Ecco il kit per il fotovoltaico flessibile e portatile, da trasportare ovunque

Roll Array può essere utilizzato per portare energia in luoghi difficilmente accessibili o in caso di emergenza umanitaria.

È la nuova frontiera del fotovoltaico flessibile e portatile. Roll Array, prodotto dall’inglese Renovagen Ltd, promette di portare energia elettrica laddove c’è più bisogno, nei casi di emergenza e durante le operazioni di soccorso.

 

fotovoltaico flessibile portatile
Uno dei prototipi di Rolla Array. Foto via Renovagen.

 

Nello specifico si tratta di un container alloggiato sopra un piccolo rimorchio, trasportabile da una jeep o da un altro veicolo adatto, che al suo interno contiene circa 50 metri di fotovoltaico arrotolato su sé stesso. Celle in rame-gallio-selenio “cucite” su di un tessuto a formare un tappeto solare da 18 kWp di potenza. Completano il sistema un inverter e un pacco batterie agli ioni di litio da circa 53 kWp. Basta aprire il portellone, collegarlo al gancio traino della jeep e in 3 minuti l’impianto è pronto a produrre elettricità.

 

Roll Array, la soluzione in caso di emergenza

Ciò che rende questo sistema estremamente utile è la sua facilità di utilizzo e di trasporto: in aereo, in elicottero, in auto. In poche ora è in grado di produrre energia elettrica, anche in caso di scarsa illuminazione, grazie al pacco batterie. Il tutto senza emissioni. Secondo quanto riporta l’azienda, Roll Array è in grado potrebbe raggiungere i 200 metri di lunghezza, aumentando di gran lunga la potenza.

Pensiamo solo all’ultimo terremoto in Ecuador, o all’ultimo tifone nelle Filippine, o ai campi profughi a Idomeni. Ovunque ci sia un’emergenza o una situazione critica, questo sistema potrebbe portare una fondamentale fonte di energia per  il primo soccorso, non solo ospedaliero.

Fotovoltaico flessibile e portatile, costi

“Il mercato per l’energia off grid è enorme e in crescita: il 24 per cento del mondo non è raggiunto dalla rete, ma tutti hanno bisogno di energia elettrica”, ha detto John Hingley, il fondatore di Renovagen Ltd al Guardian. Finora l’azienda ha ricevuto ordini per tre prototipi, riporta sempre il Guardian. Le prime versioni dovrebbero costare dai 60 mila ai 140 mila Euro. Una piccola centrale elettrica portatile, in miniatura, dotata di ventole e filtri, capace di rimanere operativa nelle situazioni più difficili.

In commercio esistono anche kit più economici: su Amazon ad esempio è possibile acquistare un pannello da 1 MW di potenza a poco più di 100 euro. Non solo, ma sui siti specializzati, per poche centinaia di euro, esistono kit con solare fotovoltaico e sistema di accumulo incluso.

Articoli correlati