Dieta mediterranea

Legumi: quali sono, proprietà e caratteristiche nutrizionali

Fagioli, lenticchie, ceci, fave, piselli, soia: tra gli alimenti vegetali i legumi sono i più nutrienti, ricchi in fibre e proteine di qualità.

Tra i protagonisti della tavola salutare, i legumi emergono come veri e propri tesori nutrizionali. Sia nella loro forma fresca che secca, sono riconosciuti come elementi fondamentali in una dieta equilibrata, trovando posto tra i sette gruppi alimentari essenziali. Oltre ad essere pilastri della rinomata dieta mediterranea, i legumi – che includono varietà come ceci, fave, fagioli, cicerchie, lenticchie, piselli, taccole, lupini e carrube – sono apprezzati per il loro ricco apporto di nutrienti vitali compresi vari sali minerali e proteine di origine vegetale. Nel prosieguo dell’articolo, esploreremo in dettaglio il ruolo imprescindibile dei legumi nell’alimentazione, esaminando le loro diverse proprietà nutrizionali e il loro contributo fondamentale alla salute e al benessere.

L’importanza dei legumi

Perché i legumi sono così importanti da meritarsi un posto di prim’ordine tra gli alimenti? Innanzitutto perché sono una buona fonte di proteine vegetali e appartengono alla famiglia nutritiva delle leguminose. Ne contengono quanto la carne, ma hanno bisogno dei cereali per raggiungere la qualità delle sue proteine: pur essendo dotati di aminoacidi essenziali (soprattutto lisina), infatti, sono carenti di metionina e cistina, presenti invece nei cereali. La tradizionale e gustosa miscela cereali-legumi (pasta e fagioli, riso e lenticchie, pasta e ceci, e così via) raggiunge una composizione apprezzabile di aminoacidi essenziali, paragonabile, appunto, a quella della carne.

Legumi e verdure
I legumi sono un’ottima alternativa alla carne © Ingimage

I legumi sono alimenti importanti anche perché poveri di grassi e ricchi di fibre, utili per l’intestino. Queste fibre, in particolare, non solo migliorano la digestione ma contribuiscono anche a un maggiore senso di sazietà, essenziale per il controllo dell’appetito e la gestione del peso corporeo. Sono dotati di fosforo, calcio e ferro. Freschi, sono ricchi di vitamina C e numerosi studi hanno confermato il loro ruolo nel prevenire obesità, diabete e malattie cardiovascolari, grazie all’assenza di colesterolo ‘cattivo’. Sono considerati cibi antinfiammatori perché aiutano a controllare la risposta insulinica nel corpo; la resistenza insulinica, infatti, è stata collegata dagli studiosi all’aumento dell’infiammazione generale dell’organismo.

I legumi, oltre ai loro benefici nutrizionali, sono anche protagonisti di una cucina sostenibile. Per godere appieno delle loro proprietà, si consiglia di cucinarli in modo equilibrato, optando per condimenti leggeri come olio extravergine e erbe aromatiche piuttosto che soffritti pesanti. Associati a cereali, i legumi offrono un pasto completo dal punto di vista proteico, rappresentando una valida alternativa alla carne per una dieta equilibrata e consapevole.

Piselli, legumi
I legumi sono una buona fonte di proteine vegetali. Inoltre sono poveri di grassi e ricchi di fibre © Ingimage

Varie tipologie di legumi: una panoramica

Oltre ai ben noti ceci, lenticchie e fagioli, esiste un mondo ricco di varietà nel regno dei legumi. Ogni specie possiede caratteristiche distintive che la rendono unica, sia dal punto di vista nutrizionale che culinario. In questa sezione, andiamo alla scoperta di alcune tipologie meno conosciute, ma altrettanto nutrienti e versatili.

1. Cicerchie

Spesso dimenticate, le cicerchie sono ricche di proteine e fibre. Con il loro gusto leggermente dolce, sono perfette in zuppe rustiche e stufati.

2. Lupini

Conosciuti per il loro alto contenuto proteico, i lupini sono ottimi come snack o aggiunti alle insalate. Ricchi di fibre, sono anche una buona fonte di minerali.

3. Fave

Le fave fresche sono una vera delizia primaverile. Contengono una buona quantità di ferro e possono essere consumate crude o leggermente cotte.

4. Taccole

Questi legumi verdi e croccanti sono ricchi di vitamina C e K. Sono deliziosi sia crudi in insalate che saltati in padella come contorno.

5. Carrube

Le carrube sono note per essere un’alternativa naturale al cioccolato. Ricche di fibre e con un basso contenuto di grassi, sono perfette per la preparazione di dolci salutari.

6. Soia

La soia è estremamente versatile in cucina e può essere trasformata in una varietà di prodotti come il tofu e il latte di soia. È una fonte eccellente di proteine complete, ferro e calcio.

