Pink Floyd: “Atom Heart Mother”, il primo N. 1 per la band

È il 10 ottobre 1970 e i Pink Floyd pubblicano “Atom Heart Mother” e raggiungono per la prima volta il primo posto della classifica del Regno Unito.

Nel 1970 in Europa sta per prendere piede il progressive e anche i Pink Floyd lasciano da parte le loro sonorità psichedeliche per cimentarsi in un’opera ambiziosa, “Atom Heart Mother”. Il celebre disco con la mucca in copertina esce nei negozi inglesi il 2 ottobre 1970 e sarà il primo album con cui il gruppo riuscirà a raggiungere la vetta più alta della classifica in terra natia.

 

Non poche erano le difficoltà per i Pink Floyd, soprattutto per ciò che concerne l’esecuzione dal vivo del lavoro: “Un brano della portata di ‘Atom Heart Mother’ richiede un grande affiatamento – raccontava David Gilmour. – Il fatto è che non siamo mai riusciti a eseguirlo con le stesse persone per più di un paio di volte. In genere andava tutto bene con il coro, perché loro sono abituati a lavorare insieme, ma alcuni membri della band di fiati erano proprio disarmanti. Avevamo anche problemi tecnici, in particolare con i microfoni e con i livelli. Ma la cosa peggiore era che ogni volta avevamo troppo poco tempo per provare insieme. L’orchestra e il coro, poi, cambiavano dall’Europa agli USA e perfino sulla West Coast e East Coast ci accompagnavano band diverse”.

 

Nonostante tutto, “Atom Heart Mother” consente alla band di raggiungere un’identità sempre più precisa. Prende sempre più corpo quello che diventerà il suono unico e inimitabile dei Pink Floyd…

 

Leonardo Follieri e Roberto Vivaldelli

Articoli correlati
Do you see the light: 10 canzoni dedicate alla luce

Le Nazioni Unite e l’Unesco hanno designato il 2015 come Anno internazionale della luce. Anche la musica l’ha più volte celebrata come fonte di vita o come simbolo di speranza e rinascita. Ecco allora una selezione di brani a tema.