Come rassodare il seno e curarlo contro l’invecchiamento

Con il passare del tempo i tessuti perdono di tono, come contrastare questo processo mantenendo la pelle elastica e la muscolatura del seno…

A ognuno il suo seno. Non esiste una forma ideale perché tanti sono i fattori in gioco: dal fattore ereditario, al portamento, alle abitudini alimentari e naturalmente dall’età. Il peso è un fattore importante per il benessere del seno. Repentini dimagrimenti e aumenti di peso minano l’elasticità dei tessuti come quella del seno, particolarmente sensibile.

seno
Il peso è un fattore importante per il benessere del seno © ingimage

Come rassodare e tonificare il seno

Abituarsi a un’andatura sciolta, a spalle aperte e indietro, collo diritto e schiena morbidamente rilassata è già un bel passo avanti. Certo, con il passare del tempo inevitabilmente i tessuti perdono di tono, ma molto si può fare per contrastare questo processo mantenendo la pelle elastica e la muscolatura del petto ben formata.

idratazione seno
L’idratazione è molto importante per mantenere le pelle del seno elastica. ©Getty Images

Massaggio con il ghiaccio

Di tanto in tanto massaggiare il seno per un minuto con un cubetto di ghiaccio: i tessuti si tonificano e la circolazione superficiale aumenta. In Indonesia un rimedio curativo molto diffuso è la frizione con il latte di cocco.

Esercizi

Poiché il seno non possiede una muscolatura propria, ma poggia sul muscolo grande pettorale al quale è saldato attraverso i legamenti sospensori, è molto utile esercitare il suddetto muscolo con semplici esercizi da fare ogni giorno:

  • Congiungere le mani davanti al petto e spingere forte una palma contro l’altra, come se si dovesse schiacciare la noce con le mani. Contare fino a dieci poi allentare la pressione. Ripetere l’esercizio cinque volte.
  • Mettersi in piedi davanti alla finestra aperta e tenere le braccia orizzontali. Eseguite delle circonduzioni con entrambe le braccia cinque volte avanti e cinque volte indietro. Durante l’esercizio inspirate ed espirate con forza.
  • Praticare regolarmente il nuoto fa bene e rassoda la muscolatura del petto. L’ideale è andare in piscina due volte la settimana e nuotare per almeno 20 minuti soprattutto a dorso.
nuoto allenamento seno
Nuotare a dorso aiuta a tenere in allenamento il muscolo che sorregge il seno © Getty Images

Nella doccia, il miglior olio per l’automassaggio del seno

Irrorare il seno alternando acqua calda e fredda concludendo con l’acqua fredda, è utile soprattutto quando i tessuti iniziano a rilassarsi. Dopo la doccia applicate un olio stimolante della funzione epidermica, spalmando seno e decolleté picchiettando delicatamente la pelle con la punta delle dita, fino al completo assorbimento. Il movimento deve sempre essere dal basso verso l’alto. Molto adatti per il massaggio al seno sono l’olio di jojoba, olio di mandorle dolci o anche semplicemente l’olio di oliva.

seno massaggio
Molto adatti per il massaggio al seno sono l’olio di jojoba, olio di mandorle dolci o anche semplicemente l’olio di oliva © Drew Graham/Unsplash

Prima della doccia massaggiate delicatamente le mammelle con una spazzola morbida. Procedete sempre dall’esterno verso l’esterno e dal basso verso l’alto senza massaggiare i capezzoli. Con questa operazione si eliminano le cellule morte e si stimola la circolazione superficiale. Fare un peeling una volta al mese, infine, può aumentare ancora di più l’efficacia del massaggio.

di Sonia Tarantola

Articoli correlati