Piogge torrenziali e inondazioni in Ruanda provocano oltre 130 morti

Almeno 5.100 abitazioni sono state distrutte in Ruanda. Continuano le ricerche dei dispersi. In Uganda le piogge provocano sei morti.

Nella notte tra martedì 2 e mercoledì 3 maggio delle piogge torrenziali si sono abbattute nelle regioni settentrionali e occidentali Ruanda, provocando smottamenti e inondazioni. Il bilancio delle vittime è drammatico: sono almeno 130 i morti fin qui accertati, mentre le ricerche continuano tra le macerie di case distrutte e strade ormai impraticabili.

Ancora cinque le persone che risultano disperse

A confermare il totale dei morti causati dall’evento meteorologico estremo è stato uno portavoce del governo del Ruanda, Alain Mukuralinda, secondo il quale ci sono ancora almeno cinque persone che risultano disperse. Ad essi si aggiungono 77 feriti, di cui 36 ricoverati in ospedale. Lo stesso Mukuralinda, ha precisato che “non si conosce il numero totale di persone che sono state private delle loro case, il conteggio è in corso. Ciò che sappiamo è che più 5.100 abitazioni sono state distrutte e che tutte erano abitate”.

Altre 2.500 case sono state danneggiate. Soltanto nella provincia di Karongi, più di 370 famiglie (per un totale di oltre 1.440 persone) sono state messe in salvo in alloggi temporanei, secondo la radio e la televisione pubbliche del Ruanda. Una madre ha raccontato all’agenzia Afp di aver ritrovato il proprio figlio sotto un cumulo di pietre e mattoni; un secondo è stato gravemente ferito e lotta tra la vita e la morte.

Dal governo del Ruanda 80 euro per ciascun parente ucciso

In alcuni villaggi non ci sono inoltre più cibo né possibilità di spostarsi. Il primo ministro Edouard Ngirente si è recato nei luoghi più colpiti;: il governo ha annunciato una sovvenzione per le famiglie delle vittime pari a 100mila franchi ruandesi, pari a circa 80 euro, per ciascun parente rimasto ucciso.

I danni provocati dalle inondazioni in Ruanda
Una casa inondata a Rubavu, in Ruanda © Cyril Ndegeya/Anadolu Agency via Getty Images

Anche in Uganda le piogge torrenziali hanno seminato distruzione. Sono sei le persone rimaste uccise a causa di uno smottamento nella regione sud-occidentale di Kisoro, secondo quanto riferito dalla Croce Rossa locale. Ad aprile, in Etiopia i morti erano stati 14 in circostanze analoghe. La frequenza e l’intensità degli eventi meteorologici estremi, d’altra parte, non farà che aumentare col passare degli anni, a causa del riscaldamento globale. Che colpisce soprattutto nazioni che hanno contribuito solo in minima parte alle emissioni di gas ad effetto serra e ai conseguenti cambiamenti climatici.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati
India, temperature alle stelle: verifiche su un valore di 52,9 a Nuova Delhi

Martedì 28 maggio due stazioni meteorologiche situate nella capitale dell’India, Nuova Delhi, hanno registrato una temperatura record. Ben 52,9 gradi centigradi all’ombra. un valore straordinario e che supera perfino quello registrato nel maggio del 2022, quando la colonnina di mercurio aveva raggiunto i 49,2 gradi. La settimana scorsa quasi 48 gradi centigradi a Nuova Delhi