Arte Sella dove arte e natura si incontrano

A Borgo Valsugana l’arte incontra e si fonde con la natura e dà vita ad Arte Sella, la galleria con opere a cielo aperto che rispetta e si integra con l’ambiente.

Esiste una galleria d’arte a cielo aperto, dove le opere non sono esposte ma vivono nella natura: si chiama Arte Sella, è a Borgo Valsugana ed è magnifica. Qui creatività e ambiente sono i protagonisti e lavorano insieme, rispettandosi e contaminandosi l’un l’altra. L’artista non è più al centro del processo ma lascia la scena, anzi lo spazio (aperto) all’opera.

Arte Sella: fare arte con e nella natura

Ad Arte Sella le opere vivono con e nella natura. Gli artisti sono incoraggiati a non compiere modifiche radicali del territorio ma anzi a recuperare ciò di cui hanno bisogno nei boschi circostanti utilizzando materiali naturali come le foglie, i rami d’albero, le pietre, la terra. Il processo creativo e quindi l’opera finale è in continuo mutamento, chiaramente sottomessa alle condizioni atmosferiche e allo scorrere delle stagioni. Questa dimensione del lavoro artistico ha un rapporto diverso anche con l’ecologia: la natura non è più protetta, ma interpretata nella sua essenza, è una fonte di sapere e di esperienza che va salvaguardata anche attraverso un atteggiamento di rispetto e attenzione da parte dei visitatori.

 

 

In questa dimensione naturale, in questa galleria all’aperto, le opere vanno trovate, ammirate, percorse, e rispettate lungo un sentiero forestale liberamente accessibile che si estende per tre chilometri sul versante del monte Armentera.

Il Percorso Arte Natura

Esistono due percorsi, in quello denominato Arte Natura il visitatore è invitato a procedere fra stretti sentieri di terra battuta, un biotopo, ampi prati e alberi secolari in un dialogo silenzioso con le opere realizzate dagli artisti nel corso degli anni. Al momento sono 58 opere e comprendono lavori, tra gli altri, di Rainer Gross, Sally Matthews, Will Beckers, Francois Lelong, Giuliano Orsingher, Anthony Howe, Stuart Ian Frost.

Nel periodo estivo le molteplici attività di Arte Sella vengono ospitate a Malga Costa, un antico edificio rurale trasformato in uno spazio espositivo e culturale. Questo percorso è a ingresso libero, per gli orari è bene, specialmente in inverno, contattare Arte Sella, qui tutte le info necessarie.

 

La Cattedrale Vegetale

Una delle opere che caratterizza lo spazio naturale di Arte Sella e il percorso Area Malga Costa è la Cattedrale Vegetale, realizzata nel 2001 nelle vicinanze di Malga Costa dall’artista Giuliano Mauri. Quest’imponente opera d’arte e architettura ha le dimensioni di una vera e propria cattedrale gotica, con tre navate di dodici metri di altezza e una superficie di 1220 metri quadrati. Quattrocentoventi colonne di sostegno, cinquecento anelli, tremila ramoscelli intrecciati costituiscono l’impalcatura della Cattedrale. Imponente ma naturale allo stesso tempo. All’interno delle colonne sono stati piantati dei piccoli alberi di carpine. Le colonne sono artifici realizzati dall’artista per accompagnare le piante durante i vent’ anni di cui esse hanno bisogno per diventare adulte; dopo tale periodo, le strutture sono destinate a marcire per lasciare il posto ad 80 piante a forma di colonna che ricorderanno il lavoro dell’artista. Un progetto tanto architettonico quanto naturale in un equilibrio totale.

Questo itinerario è a pagamento, costa 7 € accedervi ed è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 17.

 

Arte Sella fa sentire l’arte naturale, armoniosa e viva e incanta il visitatore. Uno scenario così perfetto che grandi della musica, del teatro e della letteratura qui hanno trovato il luogo giusto per la loro arte: Jovanotti, Baricco, Paolini, Capossela si sono espressi ad Arte Sella.

 

Articoli correlati
Hollywood Icons in mostra a Roma, ovvero come nasce una stella del cinema

I 161 ritratti provenienti dalla Fondazione John Kobal e inclusi nella mostra romana “Hollywood Icons” visitabile sino al 17 settembre al Palazzo delle Esposizioni, illustrano i segreti della fotografia di scena e il suo ruolo nel meccanismo mediatico di creazione dei divi hollywoodiani dagli anni Venti in poi.