Unipol per il clima

I Pirenei sconvolti dai cambiamenti climatici: temperature già fuori controllo

Sui Pirenei la temperatura è cresciuta nella seconda metà del Novecento di 1,2 gradi rispetto all’epoca pre-industriale. Il 30% in più del resto del mondo.

Le Alpi non sono l’unica catena europea a patire gli effetti dei cambiamenti climatici. Se le montagne che separano l’Italia dal resto dell’Europa devono fare i conti con lo scioglimento dei ghiacciai, gravi problemi legati ai pascoli e la rarefazione delle precipitazioni nevose, la situazione dei Pirenei è allo stesso modo inquietante.

“È come se i Pirenei avessero la febbre, sintomo di una malattia”

Il 12 novembre è stato presentato a Saragozza, in Spagna, un rapporto dell’Osservatorio pirenaico sui cambiamenti climatici (Opcc), secondo il quale la temperatura media sulla catena montuosa è cresciuta in modo decisamente più sostenuto rispetto alla media globale. Se, infatti, nella seconda metà del Novecento l’aumento sulla totalità della superficie delle terre emerse e degli oceani è stato di 0,85 gradi centigradi, sui Pirenei si è arrivati a 1,2 gradi. E, in funzione dei differenti scenari ipotizzati dagli scienziati, il dato potrà toccare i +2 o persino i +7,1 gradi di qui alla fine del secolo, rispetto ai livelli pre-industriali.

Leggi anche: Scettici sui cambiamenti climatici? Venite sui ghiacciai del Monte Bianco

“L’aumento delle temperature registrato dal 1949 alla fine del secolo scorso è stato generalizzato sull’intera catena, con poche differenze tra la zona settentrionale e quella meridionale”, ha precisato l’Opcc. “È come se queste montagne fossero afflitte da una febbre, sintomo di malattia grave”, ha aggiunto Idoia Arauzo Gonzalez, coordinatrice dell’organismo.

pirenei clima
Secondo un rapporto dell’Osservatorio pirenaico sui cambiamenti climatici la catena dei Pirenei potrebbe subire conseguenze irreversibili a causa dei cambiamenti climatici © Patrick Aventurier/Getty Images

Il rapporto è frutto di diversi anni di lavoro e dell’apporto di oltre cento scienziati francesi, spagnoli e andorrani. Che hanno analizzato tutti i dati disponibili sulla catena: da quelli meteorologici a quelli legati al ritiro dei ghiacciai. La metà di questi ultimi, in particolare, è scomparsa negli ultimi 35 anni. Allo stesso modo, lo spessore del manto nevoso si prevede possa calare del 50 per cento di qui al 2050 nei Pirenei centrali. Il che avrà un impatto particolarmente duro sul turismo invernale.

Ma nella zona sono stati anche attesi fenomeni estremi sempre più frequenti, come siccità o piogge torrenziali. Che provocheranno a loro volta un aumento di frane, valanghe, smottamenti e inondazioni. Queste ultime amplificate dal disgelo precoce in primavera. Senza dimenticare il probabile spopolamento e gli effetti dei cambiamenti climatici su fauna e flora: alcune specie di uccelli migratori hanno già modificato di 10 giorni la loro data di arrivo dagli anni Sessanta ad oggi.

pirenei clima
Sui Pirenei le temperature medie sono cresciute del 30 per cento in più rispetto al resto del mondo nella seconda metà del Novecento © Pethrus/Wikimedia Commons

Piogge in calo del 2,5 per cento ogni decennio

Nel periodo 1949-2010, poi, le precipitazioni hanno registrato un calo del 2,5 per cento a decennio: “Questo terribile cambiamento è un’evidenza indiscutibile. Siamo di fronte ad un’emergenza”, ha affermato Juan Terradez, coordinatore del rapporto. Gli effetti della crescita della temperatura media sono infatti già percepibili in termini di stress idrico, che colpisce in particolare le foreste ed è misurabile sulla base della perdita del fogliame. Ma si assiste anche ad una crescente fragilità del suolo, della quale fanno le spese le attività agricole, pastorali e il turismo.

Leggi anche: 12 anni per agire o il clima impazzirà

“Occorre prevedere – ha concluso l’Opcc – un cambiamento irreversibile del paesaggio. Accelerando il processo di degradazione di alcune aree, i cambiamenti climatici provocheranno ripercussioni sui ghiacciai, sui laghi e sui torrenti di alta montagna”. Occorrerà inoltre prepararsi ad “un’eventuale perdita di biodiversità, compresa l’estinzione di alcune specie, nonché a profonde modificazioni degli ecosistemi. Gli animali potranno poi vedere modificata la durata della stagione della crescita, mentre le specie esotiche potranno via via fare il loro ingresso sul territorio”. Infine, si dovrà probabilmente fronteggiare “un aumento delle malattie e della presenza di parassiti”.

Articoli correlati