal verde intenso al giallo acidulo. Ancora poco conosciuto e utilizzato, è in realtà molto efficace e soprattutto versatile. Grazie infatti all’elevato contenuto di vitamine A, D ed E, alla presenza di lecitina, potassio, proteine, betacarotene e oltre il 20 per cento di acidi grassi insaturi essenziali, l’olio di avocado si rivela come una vera e propria panacea energizzante, antietà e tonificante. Gli usi sono gli stessi dell’olio di mandorle dolci: cioè un po’ per tutto, in qualsiasi momento. Ottimo anche il mix di questi due oli, che si potenziano a vicenda.

Mandorle dolci

Conosciuto e apprezzato per le sue proprietà elasticizzanti e antinfiammatorie, è indicato in gravidanza per prevenire le smagliature, e in seguito per il massaggio al neonato. Ha un profumo dolce e piacevole, la sua consistenza è fluida e non lascia la sensazione di pelle unta. Ricco di vitamina E, proteine, antiossidanti e di acido oleico, ha un buon potere idratante. Inoltre, pochi sanno che si rivela utile per combattere forfora ed eczemi. L’unica controindicazione è per chi è allergico alla frutta a guscio, altrimenti è ottimamente tollerato. Un uso alternativo è come struccante, semplicemente passato su viso e occhi con un dischetto di ovatta.

Le mandorle regalano un olio versatile e gradevole
Le mandorle regalano un olio versatile e gradevole

Oliva

Possiamo azzardare e affermare che c’è in ogni casa, perciò è veramente di facile reperibilità. Se la cava egregiamente anche in quanto a versatilità: se non fosse per il forte odore che lo contraddistingue, potremmo usarlo serenamente come nutriente sulla pelle del corpo e del viso, ma anche sui capelli (ideale come impacco prima dello shampoo). Come per l’utilizzo in cucina, l’uso cosmetico fa distinzioni severe tra le diciture “extravergine”, o “evo” o “dop” o altre: meno è lavorato, più mantiene le sue proprietà benefiche, idratanti, nutrienti e – poco conosciute – detossinanti, soprattutto se è estratto a freddo. Se poi è bio, o di piccole aziende certificate, significa che non sono stati usati pesticidi sulle piante, perciò è ancora più puro. All’interno dei cosmetici, perciò diluito ma comunque attivo, svolge un ruolo importante grazie al contenuto di acido oleico.

Ricino

In Inglese si traduce come Castor Oil, perciò non lasciatevi ingannare dalle etichette, nessun castoro è stato torturato per ottenere quest’olio, che trova la sua applicazione migliore come coadiuvante nella prevenzione della perdita dei capelli, o nell’infoltimento e la crescita. Idem per le ciglia, ma attenzione a non farlo entrare in contatto con gli occhi perché brucia molto.

Rosa mosqueta

Ottenuto dalla spremitura a freddo dei semi contenuti nelle bacche della pianta, è tra gli oli più preziosi, ed è un efficacissimo antietà ad ampio spettro, perché ha proprietà cicatrizzanti, antirughe, nutrienti, rigeneranti, grazie alla sua ricchezza in vitamina A e acidi grassi polinsaturi. Si può usare per lenire le ustioni, gli eritemi solari, per rendere meno evidenti le smagliature. In pochi sanno che l’olio di rosa mosqueta è anche reperibile come integratore alimentare, nella forma di perle gelatinose, ed è un toccasana per il mantenimento della bellezza delle pelle dall’interno, ma non soltanto: aiuta a proteggere il sistema cardiovascolare e il cervello.

Marula

Si ottiene dalla lavorazione e spremitura del frutto della pianta, simile a un piccolo mango, originaria della Namibia settentrionale. Un olio che associa una consistenza leggera e di assorbimento veloce a una ricchezza unica in antiossidanti: circa il 60 per cento in più rispetto all’olio di argan. Oltre a essere intensamente idratante, emolliente e antietà, ha un’azione riequilibrante, perciò è adatto per tutti i tipi di pelle, da quelle molto aride fino a quelle oleose, perché non lascia residui né pesantezza. Al contrario, si è dimostrato efficace nella cura dell’acne, perché ne favorisce i processi di guarigione.

