Rimedi naturali

Contro le zanzare, rimedi naturali

Cosa fare per difendersi da questi fastidiosissimi insetti? Gli insetticidi in commercio sono efficaci, ma possono non essere innocui. Scopriamo che alcuni oli essenziali funzionano meglio. E fanno anche bene.

Il primo consiglio per tenere lontane le fastidiose zanzare è sempre quello di creare una barriera fra le zanzare e la nostra casa, dove appunto tendono a nascondersi. Quindi attrezzarsi con piante che emanino profumi sgradevoli per i nostri nemici, ad esempio piante aromatiche facili da coltivare e che si possano sfruttare per l’uso quotidiano in cucina, quali basilico, rosmarino, menta, lavanda e citronella. Possiamo potenziare questi profumi,  sicuramente  gradevoli agli esseri umani, con oli essenziali da rinnovare giornalmente.

I gerani sono un rimedio naturale contro le zanzare
L’odore di determinate piante, come i gerani, rappresenta un ottimo deterrente per le zanzare, tenendole lontane da casa

Rimedi generali contro le zanzare

– Mettere dentro e fuori casa alcune piante come gerani, citronella, lavanda, calendula, erba gatta e non ultima la catambra, pianta dalla folta chioma e antizanzare per eccellenza.
– Passarsi sulla pelle foglioline di melissa.
– Montare zanzariere alle finestre.
– Occhio ai più piccoli ristagni d’acqua intorno alla nostra casa, pozzanghere, sottovasi, lavandini intasati, fontanelle. Ovunque ci sia acqua ferma, nei mesi estivi, le larve di zanzara possono proliferare.
– Non vestirsi di nero. Le zanzare sono attratte dai colori scuri.
– È vero che le zanzare sono sensibili agli odori corporei. Un motivo in più per non lesinare nelle docce estive e nell’igiene personale.
– Ridurre o evitare la carne rossa: innalza lievemente la temperatura corporea (essendo di più difficile digestione) e contiene putrescina, che poi traspira dalla pelle: entrambe le cose attraggono le zanzare femmina.

– Una dieta ricca di vitamine del gruppo B rende l’odore della nostra pelle, per noi veramente impercettibile, sgradevole alle zanzare che riescono a percepirlo già a diversi metri di distanza.

– Il consumo di alimenti come basilico, menta, rosmarino, peperoncino, aglio e pepe nero faranno in modo di rendervi meno appetibili per le zanzare.

Lavanda un rimedio naturale contro le zanzare
La lavanda è uno dei rimedi naturali più efficaci contro le zanzare, questa pianta emana un’odore sgradito agli insetti (Photo by Frank Bienewald/LightRocket via Getty Images)

Oli essenziali: repellenti antizanzare

Gli oli essenziali possono essere piacevoli ed efficaci aiuti anti-punture. Possono essere impiegati con un bruciaessenze, sulla pelle in unguenti con gel d’aloe o jojoba, o spray, oppure è possibile versarne alcune gocce  in un fazzolettino di carta, un batuffolo di ovatta o meglio su una pallina di legno o di cotone da tenere sul davanzale della finestra o eventualmente anche sul comodino.
– Citronella

– Lavanda
– Geranio. Le varietà repellenti per gli insetti sono Pelargonium graveolens, Pelargonium radens e Pelargonium capitatum.
– Lemon Eucalyptus
– Cannella
– Rosmarino
– Lemongrass
– Cedro
– Menta
– Aglio

Ricerca/1: l’olio di pino

Nel giugno 2008 i ricercatori dell’ARS – il centro di ricerca dell’US Department of Agriculture degli Stati Uniti – hanno scoperto che un composto naturale dell’olio di pino si è dimostrato efficace in prove di laboratorio come repellente contro zanzare e acari. Il principio attivo che svolge questa azione si chiama isolongifolenone ed è stato brevettato. Nelle prove di laboratorio il composto
naturale ha impedito le punture delle zanzare in modo molto più efficace rispetto a repellenti sintetici.

Pino, repellente per le zanzare
Tra i rimedi naturali per contrastare le zanzare c’è anche l’olio di pino (Photo by Wolfgang Kaehler/LightRocket via Getty Images)

Ricerca/2: la cannella

Secondo una ricerca del 2004 un’aldeide contenuto in questa diffusissima spezia si è dimostrato molto efficace nell’eliminare la zanzara della febbre gialla. E gli studi proseguono. Il potere antisettico della cannella, già oggetto di studi da parte dei ricercatori, continua a stupire per la sua efficacia: sul Journal of Agricultural and Food Chemistry, i ricercatori della School of Forestry and Resource Conservation all’Università nazionale di Taiwan, hanno scoperto che l’olio estratto dalle foglie di cannella è in grado di uccidere le larve di zanzare meglio di qualsiasi sostanza chimica. Lo studio è stato effettuato sulle larve di Aedes aegypti, la pericolosa zanzara responsabile della febbre gialla: quattro degli 11 composti chimici dell’olio di cannella selezionati si sono dimostrati efficacissimi nel distruggere la metà delle larve trattate, in 24 ore e a bassissime dosi. Oltre a cercare di controllare numericamente questi insetti attraverso l’eliminazione delle larve, gli studiosi hanno testato tutti i componenti della cannella con l’obiettivo di creare uno spray repellente contro le zanzare adulte, da applicare sulla pelle.

