Rimedi naturali

Digestivo naturale: metodi naturali efficaci per stomaco pesante e per digerire meglio

Erbe, rimedi omeopatici, argilla: la natura ci viene in soccorso dopo un pasto pesante e indigesto. È molto facile preparasi un semplice digestivo naturale.

Peso allo stomaco, nausea, digestione difficile… C’è chi ne soffre di continuo e chi accusa uno di questi sintomi solo dopo un pasto pesante o troppo abbondante. Se il problema è insistente, è necessario rivolgersi al medico per accertarsi che non ci sia una vera e propria patologia di fondo, ma se è occasionale, possiamo attingere a uno degli efficaci rimedi naturali a disposizione.

Primo soccorso dalla cucina, il digestivo naturale lo trovi in dispensa

Non è necessario avere prodotti specifici, anche in frigorifero o nella dispensa c’è quello che serve per combattere i disturbi digestivi e sentirsi subito meglio.

Il limone è un ottimo digestivo naturale, può essere aggiunto al tè o come semplice limonata
Il limone è un ottimo digestivo naturale, può essere aggiunto al tè o come semplice limonata

 

Un limone è sempre a portata di mano: se è biologico, possiamo farci un “canarino”, mettendo tre striscioline sottili di scorza (eliminando la parte bianca e lasciando solo la parte esterna) in una tazza da tè di acqua calda, e lasciando bollire qualche minuto prima di bere. Ma se il limone non è di provenienza certa e “pulita”, meglio usare il succo per preparare la classica limonata, da sorseggiare ancora calda.

alloro
Un semplice infuso di foglie di alloro è un ottimo digestivo naturale

Efficace anche un infuso di foglie di alloro, tre in una tazza da tè di acqua bollente, lasciate a riposare per dieci minuti prima di filtrare e bere. Oppure, se prevale una fastidiosa sensazione di gonfiore, optiamo per un cucchiaio di semi di finocchio al posto dell’alloro, procedendo poi nello stesso modo. Queste tisane sono molto gradevoli e possono diventare un ottimo sostituto del caffè, dopo mangiato.

Granuli da scegliere “su misura”, ecco alcuni digestivi omeopatici

omeopatia
Anche l’omeopatia aiuta, fornendoci degli ottimi digestivi omeopatici

L’omeopatia andrebbe personalizzata, ma alcuni rimedi sono facili da individuare:

  • Il più classico per la digestione difficile è senz’altro Nux vomica 5 CH, adatto se c’è sensazione di peso allo stomaco, mal di testa, nervosismo, crampi addominali ed eruttazioni. Utile anche per i postumi degli stravizi, quando i sintomi, insieme alla nausea, compaiono il mattino dopo.
  • Sintomi simili, ma con una sensazione di peso più in alto, a livello dello sterno, e un mal di testa accompagnato da desiderio di piangere invece che dal nervosismo, soprattutto se nonostante i problemi a digerire c’è un forte desiderio di dolci, fanno preferire Pulsatilla 9 CH.
  • Quando prevalgono acidità e bruciore di stomaco, forte difficoltà a digerire, rigurgiti e a volte diarrea, serve Antimonium crudum 9 CH.

Tutti si prendono dopo il pasto o al momento in cui si presenta il problema, lasciando sciogliere tre granuli sotto la lingua, ripetendo eventualmente la dose dopo un’ora se il problema non è risolto.

Altri due rimedi

L’angelica arcangelica è una pianta potentemente digestiva: basta provare a prenderne venti gocce di tintura madre (si trova in farmacia o in erboristeria) per rendersene conto. L’effetto è di solito veloce, quindi a chi ha lo stomaco “pigro” conviene tenerla in casa.

Infine, l’argilla viene in aiuto a chi soffre di acidità o bruciore di stomaco. Se ne prende una compressa quando il disturbo si fa vivo, ma attenzione, può provocare stitichezza. Se accade, bisogna ricorrere a un altro rimedio.

Articoli correlati
Ricerca in omeopatia, il racconto di chi la fa in Italia

La ricerca medico scientifica in omeopatia esiste e porta a risultati concreti. Un contributo alla letteratura scientifica in questo settore arriva dagli studi del Prof. Paolo Bellavite e del suo gruppo, condotti nel corso di molti anni presso l’Università di Verona.

Effetto placebo, l’omeopatia applicata alle piante lo smentisce

Ricerche in laboratorio hanno dimostrato che i vegetali, immuni dall’effetto placebo, se trattati con medicinali omeopatici reagiscono diventando più resistenti e più ricchi di sostanze nutraceutiche. Ce ne parla Lucietta Betti, già ricercatore confermato e docente di patologia vegetale e micologia.