Salone del Mobile: la sostenibilità è protagonista della Circular gallery di Deesup

Al Fuorisalone 2022 di Milano Deesup presenta Circular gallery, un allestimento con i pezzi più iconici del suo marketplace, ospitato da Casa Canvas.

  • Per il Salone del Mobile 2022 Deesup propone Circular gallery, un allestimento ospitato e curato da Casa Canvas, che valorizza il riuso di arredi di design.
  • Circular gallery è un progetto che riflette sulla memoria, sulla necessità di estendere la vita degli oggetti e sul valore che i pezzi acquisiscono nel tempo.
  • Deesup propone l’idea di design circolare, in linea con i trend globali del settore dell’arredo.

Il design è senza tempo, i pezzi iconici di arredo superano le mode dei momenti storici e sono sempre attuali. Lo sanno bene Valentina Cerolini e Daniele Ena, creatori di Deesup, marketplace online dedicato a chi vuole acquistare o vendere prodotti di design certificati. La filosofia di Deesup in realtà si spinge oltre perché crea consapevolezza proprio sul fattore tempo, facendo leva sull’importanza di allungare la vita utile di prodotti di qualità così da ridurre il consumo di materie prime per la produzione di nuovi pezzi.

Durante il Salone del Mobile di Milano 2022 , la fiera di arredamento che è diventata anche un momento di cultura, scambio e creatività con il Fuorisalone che invade le strade di Milano, Deesup ha allestito la Circular gallery, un’installazione che guarda proprio alla necessità di abbracciare la circolarità come approccio alla sostenibilità della produzione e del consumo. Il risultato è un progetto che dà valore al design, espressione del tempo che dura per sempre.

“Partecipiamo alla Design Week con un progetto che ci rende orgogliosi perché valorizza il design che dura nel tempo. Con questo evento celebriamo infatti la circolarità del design in un contesto che amiamo molto, nel cuore di Brera, e che riflette le attese della nostra community di design lovers e professionisti, attenta al cambiamento e sensibile all’impatto che insieme possiamo avere sul pianeta” commentano Cerolini ed Ena di Deesup. “Con design circolare identifichiamo un nuovo modello di consumo che segue la fase produttiva e allunga il ciclo di vita degli arredi favorendone il riuso”. Una questione di sostenibilità, quindi, oltre che di passione e stile.

Deesup circular gallery
Un dettaglio dell’allestimento della Circular gallery di Deesup al Fuorisalone 2022 © Eric Davanzo

La sostenibilità nel mondo del design 

Il mercato globale va proprio in questa direzione. Dalla ricerca Design Economy 2022 di Fondazione Symbola emerge che il riuso è guardato con sempre meno sospetto dalle imprese. Succede con i grandi produttori mass market, che riacquistano i propri arredi e offrono in cambio voucher per acquistarne di nuovi; ma anche con il fenomeno del pre-loved dei brand più ricercati, che recuperano oggetti usati e li ricondizionano per prepararli a una seconda vita. Questi fenomeni si inseriscono in un trend più ampio che riguarda un approccio circolare e maggiormente sostenibile: sempre secondo la ricerca, a guidare il lavoro di progettazione dei designer è sempre  più l’obiettivo di produrre pezzi facilmente riparabili o rigenerabili, così da evitare che finiscano in discarica appena si rompono.

Vale la pena notare che oltre la metà degli intervistati da Fondazione Symbola sarebbe disposta a pagare di più per un prodotto sostenibile. Tra i settori che trainano la domanda di servizi di design sostenibile, a primeggiare è proprio l’arredo (69 per cento), seguito dall’automotive (56 per cento) e dall’immobiliare (38 per cento).

Circular gallery, così Deesup interpreta la sostenibilità

L’installazione di Circular gallery porta il tema della sostenibilità dalla sfera online, quale è il marketplace di Deesup, a quella offline, come è tornato a essere il Salone del Mobile dopo lo stop dovuto alla pandemia. L’allestimento con i pezzi di seconda mano occupa gli spazi di una galleria di arte e design, Casa Canvas, nel cuore di Brera e tocca i temi della circolarità, del tempo, della memoria, in linea con il tema del Fuorisalone di quest’anno che è proprio “tra spazio e tempo”.