7. Azuki

Questi piccoli legumi rossi sono particolarmente popolari nella cucina asiatica. Sono una fonte ricca di proteine, ferro e potassio, e spesso utilizzati in dolci e dessert.

Questo elenco dimostra la straordinaria diversità dei legumi e il loro potenziale illimitato nella cucina quotidiana. Integrare questi alimenti nella dieta non solo arricchisce il palato con nuovi sapori ma contribuisce anche a un’alimentazione equilibrata e varia, in linea con le raccomandazioni della dieta mediterranea.

Valore nutrizionale dei legumi

I legumi sono noti per il loro ricco apporto nutrizionale, che li rende un componente essenziale di una dieta equilibrata e sana. Ogni tipo di legume ha le sue specifiche qualità nutrizionali e contribuisce significativamente al valore biologico complessivo della dieta, pur condividendo alcune caratteristiche comuni con gli altri legumi. Sono una fonte eccellente di proteine vegetali, ideali per chi segue una dieta vegetariana o vegana. Inoltre, i legumi sono ricchi di fibre alimentari, che promuovono la salute dell’intestino e aiutano a mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue.

Tra i minerali, i legumi sono particolarmente ricchi di ferro, un minerale essenziale per il trasporto dell’ossigeno nel sangue, e di magnesio, importante per la salute delle ossa e la funzione muscolare. Offrono anche una buona quantità di potassio, che contribuisce al mantenimento della pressione sanguigna normale, e sono una fonte di vitamine del gruppo B, specialmente di acido folico, vitale per la produzione di nuove cellule.

Ecco una tabella riassuntiva che mostra il valore nutrizionale di alcuni tra i legumi più comuni per 100 grammi di prodotto (valori medi):

Legume Proteine (g) Fibre (g) Ferro (mg) Magnesio (mg) Potassio (mg)
Fagioli 21 15 5 140 1300
Lenticchie 25 11 6.5 50 600
Ceci 19 17 6 115 875
Piselli 5 5 1.5 33 244
Soia 36 9 15.7 280 1797

*Valori approssimativi e possono variare a seconda del tipo e del metodo di preparazione.

I legumi sono un’aggiunta preziosa a qualsiasi dieta per le loro proprietà nutrizionali. Sono versatili in cucina e possono essere utilizzati in una varietà di piatti, dai contorni alle zuppe fino a diventare la base di ricette creative e gustose.

Legumi freschi vs legumi secchi

Quando si parla di legumi, una delle distinzioni fondamentali è tra quelli freschi e quelli secchi. Sia i legumi freschi, secchi che surgelati presentano vantaggi unici e specifiche modalità di utilizzo in cucina. Le loro differenze nutrizionali possono influenzare la scelta in base alle esigenze personali

I legumi freschi, come i piselli e le fave, sono generalmente consumati nella stagione primaverile o estiva. Sono noti per il loro sapore più dolce e una consistenza più tenera rispetto ai loro omologhi secchi. Dal punto di vista nutrizionale, i legumi freschi tendono ad avere un contenuto più elevato di vitamina C e una minor quantità di calorie e carboidrati. Essendo meno densi energeticamente, sono spesso preferiti nelle diete ipocaloriche. La loro preparazione è inoltre più rapida, non richiedendo ammollo e lunghi tempi di cottura.

D’altra parte, i legumi secchi, come lenticchie, ceci e fagioli, sono disponibili tutto l’anno e sono estremamente versatili. Richiedono un ammollo e tempi di cottura più lunghi, ma offrono il vantaggio di una lunga conservazione. Nutrizionalmente, sono più ricchi di proteine e fibre rispetto ai legumi freschi, rendendoli una scelta eccellente per chi cerca un’alimentazione ad alto contenuto proteico. Inoltre, i legumi secchi sono una fonte concentrata di minerali come ferro e magnesio.

Un altro aspetto da considerare è l’impatto ambientale: i legumi secchi, grazie alla loro lunga conservabilità e minore necessità di refrigerazione, hanno generalmente un’impronta ecologica più bassa rispetto ai legumi freschi, che richiedono condizioni di conservazione più specifiche.

La scelta tra legumi freschi e secchi dipende dall’uso culinario previsto, dalle necessità nutrizionali personali e dalle considerazioni ambientali. Entrambe le forme sono comunque eccellenti aggiunte a una dieta equilibrata, offrendo una varietà di nutrienti essenziali e benefici per la salute.

Come usarli in cucina

Si possono consumare tre-quattro volte la settimana, ma per chi fa vita sedentaria sono indicati anche tutti i giorni. In cucina sono versatili, ottimi nelle zuppe rustiche, nei piatti unici, come contorno in insalata. Fondamentale è cucinarli bene: quelli secchi si lasciano a bagno 24 ore prima di essere messi a cuocere; si cuociono a lungo (due-tre, anche quattro ore); si condiscono con olio extravergine e si aromatizzano con erbe. Quelli freschi si mangiano crudi (fave) oppure si cuociono senza bisogno di ammollo.

