I voli aerei verso l’America andranno più piano. A frenarli sarà il clima

Uno studio inglese spiega che nel 2100 i voli aerei dall’Europa agli Usa saranno più cari, lunghi e inquinanti di oggi. A causa dei cambiamenti climatici.

Nel 2100 un volo tra Londra e New York, così come qualsiasi altro volo transatlantico dall’Europa verso l’America del Nord, sarà più caro, più lungo e più inquinante rispetto ad oggi. Ciò a causa dei cambiamenti climatici, ed in particolare per via delle conseguenze che l’aumento della temperature media dell’atmosfera terrestre provocherà sulla circolazione dei venti. A spiegarlo è uno studio dell’università inglese di Reading, pubblicato sulla rivista scientifica Environmental Research Letters.

L’andata e ritorno sarà nel complesso più lunga

L’analisi dei ricercatori britannici spiega infatti che con l’aumento che si sta registrando nella temperatura atmosferica, soprattutto nella regione artica, la corrente aerea che soffia sopra l’oceano Atlantico, da ovest verso est, chiamata “jet-stream”, si modificherà, intensificandosi fortemente. E non basterà il tempo guadagnato sulla strada del ritorno (ovvero verso l’Europa) per compensare il ritardo accumulato all’andata.

 

voli usa europa cambiamenti climatici
I tempi di percorrenza dei voli dall’Europa verso gli Usa cresceranno a causa dei cambiamenti climatici ©Bruce Bennett/Getty Images

 

«I voli verso ovest dovranno fronteggiare dei venti contrari più forti – ha spiegato Paul Williams, climatologo dell’ateneo inglese – e sebbene quelli verso est potranno godere di una spinta maggiore alle loro spalle, l’andata e ritorno sarà nel complesso più lunga».

 

Aumenteranno consumi, costi e impatto ecologico

Le conseguenze saranno perciò al contempo economiche ed ecologiche: «Ciò – aggiunge lo scienziato – potrà provocare un aumento del consumo di carburante, e dunque dei costi. E aggraverà l’impatto ambientale di tali spostamenti».

 

Lo studio spiega infatti che ogni anno un aereo potrebbe accumulare duemila ore di volo in più per la tratta, il che potrebbe costare alla compagnia circa 22 milioni di dollari. L’aumento dei consumi equivarrebbe inoltre alle emissioni di CO2 di 7.100 appartamenti.

 

Aerei inquinamento
Gli aerei dovranno limitare le loro emissioni inquinanti, ma le regole si applicheranno solo dal 2028 ©John Li/Getty Images

 

Aerei più ecologici. Ma solo dal 2028

Nel frattempo, l’International Civil Aviation Organization delle Nazioni Unite, dopo sei mesi di negoziati, ha raggiunto un accordo con l’industria aeronautica. L’intesa prevede l’introduzione di limiti alle emissioni di CO2 degli aerei, ed è la prima volta che accade: il traffico aereo non era stato incluso in alcun accordo, neppure in quello di Parigi raggiunto al termine della Cop 21 nello scorso mese di dicembre.

 

Unico problema, le nuove regole si applicheranno solo agli aerei consegnati a partire dal 2028. Nel frattempo, il settore continuerà a produrre tante emissioni quante ne rilascia ogni anno un paese intero come la Germania. Valore che secondo alcuni analisti potrebbe triplicare nei prossimi decenni.

 

Immagine di apertura: Vista aerea dello scalo di New York ©Mario Tama/Getty Images
Articoli correlati