Pasta con la cicoria selvatica

La cicoria selvatica nelle sue foglie contiene preziose sostanze antiossidanti, anticancro e anticolesterolo. Scopri gli ingredienti e i consigli utili per cucinare le penne con la cicoria selvatica.

di Francesca Marotta

Se pensate che un piatto salutare non possa essere anche buono, provate questa pasta con il tarassaco: una vera delizia mediterranea. E se lo amate, sostituite il pepe con il peperoncino. Strepitosa!

Ingredienti pasta con la cicoria selvatica per 4 persone

320 g di penne semintegrali
350 g di pomodori pelati
350 g di tarassaco (o dente di leone)
50 g di cipolla
2 spicchi di aglio
maggiorana
pecorino fresco
olio extravergine di oliva
sale
pepe

pasta con la cicoria selvatica
Il tarassaco è ricco di proprietà benefiche per la salute

Preparazione

Mondare e lavare il tarassaco. Tagliarlo a pezzetti di circa 4 cm e scottarlo in acqua salata per alcuni minuti. Colare conservando l’acqua di cottura. Tritare la cipolla con uno spicchio d’aglio e farla appassire in 3 cucchiai di olio e poca acqua. Aggiungere i pelati, il tarassaco, la maggiorana, il sale, il pepe e cuocere per 15 minuti circa. Nell’acqua di cottura del tarassaco, lessare le penne al dente e condirle con la salsa preparata. Mescolare e spolverizzare con il pecorino prima di servire.

Varianti

Al posto del tarassaco, si possono utilizzare cime di rapa, catalogna, erbette o rucola.

Notizie e Consigli

Il tarassaco è la migliore delle cicorie selvatiche. Le sue foglie contengono preziose sostanze antiossidanti, anticancro e anticolesterolo. Le foglie e i fiori sono ricchissimi di vitamina A. Ottimo anche il contenuto di vitamina C, calcio, ferro e potassio.

Articoli correlati
Pasta e fagioli

In Italia esistono diverse varianti della pasta e fagioli, ricetta legata alla tradizione povera del nostro paese. In questa versione con pasta integrale.

Trecce all’isolana

Una ricetta che profuma di cucina del Sud, gustosa e facilissima da preparare, da personalizzare a piacere con olive, origano, menta, basilico: le trecce all’isolana.