Rimedi naturali

Piantaggine: che cos’è e come usarla

La piantaggine è un’erba molto comune. Il suo nome deriva dal latino, planta (pianta del piede), ad indicarne la forma delle foglie.

Il suo nome deriva dal latino, planta (pianta del piede), ad indicarne la forma delle foglie. Ben conosciuta da Dioscoride, che la consigliava per curare la dissenteria e l’epilessia (ma solo se cotta con le lenticchie), la piantaggine veniva considerata come un’erba magica che, in virtù della sua posizione lungo i sentieri, era in grado di guarire dagli acciacchi che ci si poteva procurare camminando, compresi i fastidi ai piedi. In Inghilterra, si diceva che favorisse le visioni. Secondo la tradizione, era anche utilizzata come rimedio ai filtri d’amore e per avere una bella pelle.

Dove si trova la piantaggine

L a piantaggine è una pianta molto comune. ©Wikimedia
L a piantaggine è una pianta molto comune. ©Wikimedia

È presente quasi in tutta l’Europa centrale. Situata spesso ai margini dei sentieri fino ai 2000 m, predilige i terreni asciutti.

Come usare la piantaggine

Si sfrutta l’intera pianta, usata sotto forma di tintura madre. Calma la tosse e agisce come espettorante, soprattutto in caso di catarro bronchiale denso e di infiammazioni della gola e della cavità orale e in caso di irritazione delle vie respiratorie superiori. È efficace contro l’asma. È nota anche come cicatrizzante delle ferite.

 

Articoli correlati