Acqua di rubinetto: pro e contro

Acqua di rubinetto, pro e contro, ecco l’elenco.

I vantaggi
dell’acqua di rubinetto.
E’ più ecologica dell’acqua confezionata, soprattutto se in
plastica. Ogni anno in Italia ben 150mila tonnellate di bottiglie
di plastica si accumulano come rifiuti.

Ogni persona che sceglie di bere acqua di rubinetto risparmia 24 kg
di CO2 l’anno e 11 kg di plastica.

Permette di ridurre le emissioni di CO2 legate al trasporto del
prodotto confezionato su strada e, in minima parte, su rotaia.
Costa meno

E’ più pratica (basta aprire il rubinetto) e ci evita la
fatica di trasportarla fino a casa

Secondo i controlli effettuati dalle Asl ha una qualità pari
o addirittura superiore a quella dell’acqua in bottiglia.

Gli
svantaggi.


Secondo un libro pubblicato di recente (Così ci uccidono,
Emiliano Fittipaldi, Rizzoli) “lo stato delle acque pubbliche
italiane e la possibilità accettata per legge che si possano
ingurgitare sorsi di sostanze tossiche al di sopra delle soglie
massime è un fenomeno nascosto, che coinvolge centinaia di
comuni in tutto il Paese.Città e piccoli centri dove ogni giorno dai rubinetti della
cucina e dalla doccia sgorgano mischiate alle molecole d’acqua,
anche quelle dell’arsenico, dell’alluminio, del cromo, del nichel.
Con l’aggiunta di un po’ di piombo, vanadio, fluoro, selenio,
trialometanio, atrazina”.

Le Regioni nasconderebbero la presenza di queste sostanze alzando i
limiti di legge.

 

Articoli correlati