Zuppa di legumi
I legumi sono gustosissimi nelle zuppe rustiche © Ingimage

Integrazione di legumi nella dieta mediterranea

I legumi sono un elemento fondamentale della dieta mediterranea, un modello alimentare riconosciuto a livello mondiale per i suoi numerosi benefici per la salute. Questa dieta pone un forte accento su alimenti vegetali, tra cui frutta, verdura, cereali integrali, oli d’oliva e, appunto, legumi. I legumi si inseriscono perfettamente in questo schema grazie al loro alto contenuto di nutrienti, fibre e proteine vegetali.

Nella dieta mediterranea, i legumi sono spesso utilizzati come fonte primaria di proteine, riducendo il consumo di carne rossa e aumentando l’assunzione di proteine vegetali. Questo non solo contribuisce a un migliore bilancio alimentare ma riduce anche il rischio di malattie cardiache, obesità e diabete. I legumi vengono utilizzati in una varietà di piatti tradizionali, dalle zuppe (come la minestra di lenticchie) ai contorni (come l’insalata di ceci), dimostrando la loro versatilità in cucina.

Un’alternativa vegetale alla carne

Soprannominati la “carne dei poveri”, grazie alle proteine a basso costo e accessibili a tutti gli strati sociali, i legumi ora più che mai rappresentano una risorsa per il futuro: semplici da coltivare e da cucinare sono la naturale alternativa alla carne (soprattutto quando abbinati ai cereali integrali), troppo costosa in termini ecologici ed energetici.

Legumi e sostenibilità ambientale

Dal punto di vista ecologico, i legumi rappresentano un’opzione alimentare sostenibile. La loro coltivazione ha un impatto ambientale relativamente basso, richiedendo meno risorse idriche e producendo meno emissioni di gas serra rispetto alla produzione di carne. Inoltre, i legumi giocano un ruolo essenziale nella rotazione delle colture rappresentando un’importante componente del consumo di legumi a livello globale, contribuendo a migliorare la fertilità del suolo e ridurre la necessità di fertilizzanti chimici.

La loro capacità di fissare l’azoto atmosferico nel suolo attraverso un processo naturale riduce il bisogno di fertilizzanti azotati, che sono tra i principali inquinanti ambientali in agricoltura. Questo aspetto non solo migliora la salute del suolo ma contribuisce anche a ridurre l’inquinamento dell’acqua e dell’aria.

Adottare una dieta ricca di legumi può quindi essere un passo importante verso uno stile di vita più sostenibile. Integrando i legumi nella dieta quotidiana, non solo si ottengono benefici per la salute, ma si contribuisce anche alla protezione dell’ambiente.

Faqs legumi

  • Quali sono i legumi freschi? I legumi freschi includono i semi immaturi di piante come fagioli, piselli, fave, con un elevato contenuto d’acqua e caratteristiche nutrizionali che li fanno rientrare nel gruppo delle verdure e degli ortaggi​
  • Cosa contengono i legumi? I legumi sono ricchi di proteine, fibre, vitamine del gruppo B (soprattutto B1 e PP), minerali come ferro, calcio e potassio. Sono poveri di grassi e sazianti, contribuendo a prevenire varie condizioni di salute come malattie cardiovascolari, diabete e obesità​
  • Quali sono i legumi secchi? Tra i legumi secchi più comuni ci sono ceci, fagioli, lenticchie e piselli. Questi legumi, essendo secchi, hanno un contenuto proteico circa doppio rispetto a quelli freschi e sono più ricchi di vitamine e sali minerali​
  • Quante volte a settimana mangiare legumi? Non è specificato un numero ideale di volte alla settimana per consumare legumi, ma si consiglia di integrarli regolarmente nella dieta. Per chi conduce uno stile di vita sedentario, è suggerito di consumare legumi anche quotidianamente per i loro benefici nutrizionali​.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati
Peperoni, caratteristiche, digeribilità e uso in cucina

La specie originaria è la capsicum, coltivata poi in tantissime varietà. I peperoni sono classificati in base alla forma (tondi, quadrati, allungati) e alla piccantezza (dolci o piccanti). Sono fonte di vitamina C e betacarotene. A crudo nelle insalate, alla griglia, ripieni o fritti, i peperoni sono senza dubbio i più aperitivi, rinfrescanti e accattivanti

Carote, 7 ricette golose per gustarle al meglio

L’arancione brillante del betacarotene infuoca di colore le carote. È presente in grande quantità in questi ortaggi dal gusto delicato e dolce, anche se consumati cotti (ma non stracotti). Crudi invece regalano tanta vitamina C e poi A e B. Forniscono parecchi minerali e sono ricchi di fibre e acqua (91,6 per cento). Ecco qualche