Turchia, in Parlamento la riforma che darebbe pieni poteri a Erdogan

Il Parlamento della Turchia ha avviato l’esame della proposta di riforma costituzionale che potrebbe mantenere Erdogan al potere fino al 2029.

Il parlamento della Turchia ha avviato nei giorni scorsi l’esame di una proposta di revisione costituzionale che concentrerebbe la stragrande maggioranza dei poteri nelle mani del presidente. E che permetterebbe in particolare all’attuale leader della nazione euro-asiatica, Recep Tayyip Erdogan di restare al potere fino al 2029.

La Turchia verso un sistema fortemente presidenziale

La riforma instaurerebbe ad Ankara una forma di governo fortemente presidenzialista, con il trasferimento dei poteri attualmente appannaggio del primo ministro alla figura del capo di stato. Si creerebbe in questo modo un soggetto monocratico, nel quale convergerebbero i ruoli di presidente e di capo del governo. “Due comandanti fanno colare a picco le navi: a decidere deve essere uno solo”, ha dichiarato Binali Yildirim, l’attuale primo ministro, di fronte al parlamento.

Turchia parlamento riforma costituzione
Il primo ministro della Turchia Binali Yildirim in Parlamento ©Murat Kaynak/Anadolu Agency/Getty Images

Il testo della riforma è stato già approvato da una commissione parlamentare alla fine del 2016 e, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa filo-governativa Anadolu, potrebbe ricevere il via libera dei deputati entro un paio di settimane. Un referendum sarà quindi organizzato nei sessanta giorni successivi all’approvazione, ovvero presumibilmente tra la fine di marzo e l’inizio di aprile. Secondo le opposizioni, si tratta di un’accelerazione verso una deriva autoritaria, particolarmente evidente dopo il tentativo di colpo di Stato dello scorso 15 luglio e le purghe che lo hanno seguito. Al contrario, i membri del partito islamo-conservatore Akp di Erdogan si dicono convinti della necessità di introdurre un sistema presidenziale, al fine di assicurare stabilità di governo alla Turchia.

Turchia erdogan
Il presidente della Turchia Erdogan ©Kayhan Ozer/Anadolu Agency/Getty Images

Manifestazioni di protesta delle opposizioni

Una manifestazione di protesta è stata organizzata di fronte al Parlamento nella giornata di lunedì 9 gennaio. La polizia è immediatamente intervenuta per disperdere la folla, utilizzando anche gas lacrimogeni e idranti: secondo quanto riportato dall’agenzia Afp numerose persone sono state ferite, tra le quali alcuni deputati del partito di opposizione Chp (socialdemocratici). Se la riforma verrà approvata, verranno disposte nuove elezioni (legislative e presidenziali) nel novembre del 2019. A partire da quel momento, chi verrà eletto alla guida del paese potrà restare in carica per un massimo di due mandati consecutivi di cinque anni ciascuno. Il che, appunto, consentirebbe ad Erdogan di conservare la propria poltrona per altri tredici anni a partire da oggi. Inoltre, il presidente potrà sciogliere il Parlamento, nominare in autonomia i ministri, dirigere le forze armate, controllare il bilancio dello stato e decretare autonomamente gli stati d’emergenza.

Turchia riforma costituzionale
Scontri in Aula tra deputati della maggioranza e dell’opposizione durante il dibattito sulla riforma costituzionale in Turchia ©AFP/Getty Images

Per essere approvata dal Parlamento della Turchia, la proposta di riforma costituzionale dovrà ottenere una maggioranza di almeno 330 deputati (su un totale di 550). Un traguardo alla portata dell’Akp, tenendo conto che la revisione è sostenuta anche dalla destra nazionalista dell’Mhp: assieme, i due partiti possono contare su 355 seggi.

Articoli correlati