L’allestimento diventa la rappresentazione fisica ed emozionale dell’idea alla base del progetto: i pezzi iconici di Deesup dialogano con quelli della casa-galleria e con il lusso artigianale dei suoi spazi. Percorrendo i diversi ambienti, i visitatori potranno vivere esperienze differenti. Nell’ingresso, dove luci e video creano un’atmosfera di grande effetto, un elemento avvolto e sospeso da un filo rappresenta il problema dell’impatto ambientale relativo alla dismissione degli arredi; nel living le scelte illuminotecniche valorizzano le icone di design selezionate dal marketplace di Deesup e riproposte come nuova opportunità del riuso; all’esterno, sul terrazzo, gli arredi rievocano il legame con la natura grazie all’utilizzo di materiali come vimini, rattan e bambù, e chiudono il cerchio simboleggiando l’apertura verso il futuro.

“La Circular gallery è un percorso che abbiamo costruito su più livelli, quasi un viaggio introspettivo per il visitatore per riflettere sull’opportunità del design nella sua visione circolare”, commenta Valentina Cerolini di Deesup. “L’installazione all’entrata vuole essere un punto di rottura per raggiungere la consapevolezza; l’allestimento della galleria offre quindi l’opportunità di un sistema circolare; in chiusura del percorso, una volta che si accede all’outdoor, c’è la riscoperta delle origini”.

“Celebriamo la sostenibilità come valore alla base del progetto”, continua Cerolini. “Abbiamo scelto di raccontarla attraverso delle emozioni che partono dalla ‘consapevolezza’ degli effetti  sul nostro pianeta fino al ‘proposito’ di identificare soluzioni, questo trova nella ‘collaborazione’ il sistema del futuro”. Dare una seconda vita a pezzi di arredo significa anche caricarli di significato, storia, carattere e renderli funzionali a una visione del mondo che desideriamo plasmare e rendere più sostenibile.

Circular gallery
L’allestimento della Circular gallery è curato da Thayse Viegas e Nazarena Manenti, duo di Casa Canvas © Eric Davanzo

La collaborazione con Casa Canvas

L’allestimento della Circular gallery è curato da Thayse Viegas e Nazarena Manenti, duo di Casa Canvas, che hanno attentamente selezionato alcuni pezzi messi a disposizione dai venditori di Deesup creando un mix di stile tra passato, presente e futuro.

“Negli spazi di Casa Canvas si snoda un percorso circolare basato sulla memoria degli oggetti d’arredo, sul valore che prendono nel tempo. Un fil rouge di continuità fa da legante che chiude il cerchio tra la memoria del passato e la progettazione di interni dei nostri giorni”, spiega Thayse Viegas di Casa Canvas. “Casa Canvas è una galleria di arte e design e abbiamo cercato di selezionare pezzi della piattaforma Deesup che fossero in linea con il concept della galleria stessa e lo stile degli oggetti già presenti al suo interno; abbiamo scelto pezzi che rispettavano la nostra palette colore e potevano dialogare, risultare complementari e valorizzare il nostro spazio”, conclude Viegas.

La collaborazione tra Deesup e Casa Canvas nasce dalla volontà di rappresentare in questa edizione del Fuorisalone 2022 un concetto di tempo più consapevole nell’ambito del design. “Da un lato una casa galleria ricca di storia e arte e dall’altro un’azienda innovativa che si fa portavoce di un cambiamento sostenibile per il settore dell’arredo. Entrambi sposano la filosofia della sostenibilità come valore imprescindibile: così è scoccata subito la scintilla e ha preso forma il progetto della Circular Gallery”, racconta Valentina Cerolini di Deesup.

Come visitare la Circular gallery di Deesup a Casa Canvas

La Circular Gallery si trova a Casa Canvas, in via Solferino 42 a Milano ed è aperta dal 6 al 12 giugno dalle 10:00 alle 20:00, ad eccezione delle giornate del 6, 7, 9 e 10 giugno in cui la chiusura al pubblico è prevista alle 18:00. L’ingresso è libero ma per accedere alla galleria è necessario registrarsi nel rispetto del limite massimo di persone imposto dalle norme vigenti. Tutte le informazioni a questo link.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati