Olimpiadi 2012: sostenibilità a un passo dal podio

Le Olimpiadi di Londra 2012 sono state definite come “le più sostenibili” della storia grazie a mobilità sostenibile, materiali riciclati e utilizzo di strutture preesistenti.

Quando i lavori per la costruzione degli impianti sportivi e del villaggio olimpico sono cominciati nel 2005 le condizioni per far diventare i Giochi olimpici di Londra i più sostenibili della storia moderna c’erano tutte.

Gli impianti sportivi
Per lo svolgimento delle gare, il Comitato organizzatore (Locog) ha fin da subito cercato di utilizzare strutture già esistenti come il tempio di Wimbledon per il tennis e Earls Court per la pallavolo.

Per la pallacanestro, la pallamano e il rugby in carrozzina è stata costruita la Basketball Arena, un impianto temporaneo che al termine delle Paralimpiadi (9 settembre) verrà smantellato per essere riassemblato, con molta probabilità, a Rio de Janeiro per le Olimpiadi del 2016.

Infine per gli impianti costruiti in via definitiva, come lo stadio olimpico, si è cercato di utilizzare solo materiali sostenibili e capaci di garantire il massimo dell’efficienza. Le nuove strutture, infatti, sono state costruite per il 90 per cento utilizzando le macerie dei palazzi demoliti di cui hanno presso il posto.

I trasporti

Nelle intenzioni degli organizzatori, le Olimpiadi di Londra dovranno essere all’insegna della mobilità sostenibile. Per questo è stato creato un programma (London active travel programme) che prevede incentivi all’utilizzo di trasporti pubblici, biciclette e percorsi pedonali guidati.

Per i 300mila (si spera) che sceglieranno la bicicletta sono previsti parcheggi custoditi, manutenzione gratuita e percorsi predefiniti. Gli altri – si stima che durante i Giochi giungeranno nella capitale britannica un milione di turisti in più rispetto alla media – avranno a disposizione una rete potenziata di mezzi pubblici. In particolare per i turisti europei sono previste agevolazioni per arrivare in treno.

Alimentazione e rifiuti

Un altro obiettivo del Locog è quello di far diventare Giochi della XXX olimpiade a “rifiuti zero”. Ogni anno la Gran Bretagna produce una quantità di immondizia in grado di riempire 79mila piscine olimpioniche. Per questo, l’amministrazione londinese ha deciso di usare l’evento come un’occasione per
sperimentare un nuovo sistema di smaltimento.

La speranza è arrivare a riciclare o compostare almeno il 70 per cento delle 8mila tonnellate di rifiuti che verranno generate. Per questo, tutti i prodotti, cibi e bevande venduti all’interno del villaggio olimpico saranno contenuti in imballaggi riciclabili o compostabili. Solo ciò che non rientra in questa categoria verrà bruciato per produrre energia.

L’aspetto economico

Cibi e bevande. È da questo aspetto che iniziano a sorgere i primi problemi. Da quando, alle Olimpiadi di Los Angeles del 1984, è stato chiesto aiuto per la prima volta agli sponsor privati per far fronte alle spese diventate insostenibili, niente fu più come prima. Secondo quanto affermato da Jean-Marc Faure, professore emerito dell’università di Nantes, su Valori (luglio/agosto 2012) “il Comitato internazionale olimpico (Cio) si è trasformato in un’enorme impresa commerciale, composta da dirigenti sportivi e rappresentanti di multinazionali che controllano le vendite dei diritti di trasmissione e la scelta delle città olimpiche”.

McDonald’s avrà il monopolio sulla vendita di patatine fritte. La catena multinazionale di junk food (cibo spazzatura) più famosa al mondo è uno degli sponsor principali di questa edizione. Durante le Olimpiadi non si potranno mangiare chips senza la “m” gialla a meno che non siano accompagnate dal fish, che insieme rappresentano uno dei piatti preferiti dagli inglesi. Stessa regola per le bevande al gusto cola che non potranno essere sorseggiate senza il prefisso “Coca” stampato sulla lattina.

Una sconfitta per molti. Soprattutto per chi sperava in un cambiamento e aveva già definito quelle di Londra, le Olimpiadi più sostenibili di sempre. Un risultato solo posticipato. Rio de Janeiro avrà il compito di replicare tutto ciò che di buono è stato fatto e quattro anni di tempo per correggere gli errori fatti. Perché la sostenibilità non è solo ambientale.

Articoli correlati