10 consigli per salvare il mondo

Una ricerca dell’Università di Oxford fornisce alcuni suggerimenti per affrontare al maglio i rischi globali e salvare il mondo.

Esiste un’organizzazione con sede a Stoccolma, la Global Challenges Foundation, che si occupa di individuare e analizzare i maggiori rischi per l’umanità e di proporre eventuali soluzioni.

 

L’ultimo rapporto pubblicato sul sito dell’organizzazione e scaricabile gratuitamente è a cura di un gruppo di ricercatori dell’Università di Oxford e stila un elenco di dodici potenziali catastrofi a cui il genere umano potrebbe trovarsi esposto e a cui sarebbe meglio farsi trovare preparati.

 

10-consigli-per-salvare-il-mondo-2

Foto ©GettyImages


I dodici grandi rischi sono divisi in quattro gruppi
, tra rischi attuali, rischi esogeni (cioè non dipendenti dall’attività umana), rischi emergenti e rischi legati alla politica globale.

 

10-consigli-per-salvare-il-mondo-3

Foto ©GettyImages

Tra i primi troviamo i cambiamenti climatici estremi, la guerra nucleare, una possibile catastrofe ecologica, una pandemia globale, il collasso dell’economia mondiale; i secondi annoverano l’eruzione di un supervulcano e l’impatto di un grande asteroide; i terzi riguardano biologia sintetica, nanotecnologie, intelligenza artificiale e pericoli sconosciuti; i quarti riguardano una cattiva gestione della politica globale.

 

10-consigli-per-salvare-il-mondo-4

Foto ©GettyImages

L’obiettivo dei ricercatori, che hanno definito queste dodici minacce “rischi con impatto potenzialmente infinito”, è quello di stimolare il dibattito internazionale e spronare i leader politici a intervenire affinché vengano create delle contromisure.

 

Ecco perché nel rapporto vengono elencati 10 strategie utili per “salvare il mondo” e affrontare le minacce per l’umanità:

 

1) Creare un network globale che si occupi dei rischi ad impatto infinito;

2) Migliorare le capacità di analisi del rischio;

3) Creare sistemi di allerta precoce;

4) Iniziare a visualizzare il mondo come un sistema sociale ed ecologico estremamente complesso ed interconnesso;

5) Premiare i paesi che compiono sforzi per evitare i rischi;

6) Prendere in considerazione anche i rischi che sembrano remoti ma che potrebbero avere un impatto disastroso;

7) Spostare l’attenzione sulla possibilità che si verifichino eventi estremi e studiarne possibili effetti;

8) Migliorare la comunicazione del rischio, con un linguaggio adeguato;

9) Stabilire degli indicatori di rischio globale e di opportunità per intervenire;

10) Prendere in considerazione la possibilità di fondare una Global Risk Organization.

 

Articoli correlati