Negli Stati Uniti e in Messico la peggiore siccità degli ultimi 1.200 anni

Uno studio ha valutato la gravità della siccità che sta colpendo Stati Uniti e Messico. Si tratta dell’episodio peggiore degli ultimi dodici secoli.

Gli Stati Uniti sud-occidentali e il Messico stanno vivendo il peggiore episodio di siccità mai registrato nell’intera America settentrionale da 1.200 anni. A spiegarlo è uno studio pubblicato il 14 febbraio sulla rivista scientifica Nature Climate Change, nel quale si indica a chiare lettere come la mancanza di precipitazioni sia stata aggravata dai cambiamenti climatici.

Suoli estremamente aridi dal Montana al Messico

I ricercatori autori dell’analisi precisano che l’episodio – che non dà tregua all’area ormai dall’inizio del millennio – proseguirà probabilmente ancora nel corso del 2022. “Il periodo tra l’estate del 2000 e quella del 2021 è stato il più secco almeno dall’anno 800 dopo Cristo. E in particolare lo scorso anno la siccità ha raggiunto un grado di severità eccezionale”.

Proprio a causa dell’esacerbarsi della situazione nel 2021, l’episodio ventennale è ormai ritenuto peggiore di quello che si produsse alla fine del sedicesimo secolo, secondo quanto specificato da un comunicato dell’università Ucla di Los Angeles, i cui scienziati hanno curato la ricerca. Per ritrovare un caso altrettanto grave occorre dunque risalire a 1.200 anni fa.

Siccità negli Stati Uniti
Distribuzione di acqua nello stato americano del New Mexico, colpito da una straordinaria ondata di siccità © Spencer Platt/Getty Images

Gli stessi ricercatori hanno precisato inoltre che il tasso di umidità presente nel suolo è due volte inferiore rispetto a quello registrato, in media, in tutti gli altri casi di siccità che si sono presentati nel corso del ventesimo secolo. Una situazione talmente grave da far sì che, anche in caso di ritorno delle precipitazioni, gli impatti dureranno ancora a lungo in tutta l’area che va – da nord a sud – dal Montana meridionale fino al Messico settentrionale e – da ovest e est – dal Pacifico alle Montagne rocciose.

Senza i cambiamenti climatici la siccità sarebbe stata molto meno grave

Park Williams, geografo e principale autore dello studio ha confermato in questo senso che “è poco probabile che questa siccità possa essere superata semplicemente grazie ad un’annata piovosa”. Lo stesso scienziato ha infine precisato che “senza il peso dei cambiamenti climatici, gli ultimi 22 anni sarebbero stati comunque i più secchi degli ultimi tre secoli”. Ma per lo meno non si sarebbe arrivati ai picchi attuali.

Il riscaldamento globale, infatti, secondo lo studio sta moltiplicando gli episodi di caldo estremo e sta perturbando il ciclo normale delle precipitazioni. Ed è per questo responsabile del 42 per cento del calo dell’umidità del suolo nell’area oggetto di studio.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati
India, temperature alle stelle: verifiche su un valore di 52,9 a Nuova Delhi

Martedì 28 maggio due stazioni meteorologiche situate nella capitale dell’India, Nuova Delhi, hanno registrato una temperatura record. Ben 52,9 gradi centigradi all’ombra. un valore straordinario e che supera perfino quello registrato nel maggio del 2022, quando la colonnina di mercurio aveva raggiunto i 49,2 gradi. La settimana scorsa quasi 48 gradi centigradi a Nuova Delhi