Cannella, un rimedio contro le zanzare
La cannella è un eccellente antizanzare naturale, l’olio estratto dalle foglie di cannella è in grado di uccidere le larve di zanzare meglio di qualsiasi sostanza chimica (Photo by FlowerPhotos/UIG via Getty Images)

Repellenti naturali in commercio

– Un ottimo esempio di prodotto antizanzare eco-biologico è Victor Philippe.
– Neutrazà – Ismeg (Frais Monde). È la più vasta gamma di prodotti. Con oli essenziali di geranio e citronella, la crema non unge. Una formula che ne consente l’uso anche sulla pelle delicata dei bambini. Non testato su animali. Oltreché in crema, Neutrazà è disponibile anche nelle formulazioni Roll, Gel, Spray e Cerotti.
– Le piastrine “naturali”: esistono anche piastrine aromatiche per “fornelletti elettrici” naturali, in erboristeria si trova la confezione da 18 piastrine profumate con i 15 olii essenziali della linea Colibrì, tra cui lavanda, geranio, legno di Cedro, Neem e Vetyver, una fragranza rinfrescante e delicata che non disturba il sonno.
– Solo per gli indumenti: il piretro non è un repellente ma un insetticida potente e rapido che causa la morte dell’insetto danneggiando il suo sistema nervoso. Da questo si è ricavata la permetrina che è efficace contro zanzare, mosche, zecche e cimici. Il principio attivo deve essere sparso sugli indumenti e sui tessuti di casa. Viene estratto dai fiori di Chrysanthemum cinerariifolium.

– Un altro classico e ormai rodato prodotto antizanzare è il ledum palustre, un rimedio omeopatico in granuli, che preso per via orale rende la sudorazione sgradevole ai delicati e sensibili recettori delle zanzare. In genere si usa la diluizione 5 CH o 9 CH e se ne assumono 3 granuli per 3 o 4 volte al giorno sotto la lingua e lontano dai pasti. Se il problema è più complesso e le vostre punture di insetto tendono a gonfiarsi, vale la pena assumere Apis mellifica 200 CH in dose unica, continuando poi con i globuli di Istaminum 5 CH, 3 granuli ogni 2 ore fino a netto miglioramento.

Rimedi contro le punture, dopo il morso

– Mosquito Remedy Gel – Esi: utile nell’attenuare le sensazioni fastidiose della pelle dovute a punture di insetti quali le zanzare. Gel ricco di Aloe Barbadensis e olio di Tea Tree, olio essenziale derivato dalla distillazione a vapore delle foglie di Melaleuca Alternifolia, dalle note proprietà antisettiche. L’olio di Tea tree è un ottimo repellente e funziona in modo fantastico anche sull’eventuale puntura dell’insetto, donandovi immediato sollievo. Il suo aroma molto forte allontana zanzare e insetti in genere esattamente come l’olio di Neem, meno gradevole ma comunque estremamente efficace.

– Il ribes nero macerato glicerinato (mg) è un ottimo alleato se si deve contrastare una forte reazione alle punture di zanzare o altri insetti. Se sappiamo di essere a rischio si consiglia di assumerlo insieme a rosa canina mg sin dall’inizio della stagione estiva, come preventivo. Il dosaggio dovrà essere calibrato in base all’età e alla corporatura di chi lo deve assumere.

– Massaggiare sulle punture una noce di gel di aloe.

– Qualche goccia di olio di neem.

– Una pomata alla calendula.

Potete diluire poche gocce di questi oli in una crema o semplicemente in un gel d’aloe che userete quotidianamente per proteggervi.

– Anche i fiori australiani possono aiutarci, quindi tenere sempre con sé la preparazione emergency sia in crema che in gocce. La prima da applicare subito dopo la puntura e le gocce da assumere per via sublinguale (7 gocce ogni 10 minuti per 4 o 5 volte), fino a regressione della reazione. Se il prurito è molto intenso aggiungere sia alle gocce che alla crema Spinifex, cespuglio erboso con foglie aghiformi originario del continente australiano, che svolge un’azione purificante e lenitiva sui disturbi fisici.

Pipistrelli anti zanzare
I pipistrelli sono un ottimo antizanzare naturale, questi animali infatti possono mangiare fino a duemila zanzare a notte (Photo by Harald Lange/ullstein bild via Getty Images)

Pipistrelli contro le zanzare: la bat-box

Il pipistrello svolge un ruolo ecologico fondamentale: è un insetticida naturale che, durante la notte, arriva a mangiare fino a 2.000 zanzare (autoctone e tigre); in più, volando, diventa un vero e proprio tramite per l’impollinazione e la dispersione dei semi, garantendo la sopravvivenza di moltissime
piante e fiori. A differenza degli altri animali non crea un nido o una tana, ma sfrutta cavità naturali come le grotte oppure zone coperte e protette come le soffitte e i sottotetti. L’urbanizzazione e le modifiche all’assetto architettonico delle città hanno contribuito alla drastica diminuzione dei luoghi
adatti alla sua accoglienza. Si trovano in vendita nei centri per il fai da te e il giardinaggio delle casette per pipistrelli, ad esempio della Verdemax, che consentono di offrire ospitalità a un pipistrello sul terrazzo o in giardino. Va posizionata il più in alto possibile, non meno di 4 metri,
sulla parete della casa o su una pianta, lasciando uno spazio libero intorno alla casetta per consentire l’approdo dei pipistrelli. Più casette nella stessa area agevolano ulteriormente il ripopolamento, ma occorre sistemarle ad alcuni metri di distanza tra loro.

Articoli correlati