Camelia

Si estrae dai semi del tè (Camellia japonica o tsubaki, da non confondersi con la Camellia chinensis o sinensis da cui si ricava il tè verde). Ha un profumo dalle note vegetali, moderatamente dolci, e un color verde chiaro. Molto idratante e nutriente, ha proprietà antiage e riequilibranti ed è anche versatile: grazie al suo contenuto di acido linoleico e antiossidanti, si rivela un jolly per la pelle di viso e corpo e anche per i capelli. Ad esempio, si può usare sulla pelle ancora umida dopo il bagno o la doccia, per renderla morbida ed elastica; si applica come lucidante, rivitalizzante e ristrutturante sui capelli asciutti un’ora circa prima dello shampoo; oppure dopo lo shampoo, a capelli asciutti, anche sul cuoio capelluto.

Germe di grano

Molto ricco di vitamina E, si usa indistintamente come integratore alimentare oppure applicato su pelle e capelli. Idratante, rigenerante, antietà, è un vero toccasana soprattutto per la pelle arida o danneggiata, perché stimola la formazione di nuovo collagene. Viene assorbito rapidamente nonostante sia piuttosto denso e non lascia tracce untuose, però ha un odore piuttosto marcato, perciò è una buona idea mescolarlo all’olio di jojoba o di mandorle dolci, per esempio. Va conservato in frigorifero, mantiene così le sue proprietà, ma comunque per periodi brevi.

Neem

Estratto dai semi di una pianta (Azadirachta indica) originaria dell’India, ha notevoli proprietà antibatteriche, perciò è utile nella cura dell’acne e delle impurità. Si usa anche come insetticida naturale, ad esempio trova applicazione nella lotta contro i pidocchi (fenomeno che si verifica tuttora soprattutto negli ambienti scolastici) e la forfora, senza però risultare aggressivo sulla struttura capillare, che anzi ne trae beneficio in termini di forza e nutrimento. Sulla pelle impura, soggetta ad acne o micosi, non si applica puro ma si miscela in genere con olio di tea tree aggiungendo a piacere qualche goccia di olio essenziale di limone o lavanda, per renderlo più gradevole in quanto ha un odore forte che ricorda l’aglio.

Semi di lino

Si ottiene dalla spremitura dei semi essiccati e si può usare con grandi vantaggi, oltre che per lucidare e rinforzare i capelli, soprattutto come integratore, ne basta un cucchiaio al giorno e ha anche un buon sapore. Molto ricco di Omega-3, è ancora più benefico, rispetto all’olio di pesce, sul sistema cardiocircolatorio e sulle funzioni cerebrali. E non è finita qui: l’olio di semi di lino aiuta il transito intestinale, stimola la produzione di collagene, tiene sotto controllo il colesterolo e allevia i sintomi della Sindrome di Sjogren, malattia del sistema immunitario che causa secchezza oculare e orale.

Semi di sesamo

Conosciuto per il suo utilizzo in cucina, l’olio di sesamo è in realtà un valido aiuto per il benessere della pelle. Molto nutriente, è ricco di vitamina E, del complesso B e di proteine, perciò si può considerare antietà, antiossidante e rigenerante. Dall’olio di sesamo si ottiene poi un principio attivo con queste stesse caratteristiche, in versione concentrata e più potente. L’olio di sesamo è ottimo per i massaggi, in quanto rende la pelle morbida e setosa, prevenendo le smagliature.

Il burro di Karité può essere miscelato agli oli vegetali
Il burro di Karité può essere miscelato agli oli vegetali

I burri vegetali per uso cosmetico

Ci sono anche il Burro di Karité e di cacao: in comune, hanno alcune caratteristiche, dato che entrambi  sono ottenuti dalla lavorazione di frutti simili a mandorle;  li accomuna anche la consistenza, che a temperatura ambiente è solida; il colore, bianco avorio; il profumo, dolce e gourmand. Entrambi sono molto nutrienti, elasticizzanti e antiage. Per aumentarne la stendibilità, possono essere miscelati con gli oli più fluidi. Il miglior burro di Karité è quello proveniente dall’Africa orientale, perché più morbido e dal profumo più gradevole.

 

Articoli correlati
Ciglia più forti e belle con metodi naturali

Le vogliamo folte, lunghe e ben incurvate. Tant’è che spesso anche i mascara più tecnologici non riescono a soddisfarci totalmente. Possiamo però rinforzare le nostre ciglia e aiutarle a crescere meglio: vediamo insieme come

Depilazione: metodi naturali ed efficaci

I peli superflui, per le donne, sono un problema più grande rispetto alla cellulite. Eppure i modi per liberarsene sono molti. Pochi però sanno che ci sono anche metodi naturali, che in più funzionano molto bene: ecco i più efficaci